Cook

Fritti d'autore. Polpette di merluzzo e patate

La ricetta è del celebre Pasquale Torrente ed è parte di un progetto di comunicazione promosso da Olitalia per lanciare il prodotto Frienn, il cui insolito nome deriva da una espressione dialettale campana, che significa appunto “friggendo”. Un prodotto, tra l'altro, nato proprio in collaborazione con lo chef del ristorante Al Convento di Cetara, da tutti universalmente apprezzato per essere il "re dei fritti"

Olio Officina

Fritti d'autore. Polpette di merluzzo e patate

Se avete modo di andare da Pasquale Torrente, del ristorante Al Convento di Cetara, in provincia di Salerno, chiedete questo fritto. Nel frattempo, per chi non riesce a rinunciarvi, c'è questa ghiotta ricetta, da non perdere.

 

Ingredienti per circa 30 polpette

  • 500g filetti di merluzzo freschi
  • 300g patate
  • 1 uovo
  • 1 cucchiaio di olio extra vergine d’oliva
  • sale fino
  • prezzemolo fresco tritato

 Per impanare

  • 1 uovo
  • pangrattato

 

Per friggere

  • 1 litro di Frienn

 

Procedimento

Lavare bene la buccia delle patate ed inserirle in una pentola di acqua fredda. Portare e bollore far cuocere le patate per circa 30 minuti, fino a quando punzecchiandole con una forchetta risulteranno morbide. A parte cuocere il merluzzo a vapore per 7 minuti.

Sbucciare le patate ancora calde e schiacciarle con uno schiacciapatate in una ciotola capiente. Unire i filetti di merluzzo e mescolare con una forchetta. Aggiungere l’uovo, l’olio extra vergine d’oliva e condire con sale e prezzemolo. Mescolare gli ingredienti fino ad ottenere un impasto omogeneo. 

Rompere l’uovo in un piatto e sbatterlo leggermente con una forchetta. Formare le polpette della dimensione di una piccola noce con l’aiuto delle mani e passarle prima nell’uovo sbattuto, poi nel pangrattato. Friggere con Frienn ad una temperatura di 170°C per circa un minuto, finché le polpette saranno ben dorate e croccanti. Scolarle e lasciarle per alcuni istanti su della carta per fritti prima di servirle.

LEGGI ANCHE

Ormai è noto a tutti. Non può esserci estate senza fritto

Si ringrazia per la ricetta e le foto Ezio Zigliani

Iscriviti alle
newsletter