Saperi

L’ebbrezza somiglia all’erotismo, l’ubriachezza alla pornografia

Tra gli scaffali. In attesa che qualcuno scriva una guida filosofica all’olio, ecco nel frattempo una pregevole opera di Roger Scruton, pronta a introdurci nell’anima segreta dei vini. E’ così che i pensieri galoppano, i sentimenti volteggiano e le parole danzano. Anche in silenzio. Perché è la voce interiore che parla

Paola Cerana

L’ebbrezza somiglia all’erotismo, l’ubriachezza alla pornografia

Secondo i Greci, il Vino è opera di un dio, Dioniso, che attraverso la fermentazione penetra nell’uva e di conseguenza in noi esseri mortali, sublimandoci col piacere dell’ebbrezza. Tuttavia, ripensando al paesaggio siciliano in cui mi sono recentemente trovata, dove il profumo dei vitigni s’accorda con quello di uliveti, agrumeti e ogni immaginabile ‘ben di Dio’, pare non esserci dubbio: il Vino è opera dell’uomo, anzi della donna e dell’uomo.

In particolare, la regione attorno a Menfi, nell’agrigentino, è un susseguirsi di morbide vigne che hanno stretto un’amorevole alleanza con il mare africano lambito da spiagge dorate. E’ una fetta di Sicilia ancora poco frequentata dal grande turismo e questo suo naturale pudore ne accresce il fascino. E’ qui, tra orti, giardini, bagli e templi senza tempo che la vite trova le condizioni ideali per crescere, benedetta dalla qualità del terreno, dal calore del sole e dalla brezza del mare. Viene spontaneo inoltrarsi lentamente tra queste colline, sottovoce per non violare il ritmo dei vignaioli che quasi soccombono all’abbraccio del verde, mentre i trattori colmi d’uva brulicano obbedienti in fila per le vie. E al cospetto di queste ritualiche cadenze, s’intuisce il pensiero dei Greci: perché la vigna curata dalla mano dell’uomo diventa un fatto spirituale e non solo vegetale.

Dalle vigne alle case dei vignaioli, per finire seduti in riverente silenzio di fronte ai calici che solenni ci interrogano durante le degustazioni tecniche di fine sera. Il filo conduttore è sempre lui: il Vino. E la sua degustazione, a mio profano parere, non è solo Tecnica ma è piuttosto Arte. Al cospetto di un Syrah Petit Verdot o di un Alicante Bouschet, le note di fiori di pesco e frutto della passione del primo, insieme agli effluvi di bacche di bosco e ciliegia del secondo, evocano liriche e poemi. Mi avventuro, così, tra i pensieri e le emozioni che ogni breve sorso stimola in me fino a trovarmi dentro un sogno ad occhi aperti: il Vino non somiglia a una poesia, a un quadro, o a una musica? Guarda più all’interno, verso le nostre impressioni e memorie, come la madeline di Proust, oppure guarda all’esterno, verso il mondo e le reazioni nei confronti di esso?

Mentre i sommelier professionisti eseguono i gesti ritualici assecondando le saporite narrazioni dell’enologa, io disobbedisco rincorrendo per qualche istante i miei pensieri. E mi torna in mente un libro di Roger Scruton dal titolo Bevo dunque sono. Guida filosofica al vino. D’accordo con l’audace filosofo innamorato di Chablis, penso che il Vino sia un canale di comunicazione tra un ‘dio’ e l’uomo, tra spirito e ragione. Attraverso il Vino, l’essenza distillata dal suolo sembra riversarsi nelle vene risvegliando il corpo alla vita e, una volta ridestato il corpo, il Vino invade dolcemente l’anima. Ecco che sospinti da un sorso profumato, i pensieri galoppano, i sentimenti volteggiano e le parole danzano. Anche in silenzio. Perché è la voce interiore che parla. E’ come se il Vino ricordasse all’anima le sue origini corporali e al corpo il suo significato spirituale. E dunque ben venga quella piacevolezza che rende molle la logica, quell’ebbrezza che non nuoce ma che ispira. Perché l’ebbrezza somiglia all’erotismo, mentre l’ubriachezza è pornografia, non confondiamo!

E allora, non somiglia dunque alla poesia, il Vino, e all’arte la degustazione? Così, quel Syrah dalle note di fiori di pesco mi rimanda alle colline verdeggianti che si tuffano nel mar d’Africa, e quell’Alicante dal flavor di sottobosco mi riporta i sorrisi generosi dei vignaioli incontrati nei bagli di Menfi. O, forse, in verità è Dioniso che attraverso un sorso d’uva è entrato in me e mi sta sublimando con i suoi pensieri divinamente terreni…

Consiglio di lettura, sorseggiando un buon calice di vino: Bevo dunque sono. Guida filosofica al vino, di Roger Scruton, Raffaello Cortina Editore, 2010; p. 240, euro 19,80

Foto di Luigi Caricato. Sculture all'interno della Podere provinciale Cantina di Laimburg

Commenta la notizia

Per commentare gli articoli è necessario essere registrati.
Se sei un utente registrato puoi accedere al tuo account cliccando qui
oppure puoi creare un nuovo account cliccando qui

Iscriviti alle
newsletter