Olivo Matto

Olio d’agosto, non ti riconosco. O forse sì

Luigi Caricato

Olio d’agosto, non ti riconosco. O forse sì

Oggi è ferragosto, e vi auguro di viverlo con grande profusione di gioia. Il 15 agosto ormai è per tutti un giorno che ricorda l’estate mentre volge al termine, ma non dimentichiamoci i valori veri di tale giornata, coincidenti con l’assunzione in cielo della Vergine Maria. Che ci si creda o no, è sempre bene tenerne conto. Tradizionalmente in Italia il ferragosto lo si lega alle gite fuori porta e a lauti pranzi condivisi. Non può mancare pertanto un buon olio per cotture e condimenti. Io, tuttavia, non nascondo che è solo da qualche tempo a questa parte che l’olio presente sulle nostre tavole è possibile considerarlo veramente un olio di qualità di lungo corso, capace dunque di superare indenne l’estate. Fino a l’altro ieri non era così facile. Un tempo molti oli, pur buoni al momento della produzione, lentamente, o in certi casi anche piuttosto rapidamente, andavano declinando, mancando in stabilità e resistenza alle inevitabili e progressive ossidazioni della materia grassa. Oggi per fortuna è diverso. La tecnologia e la professionalità hanno permesso di avere oli ancora buoni e perfino ancora eccelsi in agosto. L’olio viene conservato meglio, in ambienti dalle temperature controllate; e così, anche se la qualità non è mai tale in via definitiva, c’è sempre spazio per migliorare. Non può esistere d’altra parte un olio extra vergine di oliva perfetto, ma uno che sia eccellente e perfettibile sì. E allora, buon ferragosto a tutti, con un olio che questa volta sì, lo possiamo dire, riconoscibile per davvero come tale, in tutta la sua identità originaria, anche a distanza di molti mesi dalla produzione.

Per commentare gli articoli è necessario essere registrati
Se sei un utente registrato puoi accedere al tuo account cliccando qui
oppure puoi creare un nuovo account cliccando qui

Commenta la notizia

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.