Economia

Il Gran Cru è servito

Continua il nostro viaggio alla scoperta di chi si è imposto alla edizione numero zero del concorso sul packaging e l’innovazione “Le Forme dell’Olio”. Questa volta l’attenzione è per la menzione d’onore assegnata a Frantoio Galantino, storica azienda pugliese di Bisceglie

Maria Carla Squeo

Il Gran Cru è servito

Chi frequenta il mondo dell’olio sa bene quanto pesi la famiglia Galantino nel panorama oleario internazionale. L’azienda è attiva da tempo e negli ultimi vent’anni è venuta alla ribalta dei mercati internazionali per la capacità di guardare lontano senza dimenticare i valori di quantpo è stato compiuto in passato. Tra le tante referenze dell’azienda Galantino, la bottiglia con la quale hanno partecipato al concorso è l’Affiorato, ovvero la bottiglia Gran Cru. Con questa ha partecipato e si imposto all’attenzione con una menzione d’onore nella categoria “regalistica”. Per leggere i risultati, cliccare QUI.

Massimo Cassanelli spiega che questa bottiglia, molto curata in ogni singolo particolare, “nasce dall’esigenza di valorizzare un lotto di olio extra vergine di oliva di eccezionale qualità, ottenuto da olive raccolte in un oliveto della famiglia Galantino, in località Coppa Malva a Trinitapoli”.

“All’assaggio – aggiunge – emerge ogni anno un profilo sensoriale di assoluta ccellenza. Essendo un appezzamento di dimensioni limitate, garantisce ogni anno una produzione media di soli 2500 litri, confezionata in 5000 bottiglie numerate da 500ml. La bottiglia utilizzata – aggiunge Cassanelli – è la Monet Galantino, prodotta dalla vetreria in esclusiva per noi, con un design elegante che contraddistingue i nostri prodotti”.

[GALLERIA_85]

“Si è pensato poi di vestire la bottiglia con un’etichetta e un collarino in carta oro per esaltare l’eccellenza del prodotto. La chiusura prevede un elegante tappo in legno che all’apertura svela un pratico versatore.
La bottiglia è poi collocata in un elegante astuccio nero che ne accresce il prestigio e al tempo stesso protegge l’olio da ogni contatto con la luce. All’interno dell’astuccio è posta anche una “carta di identità” dell’olio che ne racconta storia e caratteristiche”.

Il Gran Cru Coppa Malva del Frantoio Galantino – ci informa sempre Cassanelli – è venduto in tutto il mondo, in particolare in Russia, Giappone, Emirati Arabi. Il numero limitato di bottiglie prodotte viene suddiviso tra i numerosi clienti che ne fanno richiesta.

LEGGI ANCHE

Clio, lo scrigno in legno d’olivo

Il miracolo dell’olio

L’extra vergine e il lampante

A che punto è il packaging degli extra vergini?

Per commentare gli articoli è necessario essere registrati
Se sei un utente registrato puoi accedere al tuo account cliccando qui
oppure puoi creare un nuovo account cliccando qui

Commenta la notizia

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.