Economia

Coi, aggiornamento sul commercio mondiale di olio da olive

Le importazioni nei primi cinque mesi della campagna 2021/2022 hanno subìto un calo in alcuni Paesi, come in Brasile, registrando il 24% in meno rispetto allo stesso periodo dello scorso anno, e in Canada, con una diminuzione del 40%. Secondo i dati del Consiglio Oleicolo Internazionale, anche le acquisizioni intra-Ue sono diminuite, registrando l’1% in meno rispetto all’anno precedente

Olio Officina

Coi, aggiornamento sul commercio mondiale di olio da olive

La tabella seguente mostra il commercio di olio da olive e olio di sansa di oliva in otto Paesi nei primi cinque mesi della campagna 2021/22.

Le importazioni sono diminuite del 14% in Australia, del 24% in Brasile, del 40% in Canada, del 22% in Russia e dell’11% negli Stati Uniti rispetto allo stesso periodo dell’anno precedente.

Le importazioni sono invece aumentate dell’11% in Giappone e dell’8% in Cina.

Nei primi quattro mesi della campagna agricola 2021/22, le acquisizioni intra-Ue sono diminuite dell’1% e le importazioni extra-Ue sono diminuite del 6% rispetto allo stesso periodo della campagna agricola precedente.

Importazioni di olio da olive, compreso l’olio di sansa di oliva, in tonnellate

In apertura, foto di Olio Officina©

Per commentare gli articoli è necessario essere registrati
Se sei un utente registrato puoi accedere al tuo account cliccando qui
oppure puoi creare un nuovo account cliccando qui

Commenta la notizia

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.