Cook

Come comunicano le aziende. Le ricette di Oleificio Rocchi

Ecco cinque video ricette, più una, in cui in forma breve, adatta ai nuovi media, si trasmette in maniera diretta ed efficace l'impiego dell'ampia gamma di oli dell'azienda lucchese in modo moderno, con uno sguardo aperto alle nuove generazioni

Olio Officina

Come comunicano le aziende. Le ricette di Oleificio Rocchi

Sono cinque le referenze di Oleificio Rocchi, azienda che vanta ben 121 anni di attività e che è presente sul mercato con diverse proposte, tra cui segnaliamo gli oli Delicato, Delizioso, Primitivo, Classico, Italiano e Fresco di Macina.

Per ciascuna di queste referenze i Rocchi hanno realizzato dei video emblematici, non finalizzati ad entrare in modo dettagliato nella ricetta, infatti non si elencano gli ingredienti, e nemmeno le modalità di preparazione, ma, attraverso le immagini video che scorrono rapide, con un montaggio fatto con grande abilità stilistica, si intuiscono subito i migliori impieghi dei vari oli di questa prestigiosa casa olearia toscana. 

Il Delicato ha un sapore morbido e accompagna piatti leggeri e poco elaborati.

La ricetta

Una tartare di tonno accompagnata da chips di patate viola, capperi e pomodorino secco, con il filo d’olio a crudo che fa la differenza.

Il Delizioso, delicatamente saporito, indicato anche per le fritture. 

La ricetta

Una leggerissima frittura di cotoletta accompagnata da anelli di cipolla.

Il Primitivo è invece un extra vergine non filtrato, dal sapore deciso e genuino.

La ricetta

Capesante adagiate su una crema di zucca. Con l'impiego dell'extra vergine, vengono sprigionati tutti i sapori.

Il Classico è l'extra vergine dal sapore profumato e saporito.

La ricetta

Una rivisitazione del gazpacho andaluso con un filo di olio.

L'Italiano, prima lasciato decantare, e poi naturalmente filtrato, è  composto da una prevalenza di cultivar Ogliarola e Coratina.

La ricetta

Un piatto che è simbolo della cultura culinaria italiana nel mondo: spaghetti al pomodoro, con una aggiunta di burrata e poi completati con un filo di olio. 

Il Fresco di Macina è infine un extra vergine dal sapore spiccato e pieno. 

È adatto per le zuppe di legumi e ortaggi, ma anche in abbinamento con la carne grigliata.

Si ringrazia per la foto in apertura Olio Rocchi

Commenta la notizia

Per commentare gli articoli è necessario essere registrati.
Se sei un utente registrato puoi accedere al tuo account cliccando qui
oppure puoi creare un nuovo account cliccando qui

Iscriviti alle
newsletter