Economia

In Spagna il biologico fa bene anche all’economia

La Spagna è il quarto Paese esportatore di prodotti biologici. Il comparto è avviato verso una crescita continua, che segna numeri importanti non solo per l’economia: tutto ciò che è frutto di una coltivazione e di un allevamento biologico garantisce una maggiore remunerazione agli operatori del settore. La campagna presentata dal ministro spagnolo Luis Planas - “Qui siamo eco – logici. Niente da nascondere” - nasce con lo scopo di creare un rapporto di fiducia con i consumatori

Olio Officina

In Spagna il biologico fa bene anche all’economia

Alla presentazione di “Qui siamo eco-logici. Niente da nascondere“, che fa parte della strategia Food from Spain, Luis Planas ha sottolineato che la campagna enfatizza la trasparenza, la tracciabilità, la certificazione e l’etichettatura, perché ci sono consumatori che ancora diffidano delle materie prime o dei prodotti biologici.

In questo senso, si considera essenziale che il consumatore percepisca la certificazione comunitaria dell’EuroHoja come un identificatore che garantisce la qualità dei prodotti biologici in ogni fase del processo produttivo. A tal fine, esistono strumenti di certificazione ed etichettatura che fungono da “carta d’identità” che aiuta i consumatori a differenziare gli alimenti biologici garantiti.

Cifre che denotano una crescita inarrestabile

Il ministro Planas, ha sottolineato che la Spagna è il Paese dell’Ue con la più grande superficie dedicata alla produzione biologica. Il 10% della sua superficie agricola utilizzabile è già biologica e questo mette la Spagna in una posizione privilegiata per raggiungere l’obiettivo della strategia “From farm to fork” di raggiungere un 25% di superficie biologica entro il 2030.

Le cifre sostengono l’idea che la produzione biologica sta vivendo una crescita inarrestabile. I quasi 2,5 milioni di ettari dedicati alla produzione biologica nel 2020 confermano un aumento medio annuo del 4,8% negli ultimi cinque anni.

La produzione biologica ha generato un valore di 2.675 milioni di euro nel 2020, con un aumento del 15,75% rispetto all’anno precedente. Allo stesso modo, il numero di operatori cresce ogni anno. Le 53.000 presenze nel 2020 implicano un aumento del 6,8% rispetto al 2019. Nel 2019, le esportazioni di prodotti biologici sono aumentate del 17% per raggiungere 1.165 milioni di euro. Queste cifre collocano la Spagna come quarto esportatore mondiale di questo tipo di prodotto e delineano la grandezza dell’importanza di questo settore.

Corrispondenza tra produzione e consumo

D’altra parte, il ministro Planas ha anche sottolineato che, in linea con il piano d’azione dell’Unione Europea per l’agricoltura biologica, è essenziale che la crescita della produzione e del consumo vadano di pari passo. Infatti, questa sincronizzazione è una delle priorità della tabella di marcia per la produzione biologica che il Ministero dell’Agricoltura sta elaborando per consolidare il consumo di alimenti biologici.

Nel 2020, il consumo di prodotti biologici in Spagna ha generato 2.528 milioni di euro, il 7% in più rispetto all’anno precedente. Tuttavia, il consumo pro capite della Spagna di 53,41 euro all’anno è ancora lontano dalla media europea di 84 euro all’anno.

In termini di produzione, il cibo biologico offre più valore e una migliore remunerazione per gli agricoltori, gli allevatori e i pescatori. È necessario sensibilizzare il pubblico sui benefici di questo tipo di cibo. Questo è il motivo, ha spiegato Planas, per cui il Ministero dell’Agricoltura ha assunto il compito di promuovere il consumo nazionale. “Dobbiamo anche garantire”, ha aggiunto il ministro, “che gli alimenti biologici siano alla portata di tutte le tasche”.

Il ministro dell’agricoltura ha anche ringraziato il settore biologico, che ha partecipato alla cerimonia di presentazione, per per la loro stretta collaborazione nella pianificazione e progettazione della campagna “Qui siamo bio”. Niente da nascondere” e che ha invitato a continuare sulla stessa strada di intesa nell’obiettivo condiviso di trasformare il nostro sistema alimentare e renderlo più sostenibile, giusto ed equilibrato.

Hanno partecipato all’evento, contribuendo con le loro opinioni sullo stato dell’agricoltura biologica e il suo futuro, Dolores Raigón, professore dell’Università Politecnica di Valencia, Álvaro Barrera, presidente di Ecovalia, Álvaro Barrera, presidente dell’associazione Vida Sana, Ángeles Parra, vicepresidente di Intereco, David Samarco, e il vicepresidente di Intereco, David Samarco; il vicepresidente di Intereco, David Samper Martínez; il presidente della Società spagnola di agricoltura biologica/agroecologia (Seae), Concepción Fabeiro; e il presidente dell’Associazione spagnola dei trasformatori e commercianti biologici (Asobio), Joan Picazos Cardó.

La foto di apertura è di Olio Officina

Per commentare gli articoli è necessario essere registrati
Se sei un utente registrato puoi accedere al tuo account cliccando qui
oppure puoi creare un nuovo account cliccando qui

Commenta la notizia

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.