Gea Terra

Gli uliveti culla della biodiversità

È un impegno iniziato sette anni fa, quello di Seo/BirdLife. Ad oggi, la tenuta di Cortijo Guadiana con 1.800 ettari olivetati ospita 114 specie di volatili, raccontate e spiegate all’interno della Cortijo Guadiana Bird Guide, e ciò che emerge è una grande verità: «la relazione tra uccelli e uliveti è così intima che i paesaggi mediterranei non potrebbero essere compresi senza gli intrecci ecologici che risultano da questa simbiosi»

Olio Officina

Gli uliveti culla della biodiversità

La Cortijo Guadiana Bird Guide è unica in quanto è la prima guida ornitologica che si riferisce esclusivamente a un'azienda agricola.

La relazione tra uccelli e oliveti è così intima che i paesaggi mediterranei non potrebbero essere compresi senza gli intrecci ecologici che risultano dalla simbiosi tra l'oliveto e i suoi uccelli.

Una simbiosi che si è riflessa in questo lavoro, realizzato dai tecnici di Seo/BirdLife, che compila fino a 114 specie di uccelli di diversi ambienti dopo sette anni di lavoro di monitoraggio scientifico nei quasi 1.800 ettari di oliveti, boschi e rive del fiume nella tenuta Cortijo Guadiana nella provincia di Jaén.

Il libro, presentato da Asunción Ruiz, direttore esecutivo di Seo/BirdLife, Francisco Vañó e Rosa Vañó, direttori del Castillo de Canena, insieme al giornalista specializzato in gastronomia ed enologia Mar Romero, contiene indicazioni sul periodo dell'anno e sulla zona in cui è più probabile vedere ogni specie, mappe di distribuzione, un codice etico del birdwatcher e 230 illustrazioni dell'artista della natura Juan Varela. Oltre ad essere disponibile in formato digitale, Castillo de Canena ha stampato 1.000 copie in spagnolo e inglese.

La tenuta Cortijo Guadiana, di proprietà della Società Castillo de Canena, condivide un accordo di gestione del territorio con Seo/BirdLife, grazie al quale negli ultimi sette anni sono state realizzate diverse misure di ripristino e miglioramento della biodiversità.

È stata anche una delle venti fattorie dimostrative che partecipano al progetto Life Olivares Vivos, coordinato da Seo/BirdLife. Queste azioni hanno avuto un impatto molto positivo sul recupero della fauna selvatica.

Grande potenziale per la biodiversità

Chiunque si avvicinerà alla guida, sarà in grado di apprezzare l'enorme potenziale dell'oliveto per la biodiversità. 114 specie è un numero davvero sorprendente in una zona agricola.

Per darvi un'idea, questa cifra rappresenta più dell'85% di tutte le specie che si possono vedere nel Parco Nazionale del Guadarrama, o più del 60% di quelle che si possono trovare nella Sierra di Cazorla, Segura e Las Villas, la più grande area protetta della Spagna, la seconda più grande d'Europa e una delle Zone di Protezione Speciale per gli Uccelli (Spa) con la maggiore diversità di uccelli.

Per esempio, questo oliveto ospita un numero considerevole di specie nidificanti, che approfittano dei rami degli olivi, delle cavità del tronco o della vegetazione lungo i bordi per costruire i loro nidi. È il caso di verdoni, verdoni e cardellini; gufi, upupe e cinciallegre; pernici, lucherini, poiane e cinciallegre.

In autunno, gli oliveti cominciano ad essere popolati da un numero considerevole di uccelli migratori, che vengono qui per nutrirsi. È il tempo del luì, delle api, dei pigliamosche e dei warblers.

È anche in questo periodo che i primi uccelli svernanti cominciano a stabilirsi, i più tipici sono la capinera, il pettirosso, lo storno, il tordo, la cutrettola e il pipit. Lo sparviero viene anche negli oliveti, attratto dalla grande popolazione di piccoli uccelli svernanti.

Altri rapaci che li usano come terreno di caccia durante tutto l'anno sono la poiana, il gheppio, il falco pellegrino e l'aquila reale, mentre durante il periodo estivo e quando sono di passaggio vengono utilizzati da nibbi, aquile sarde e aquile di mare.

Le specie legate alla vegetazione fluviale sono i trampolieri, saltimpali, rigogoli o autillos. Senza dimenticare le specie più grandi che si trovano nel corso del fiume Guadiana Menor, come il grande cormorano, la garzetta, l'airone cenerino e il germano reale.

Allo stesso modo, le case coloniche e altre costruzioni offrono rifugio a gufi, passeri e rondini.

In termini di conservazione, spicca il sassello dal petto rosso, catalogato come "vulnerabile" nel Catalogo Andaluso delle Specie Minacciate.

Senza dimenticare l'averla grigia e la tortora europea, con una preoccupante tendenza alla regressione in tutta la Spagna.

