Olivo Matto

Le fave fritte! Che ghiotta esperienza

Luigi Caricato

Le fave fritte! Che ghiotta esperienza

Da ragazzino odiavo le fave secche, opponendomi fieramente al solo accenno. Da adulti i gusti cambiano, e così oggi ho potuto sperimentare una versione inedita, mai provata prima: le fave secche fritte. Si tratta di una specialità pugliese che ignoravo del tutto, e così quest’oggi ho voluto provare.

LA RICETTA

La ricetta l’avevo in verità già presentata lo scorso dicembre, ma insieme ad altri fritti: cozze e lampascioni. Oggi la ripropongo in solitaria e con maggiori dettagli. E’ veramente gustosa.

Fave fritte

Ingredienti

500 g di fave secche

1 patata di media grandezza

olio extra vergine di oliva

100 g di sale fino

Preparazione

Si lava e si sbuccia la patata. La si cuoce insieme con le fave secche preventivamente messe a bagno, quest’ultime, la sera prima. Tempo di cottura circa 10 minuti, in abbondante acqua salata.

Dopo aver scolato le fave si infornano dapprima per 5 minuti, poi si immergono in abbondante liquido di frittura (rigorosamente in bagno di olio extra vergine di oliva dal fruttato di media intensità – io ho optato per un olio monocultivar Ogliarola di Lecce, dal gusto rotondo e armonico).

Al termine si lasciano scolare le fave e si sistemano su carta assorbente.

Solo a operazione terminata, con le fave ben asciutte, si provvedono a salarle.

Vengono servite fredde.

Per commentare gli articoli è necessario essere registrati
Se sei un utente registrato puoi accedere al tuo account cliccando qui
oppure puoi creare un nuovo account cliccando qui

Commenta la notizia

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.