Terra Nuda

Con Bayer, l’evoluzione della ricerca applicata alla salute

Olio Officina

I giovani in prima linea, pronti a interrogarsi. Nel ciclo di incontri “Riflessioni sul futuro. Scienza per una vita migliore”, organizzato da Bayer, che si è svolto ieri, 3 ottobre, nella splendida cornice di Palazzo Morando in via San’Andrea, il primo di questi appuntamenti ha dato buoni frutti. Il tema “L’evoluzione della ricerca applicata alla salute” è stato sviluppato da illustri nomi del panorama scientifico italiano, i quali hanno apportato testimonianze di forte attualità.

Moderatori inaspettati della serata sono stati Carlo Bosi e Niccolò Scalfi, due studenti dell’ultimo anno del Liceo Classico sperimentale San Raffaele, che Bayer ha selezionato per le esperienze maturate durante il loro corso di studi.

La loro presenza – ha affermato Daniele Rosa, Direttore della Comunicazione del Gruppo Bayer in Italia – vuole essere una testimonianza concreta di come istituzioni e aziende devono premiare i più meritevoli e dare loro opportunità di confronto e di arricchimento. Bayer da 150 anni è impegnata nella ricerca di talenti che possano dare un forte contributo alla ricerca e all’evoluzione scientifica per il miglioramento della vita di tutti.

L’intervento della Professoressa Lilia Alberghina – Direttore del Centro di System Biology dell’Università Bicocca di Milano – ha affrontato il tema dell’importanza della ricerca scientifica per Milano e ha presentato un’analisi approfondita di come la ricerca può essere un importante indotto per l’economia territoriale e possa creare posti di lavoro e costituire un’opportunità per i giovani. Per far questo le banche, le aziende e le istituzioni giocano ovviamente un ruolo importante.

Il Professor Ferdinando Cornelio – Direttore Scientifico dell’Istituto Neurologico Carlo Besta – ha parlato delle nuove tecnologie approntate per lo studio del cervello e per la miglior comprensione di alcune patologie sempre più diffuse. Si è particolarmente soffermato sulle nanotecnologie e su come queste possano dare risultati tangibili nella lotta di malattie degenerative del sistema nervoso.

Con un taglio più psicologico e psicoterapeutico, la Professoressa Daniela Bosetto – Prof. Straordinario di Psicologia presso l’Università eCampus di Milano – si è ricollegata all’argomento trattato dal Prof.Cornelio, evidenziando il crescente fenomeno dello stress giovanile e di come oggi le decisioni da prendere per il futuro siano sempre più difficili e causa di disagio e frustrazione per le nuove generazioni.

Il Pofessor Willy Pasini – Psichiatra, Sessuologo, Specialista in Psichiatria presso l’Università Statale di Milano – ha divertito e interessato la platea, come è solito ben fare, facendo un’excursus storico, culturale, sociologico sulla scienza della salute sessuale e su come le nuove tecnologie e i social network stiano radicalmente cambiando la sessualità e il modo di relazionarsi con conseguente nascita di nuovi fenomeni e nuove patologie.

A chiusura, l’intervento del brillante Dott.Sergio Noviello – Presidente della Società Italiana di Medicina e Chirurgia Estetica – il quale ha parlato dell’evoluzione della chirurgia estetica e ha presentato un interessante futuro che vedrà la chirurgia estetica sempre più impegnata a migliorare la vita delle persone.

Questo primo incontro ha visto i giovani interrogare e interfacciarsi con luminari della materia traendo delle conclusioni che non vogliono essere risposte ma spunti di riflessione da approfondire e portare avanti.

La scienza e la tecnologia vanno avanti ad un ritmo quasi inarrestabile e le nuove generazioni sperimenteranno i benefici di questi passi avanti in un prossimo futuro. Tutto ciò è entusiasmante e fa ben sperare. Il monito che arriva dai giovani è, però, non dimenticatevi che al centro di tutto c’è e ci deve sempre essere l’essere umano nella sua totalità. A tale proposito l’introduzione fatta da Carlo Bosi sul tema L’evoluzione della Scienza applicata alla Salute ha giustamente evidenziato come l’OMS stesso ha dichiarato che la salute è uno stato di completo benessere fisico, mentale e sociale e non la semplice assenza di malattia o di infermità.

Prossimo appuntamento il 24 ottobre, con il tema della mobilità, alle ore 18, presso l’Acquario Civico di Milano.

Fonti: Grazia Bonvissuto, Marco Ranzoni e Paola Orfino

Per commentare gli articoli è necessario essere registrati
Se sei un utente registrato puoi accedere al tuo account cliccando qui
oppure puoi creare un nuovo account cliccando qui

Commenta la notizia

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.