Gea Terra

Una olivicoltura che tuteli la biodiversità è possibile: la mission di Olivares Vivos+ al Salón Gourmets

Redditività degli olivicoltori e recupero della flora e della fauna sono solo alcuni dei pilastri del progetto coordinato da Seo/BirdLife. Nella cornice di una delle più importanti fiere gastronomiche, con sede a Madrid, i visitatori potranno scoprire cosa significhi lavorare attraverso questo preciso modello di agricoltura e quali progetti futuri lo attendono. In questo ambito risulta fondamentale costruire rapporti e dialoghi sia con gli attori della filiera, sia con i consumatori, per diffondere il valore aggiunto di questo particolare tipo di coltura

Olio Officina

Una olivicoltura che tuteli la biodiversità è possibile: la mission di Olivares Vivos+ al Salón Gourmets

Il progetto Life Olivares Vivos+, coordinato da Seo/BirdLife, è presente al XXXV Salón Gourmets, fiera gastronomica leader in Europa che, dal 25 al 28 aprile, riunisce centinaia di aziende e progetti legati al cibo e alle bevande di alta qualità presso Ifema, Madrid.

Olivares Vivos+ sarà un espositore di questo grande evento per presentare al mondo della gastronomia il suo nuovo modello di olivicoltura, volto a migliorare la redditività delle aziende agricole attraverso il recupero della biodiversità.

Oltre a mostrare ai visitatori un’ampia rappresentanza degli Evo che partecipano al progetto, e che portano il sigillo Olivares Vivos, che ne certifica il reale e comprovato recupero di specie di flora e di fauna, la partecipazione a questo evento servirà anche a informare il pubblico dei nuovi obiettivi che il progetto ha fissato per i prossimi anni, in questo secondo Life, denominato plus, iniziato nel settembre 2021 con durata fino al 2026.

Dopo aver progettato questo nuovo modello di olivicoltura, averne dimostrato i vantaggi e aver stabilito uno schema di certificazione, l’obiettivo principale di Life è quello di accelerare l’estensione del modello in questione nelle principali regioni olivicole dell’Unione europea e, con il nuovo sostegno del programma Life dell’Unione europea, questo modello di agricoltura e la sua certificazione saranno trasferiti ad altri prodotti olivicoli, come le olive da tavola, e ad altre colture legnose, come la vite.

Il salone Gourmets, è, da un lato, la cornice perfetta per mostrare a consumatori, ristoratori e gourmet il valore aggiunto di questi extra vergini che recuperano la biodiversità.

Infatti, con gli Evo con il marchio Olivares Vivos, i consumatori non solo godono dello straordinario sapore e dei benefici per la salute, ma contribuiscono anche con totale garanzia al recupero della flora e della fauna dell’oliveto, la coltura più importante per il futuro della biodiversità in Europa.

D’altra parte, il Salón Gourmets è un ambiente ideale per mostrare i vantaggi di Olivares Vivos agli olivicoltori.

Ad oggi, sono già più di 850 i coltivatori che, negli ultimi anni, si sono interessati a far parte di questo progetto e a certificare la loro produzione come Olivares Vivos.

Si tratta di un sigillo unico in Europa, che non solo certifica le buone pratiche ma anche i risultati scientifici provati in termini di recupero della biodiversità.

Il regolamento e la certificazione, che saranno implementati nelle prossime settimane nelle aziende agricole, sono approvati dall’Aenor e serviranno a garantire il miglioramento della loro biodiversità, mentre nei frantoi, nelle aziende di confezionamento e commercializzazione, garantirà la tracciabilità del prodotto certificato, coinvolgendo tutti i membri della catena del valore.

Sigillo e certificazione che salva la biodiversità

Il pubblico della fiera che visiterà lo stand di Olivares Vivos – 8D, nel padiglione 8 di Ifema, nella sezione del Consiglio Provinciale di Jaén, nello stand della Junta de Andalucía – potrà vedere alcuni degli oli extra vergini prodotti negli oliveti dimostrativi del progetto Olivares Vivos, così come richiedere le informazioni sul progetto.

La presenza di Olivares Vivos in eventi di questa importanza si ripeterà per la seconda volta questo mese.

Dal 4 al 7 aprile, il progetto ha partecipato alla Fiera Alimentaria tenutasi presso la Fira di Barcellona e ha suscitato grande interesse da parte di produttori ed esportatori internazionali, attratti dai risultati raggiunti dal modello nel recupero della biodiversità e dalla qualità degli extra vergini partecipanti al progetto.

Anche i rappresentanti dei dipartimenti di vendita delle cooperative hanno mostrato il loro interesse, data l’importante nicchia di mercato coperta dall’etichetta Olivares Vivos.

Durante il progetto Life Olivares Vivos, il dipartimento di marketing dell’Università di Jaén ha condotto una serie di studi in Paesi all’interno e all’esterno dell’Unione europea, che hanno confermato l’interesse dei consumatori per il recupero della biodiversità, il marchio Olivares Vivos e gli oli ottenuti tramite questo modello di olivicoltura.

Infine, durante Alimentaria, il pubblico ha anche visitato lo stand del progetto per scoprire gli Evo nei cui oliveti è stato lavorato, misurato e verificato il recupero della biodiversità.

In apertura, foto di Olio Officina©

Per commentare gli articoli è necessario essere registrati
Se sei un utente registrato puoi accedere al tuo account cliccando qui
oppure puoi creare un nuovo account cliccando qui

Commenta la notizia

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.