Visioni

Filiera chiusa, unica strategia dall’uliveto all’etichetta per Evo-Italia®

Giampietro Comolli

L’olio EVO italiano – per tutti: l’olio extra vergine d’oliva – è un asset nazionale strategico che rientra nel sistema-polo economico enogastronomico. Non possiamo assistere, come vecchi tecnici, a incompetenze, diatribe, ribasso dei prezzi delle olive e olio al frantoio, e ad assenza di strategia nazionale.

Oggi ci può essere una grande opportunità di Ocm, se integrata senza gelosie, piani al ribasso e con certificazione comunicativa.

Le importazioni di olio di oliva, Evo e non, sono necessarie e vitali, dicono tutti i tecnici esperti. In Italia manca olio, ma sempre facendo differenze tipologiche.

Il fabbisogno nazionale annuo è di 1 mio/ton, nelle annate migliori ne produciamo circa 1/3. L’importazione serve per le aziende confezionatrici: ma è proprio per questo che una “piramide” di origine e di certificazione è ancor più necessaria.

È molto difficile anche per un consumatore nazionale esperto capire perché sugli scaffali ci sono oli extra vergini di oliva a 4 euro al litro e oli Evo italiani a 12 euro. C’è l’aceto balsamico a 3 euro e quello Dop selezionato anche a 18 euro.

Il consumatore deve a colpo d’occhio capire. Il marchio “Evo” deve diventare l’unico a dare sicurezza del 100% dell’origine, ma la stessa origine va ben identificata in etichetta.

Bisogna puntare a un obiettivo comune, bisogna chiedere un risultato e una responsabilità alle direzioni consortili. Evo e vino italiano sono due asset importanti, ma al consumo hanno due strategie diverse per vincere.

L’Evo è molto assimilabile al mondo dei “Grana”.

Occorre subito una strategia politica e di contatto mercato-consumo molto settoriale, verticale e non orizzontale. Dare ragione a tutti, non è utile al comparto.

Non credo che commissioni nazionali risolvano le diverse sfaccettature critiche del mondo Evo: aggiungere burocrazia non va d’accordo con il post-Covid, finché questo non sarà debellato. Bisogna fare differenze di merito chiare, non regionalistiche e politicanti. Bisogna piantare ulivi, c’è chi ha iniziato: la cura, il controllo, la gestione dei nuovi impianti è fondamentale.

Ben vengano gli uliveti dei grandi frantoi che confezionano e delle aziende che imbottigliano: la filiera si completa e si chiude. Buon segno. Occorre però un piano nazionale di modernizzazione delle tecniche di impianto e allevamento che non tutte le varietà nazionali consentono: resteranno uliveti di tradizione per i cru dell’Evo. Ottima cosa che fa anche chiarezza al consumatore. Solo così sono capiti anche prezzi in scaffale diversi al litro.

Non diventiamo un paese mass-market per problemi contingenti che con coraggio si devono risolvere. Facciamo le differenze di merito necessarie.

L’ Horeca di qualità è il mercato principale, oggi in crisi. Ci vuole una Ocm-Italia nel mondo, con il solo marchio Evo-Italia®. Ci vogliono investimenti a monte e a valle, cospicui e intelligenti, che siano sinonimo di valore. Quindi basta giocare sul rapporto qualità/prezzo che tira al ribasso. Promozioni e campagne di consumo devono puntare tutto sul rapporto identità/valore e su un tipo di consumo sempre più soggettivo, privato, diretto e non collettivo. Aggregazione e linguaggio comune sono il motore da diffondere, ma esistono tanti consumatori diversi che necessitano di indirizzi diversi. Poi, come nel vino, il successo e il risultato non si raggiunge dando colpe agli altri, implorando escamotage o cambi di percorso o agevolazioni all’UE. Mentre alcuni Ocm interregionali o per tipologia ma con forte peso sostanziale, innovazione produttiva e più informazione al consumatore italiano e straniero, sono gli unici veri modi per avviare un percorso di 10-15 anni, non di 2-3, da modulare nel periodo se ci sono le motivazioni.

Per commentare gli articoli è necessario essere registrati
Se sei un utente registrato puoi accedere al tuo account cliccando qui
oppure puoi creare un nuovo account cliccando qui

Commenta la notizia

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.