Cook

PleniOlio

SAGGI ASSAGGI. A mettere in commercio queste praline è l’azienda agricola Agostino Tortora, con il marchio Il Quadrato delle Rose. L’olio è quello prodotto in Puglia, ad Andria: un puro olio extra vergine da olive Coratina

Maria Carla Squeo

PleniOlio

La denominazione commerciale di queste praline cattura certamente l’attenzione. La confezione lascia sin da subito presagire la presenza del prezioso succo di olive. Il nome d’altra parte è quanto mai evocativo: PleniOlio.

Per certi versi, queste praline, visibili perché in bella vista, in quanto contenute in una busta trasparente, somigliano a olive dalla forma sferica e simmetrica. Peccato che tale forma non coincida con quella delle olive Coratina, che invece sono ellittiche e leggermente asimmetriche.

A mettere in commercio queste praline è l’azienda agricola Agostino Tortora, con il marchio Il Quadrato delle Rose. L’olio è quello prodotto in Puglia, ad Andria: un puro extra vergine da olive Coratina, appunto. La confezione contiene 100 grammi di prodotto.

All’assaggio è piacevole al gusto: sono dolci, si sciolgono in bocca rilasciando tanto olio. Per lo meno, la sensazione è di una quantità notevole di olio, ma ciò non disturba. Anzi, l’abbinata cioccolato bianco-olio Coratina è perfetta: un mix di dolceamaro che ben si combina. Basti solo citare lo studiodel professor Massimo Cocchi, il quale afferma che si tratta di due alimenti strategici “in grado di esprimere, pur con le limitazioni del caso, un eccellente aiuto nutrizionale nella depressione e nella cardiopatiaischemica, patologie che sovente procedono di pari passo”.

Questa ricetta la potete leggere anche su Oliocentrico numero 6.

Vi sembra poco?

TAG: PleniOlio

Commenta la notizia

Per commentare gli articoli è necessario essere registrati.
Se sei un utente registrato puoi accedere al tuo account cliccando qui
oppure puoi creare un nuovo account cliccando qui

Iscriviti alle
newsletter