Olivo Matto

Pomi di terra in gonfietti. La patata protagonista in cucina

Luigi Caricato

Pomi di terra in gonfietti. La patata protagonista in cucina

Ieri sera ho partecipato a una cena di gala a Bologna, in occasione della presentazione del volume La patata, tredicesimo della collana “Coltura & Cultura”. Il menu ovviamente era tutto a base di patate. I giovani cuochi del ristorante Donatello hanno presentato, su sollecitazione del giornalista Giancarlo Roversi, il menu che Antoine Parmenter elaborò nel 1787 in omaggio al re di Francia Luigi XVI. Curiosa e ghiotta cena, non più ripetibile.

Vi riporto alcune portate: minestra di sugo di patata passata al setaccio; minestra con pane di patata cotto lentamente in brodo grasso (senza sfaldarsi); maletote di patate cotte nel vino con un piattino di salsa bianca e un piattino alla maître d’hotel con salsa rossa e altro ancora.

Sfogliando le oltre 900 pagine del volume, nella sezione “Alimentazione” compare un capitolo dedicato alle antiche ricette a base di patate.

Ve ne riporto una in cui l’olio ha la sua importanza: Pomi di terra in gonfietti.

E’ ricavata da un libro di Vincenzo Agnoletti, Manuale del cuoco e del pasticciere di raffinato gusto moderno, pubblicato a Pesaro nel 1834.

LA RICETTA

Antremè. Si fa la pasta come quella dei pomi di terra in gnocchi, e solo nel fare la pasta vi si aggiunge un poco di zucchero, e odore di cannella, o di limone, e dopo cotta, e stesa la pasta sopra i coperchi di cazzarola, si frigge anche le bignè, e si servono con zucchero fino sopra.

I pomi di terra, tanto crudi, che cotti prima di friggerli, potrete marinarli con aceto, o limone, erbe fine, olio, sale, droghe, ed allora saranno più saporiti.

L’OLIO

Ovviamente l’olio cui si fa riferimento nella ricetta è senza alcun dubbio olio ricavato dalle olive. Non è extra vergine, visto che tale denominazione merceologica risale solo al 13 novembre 1960; ma è sicuramente olio da olive, visto che in quell’epoca l’olio era sic et simpliciter l’olio da olive.

Per commentare gli articoli è necessario essere registrati
Se sei un utente registrato puoi accedere al tuo account cliccando qui
oppure puoi creare un nuovo account cliccando qui

Commenta la notizia

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.