Olivo Matto

Ora Giorgio è nel giardino delle delizie, tra gli ulivi

Luigi Caricato

Ora Giorgio è nel giardino delle delizie, tra gli ulivi

Qualche anno fa – e per l’esattezza sul finire del 2008 – partecipai a “Extra”, un grande evento sull’olio che si svolse a Bari. Ebbi due inviti, uno dei quali partì dallo stilista Giorgio Correggiari, a cui dissi subito sì. Venne a trovarmi a casa, chiacchierammo a lungo, con grande piacere reciproco. Mi presentò un suo progetto personale sull’olio, molto, ma molto innovativo: il “Giardino delle delizie”. Fu straordinario vederlo attuato in Puglia: è stato un getto di salvifica luce che ha saputo perforare le coscienze immobili di chi ha le mani in pasta nell’olio. Ora Giorgio non c’è più. E’ venuto a mancare la settimana scorsa. Io lo saluto con grande affetto.

Giorgio è stata una bella presenza. Un uomo che puntava molto sulle idee, capace di guardare al futuro con sguardo lucido e sincero. Mi ha impressionato la sua grande inventiva nell’organizzare un evento legato all’olio. Lo ha fatto in maniera egregia, pensando all’olio come cibo e condimento per la mente, come da lungo tempo faccio anch’io. Avevamo una consonanza di vedute, un linguaggio comune, capace di scavare nelle cose vedendoci ciò che altri non riusciranno mai a vedere. Peccato non ci sia più: avevo pensato proprio a lui e già lo immaginavo ospite importante alla prima edizione di Olio Officina Food Festival, in programma per il prossimo anno a Milano.

“L’olio – diceva – separa e rivela concretamente ai sensi l’immaterialità che sovrintende al gusto, quel suo essere aereo proprio come l’estasi dell’ascolto che la musica lancia contro i corpi durante un grande concerto.

Ben oltre il quotidiano e salutare ripetersi di questo rito effimero che è il condire i nostri piatti, l’olio è una straordinaria metafora di cosa, in periodi di emergenze come questi che stiamo vivendo, dovrebbe diventare la vita”.

Correggiari, professore di design, è stato tra l’altro maestro della coppia Dolce & Gabbana.

E’ scomparso vittima di una malattia che lo ha sottratto all’età di soli 68 anni. Era nato a Pieve di Cento. Nel 1990 aveva abbandonato il mondo della sfilate in stridente polemica con una moda brutalmente trasformata in sola finanza e che ha accantonato senza tanti scrupoli ricerca e creatività.

Per commentare gli articoli è necessario essere registrati
Se sei un utente registrato puoi accedere al tuo account cliccando qui
oppure puoi creare un nuovo account cliccando qui

Commenta la notizia

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.