Olivo Matto

Grazie, dal profondo di me

Luigi Caricato

Dire semplicemente GRAZIE può anche essere sufficiente, ma a me non basta. Il grazie intanto è rivolto a tutti coloro che hanno reso possibile la decima edizione di Olio Officina Festival. Soprattutto a chi ha seguito dai propri dispositivi web i tre giorni di live streaming, a partire da giovedì 4 fino a sabato 6 febbraio, più un altro giorno di contenuti extra on demand, domenica 7 febbraio.

È stato tutto molto bello. Posso orgogliosamente dire che in una situazione emergenziale in cui in molti hanno tirato i remi in barca noi non abbiamo desistito e proprio per questo è stato un grande successo. Lo è stato su più fronti: per la costanza del pubblico che ci ha seguito, per la qualità dei contenuti, come pure per l’originalità delle proposte.

Un grazie oltre al pubblico va a chi è intervenuto in veste di relatore – impossibile citarli tutti qui. E un grande grazie alle imprese, ai consorzi, alle organizzazioni che hanno sostenuto in veste di partner una edizione del festival così complessa e ardua, ma alla fine ben riuscita in ogni aspetto.

Abbiamo perfino mantenuto fede all’impegno di realizzare eccezionalmente un annullo filatelico con Poste Italiane, pur nell’assenza di pubblico in presenza. Nemmeno agli spettacoli e alle mostre d’arte abbiamo rinunciato. E abbiamo anche inventato nuove formule per proporre la sezione “saggi assaggi”. Insomma, ci crediamo, abbiamo dato tutti la nostra parte, la mia soddisfazione è grande.

Ringrazio chi, dietro le quinte, ha consentito la realizzazione di questa decima edizione di Olio Officina Festival. È stato svolto un lavoro eccellente e di straordinaria levatura intellettuale. Qualcuno potrà anche obiettare l’auto referenzialità del nostro giudizio? Lo faccia pure, noi abbiamo il frutto del nostro lavoro per sostenere che tutto sia andato alla perfezione. Per questo il “grazie” che qui rivolgo a tutti è un grazie speciale, perché tutto si può concretizzare là dove ci sono idee, dove c’è tenacia, dove c’è determinazione, dove vi è la volontà di fare mettendosi in gioco in prima persona, senza sostegni pubblici, ma con le proprie sole forze e l’aiuto di chi crede e sostiene progetti così unici, così rari, così originali, proprio come lo è Olio Officina.

Mille volte grazie, e altre mille volte ancora. La prossima edizione, in febbraio, nel 2022, sarà la undicesima. Avrà come tema portante “L’olio della bellezza”, e in tutto, sappiate, c’è bellezza, finché si è in grado di coglierla e di esprimerla e manifestarla.

Grazie, dal profondo di me.

Commenta la notizia

Per commentare gli articoli è necessario essere registrati.
Se sei un utente registrato puoi accedere al tuo account cliccando qui
oppure puoi creare un nuovo account cliccando qui

Iscriviti alle
newsletter