Uccelli, Aove, salute e gastronomia

Dietro questa guida ornitologica si nasconde un segreto, e cioè che ha saputo collegare uccelli, Aove, salute e gastronomia.

La presenza di uccelli negli oliveti è, di per sé, un indicatore di buona salute ambientale. Se l'ambiente è sano, la materia prima, quindi le olive, è sana e si presta attenzione al processo di estrazione del succo d'oliva, il prodotto finale, Aove, risulta essere un alimento eccellente, sano e nutriente, privo di residui tossici.

Con la combinazione di questi ingredienti: la biodiversità e un prodotto sano con eccellenti qualità organolettiche prodotte, si apre un nuovo campo nella gastronomia: deliziare i palati mentre ci si prende cura dell'ambiente dal piatto.

"Questa guida è un esempio straordinario che è possibile, redditizio e necessario sviluppare alleanze e accordi con agricoltori e imprenditori. Lavorare per ottenere oliveti più vivaci significa lavorare per oli migliori, più sani, più gustosi e più sostenibili, tessendo una rete che collega i produttori che sono orgogliosi del loro lavoro a favore di un ambiente più sano, più consumatori soddisfatti e più uccelli nei nostri oliveti", sottolinea Asunción Ruiz, direttore esecutivo di Seo/BirdLife.

"A Seo/BirdLife abbiamo dimostrato che garantire un futuro più verde e più giusto significa ottenere un ambiente naturale sano. E per questo è essenziale l'impegno di tutti: ecologisti, agricoltori, imprenditori, consumatori e, infine, i ristoratori, che sono quelli che dimostrano l'eccellenza di questi oli Aove sostenibili in ambito gastronomico", sottolinea Ruiz.

Un oliveto dedicato alla natura

Francisco Vañó, direttore di Castillo de Canena, definisce così la filosofia che ispira il suo grande impegno imprenditoriale: "i nostri sforzi non potrebbero concentrarsi solo sulla produzione di eccellenti succhi d'oliva e sulla commercializzazione del nostro Aove in più di cinquanta Paesi. L'impegno della nostra famiglia doveva essere esteso alla terra, all'ecosistema dove i mitici alberi di Atena mettono radici, e imparare a combinare l'attività agronomica umana con l'ordine sacro della natura. I due mondi sono perfettamente compatibili e armonizzabili, come abbiamo dimostrato durante diversi anni al Cortijo Guadiana, e continueremo a giustificarlo in futuro".

"Quando abbiamo firmato l'accordo di collaborazione con Seo/BirdLife sapevamo che ci stavamo assumendo un impegno importante e che stavamo entrando in un processo di conservazione su larga scala che potrebbe cambiare l'idiosincrasia dell'oliveto andaluso come lo conosciamo oggi. Eravamo consapevoli di avere l'obbligo morale di essere pionieri nell'appoggiare questa iniziativa, dato che da molti anni spingevamo nella stessa direzione e implementavamo misure per proteggere l'ambiente naturale nella nostra tenuta. Si trattava quindi di organizzare e sistematizzare questi interventi e lasciare la gestione della tabella di marcia per la rigenerazione della nostra terra ai tecnici di Seo/BirdLife, che hanno una grande esperienza in questo campo", spiega anche Rosa Vañó.

Come è nata la guida?

Dopo sette anni di collaborazione tra Seo/BirdLife e Castillo de Canena, la guida mostra che questo progetto è stato un vero successo.

Il prodotto finale è uno strumento didattico, educativo e chiarificatore che serve ad aumentare l'interesse, la cura e la protezione di tutta la società verso gli uccelli, che sono la pietra angolare degli ecosistemi mediterranei.

La maggior parte delle informazioni sugli uccelli di Cortijo Guadiana sono state raccolte nel quadro dei programmi di monitoraggio di Seo/BirdLife.

Attraverso Sacre (Monitoraggio degli uccelli comuni nidificanti in Spagna), che consiste in censimenti annuali basati su venti stazioni di ascolto distribuite in tutta la tenuta e che fornisce informazioni sulle tendenze della popolazione di quegli uccelli che si riproducono nella zona; Sacin (Monitoraggio degli uccelli comuni svernanti), un complemento al precedente, che si concentra sulle popolazioni di uccelli che svernano nella zona per mezzo di escursioni a piedi; e infine, Noctua, che fornisce informazioni sullo stato di conservazione degli uccelli notturni. Inoltre, sono state incorporate informazioni derivate dal lavoro svolto nella tenuta nell'ambito del progetto Life. 

Foto in apertura Seo/BirdLife

Commenta la notizia

Per commentare gli articoli è necessario essere registrati.
Se sei un utente registrato puoi accedere al tuo account cliccando qui
oppure puoi creare un nuovo account cliccando qui

Iscriviti alle
newsletter