Terra Nuda

Quando la poesia celebra l’olivo

Il 27 maggio la presentazione a Villa Convento, quasi alle porte di Lecce, del libro di Giuseppe Cinà Il nostro albero. L'evento organizzato da Caricato Factory presso l'Agri bio relais Filippo De Raho. A partire dalle 18.30, una conversazione con Sarah Siciliano e Francesco Caricato, alla presenza dell’autore. A moderare l’incontro, Toto Mininanni

Olio Officina

Quando la poesia celebra l’olivo

Questo libro, in dialetto siciliano con traduzione a fronte, si pone nel solco di un ineludibile ricorso alle origini, un nòstosche prende corpo sulle tracce dell’ulivo, albero e principio fondativo come pochi altri della patria mediterranea.

Sul filo di una sommaria genealogia dell’Àrbulu nostru e della sua persistenza nel formarsi della civiltà intorno al Mare nostrum, le poesie si compongono in un mosaico di appunti, fatti e personaggi che richiamano alcune delle tante voci secondo cui l’ulivo ci ha parlato e ancora ci parla.

Locandina evento del 27 maggio

A questa coralità di fondo fa riscontro un nucleo di poesie dal registro lirico, dove echeggia l’intenso rapporto che lega l’uomo e l’ulivo dall’alba dei tempi e il suo esaurirsi nel mondo globalizzato.

«Giuseppe Cinà, che sa “legger di greco e di latino”» scrive nella prefazione Velio Abati, «ha scoperto che lu jardinu e ancora più la cura di l’alivu fanno letteralmente, inscindibilmente tutt’uno con la materia viva del dialetto». Le dolcezze e la ruvidità dell’ulivo trovano infatti perfetto riscontro nel dialetto e nelle sue inesauribili scorte lessicali, semantiche ed espressioniste.

L’autore

Giuseppe Cinà, nato a Palermo, è architetto e urbanista. È stato professore associato di Urbanistica al Politecnico di Torino, occupandosi in particolare di progettazione urbana, conservazione dei centri storici e aree agricole periurbane.

Ha lavorato come docente e ricercatore in numerosi Paesi islamici, in India e in Cina.

Ha pubblicato molti testi specialistici sui temi della città e del territorio.

Dopo A macchia e u jardinu (Manni, 2020) questa è la sua seconda raccolta di poesie, anch’essa premiata in alcuni importanti concorsi letterari.

Di seguito, una poesia tratta dal suo volume Il nostro albero, anche in dialetto siciliano.

Fiore d’ulivo

Tutti a riverire i fiori illustri

ma pochi conoscono il fiore d’ulivo

che tra le foglie l’aria di bianco merletta

ed è casa a una timida ninfa

che si ravvisa tra i rami

nell’epifania di un pensiero felice.

A suo tempo

l’albero è percorso da brividi di grazia

e i grappoli di fiori ermafroditi

esplodono in migliaia di stizze di luce

come una cometa di champagne

impigliata tra le foglie.

Allora come per incanto, duro

e storto com’è, l’ulivo s’addolcisce

e in difetto di api e farfalle

s’abbandona al vento fecondatore

che il suo seme porta lontano

a sposare alberi che già si cercavano.

È vero, la terra langue

e s’imbroglia la matassa dei nostri sogni

ma a noi è grazia ritrovare nel festino nuziale

nella felicità di ogni fiore che al frutto attende

l’ago e il filo

della natura sempre innamorata.

Zàgara d’alivu

Tutti a ncinziari li ciuri ammuntuati

ma picca genti canùscinu la zàgara di l’alivu

ca tra li pàmpini l’aria pitta a biancu merlettu

e fa di casa a na ninfa timurusa

ca si discerni mmenzu a li rami

nall’epifania di un pinzeri felici.

A so tempu

l’arbulu è pigghiatu di rizzi di grazia

e li rappi di ciuri màsculu e fìmmina

scattianu a millanta stizzi di luci

comu na cometa di sciampagna

mpirugghiata mmenzu li pàmpini.

Allura comu pi maarìa, duru

e sturtignu pi com’è, l’alivu s’abbinigna

e in difettu di api e farfalli

s’abbannuna a lu ventu fecundu

chi la so simenza cunnuci luntanu

a maritari àrbuli ca già si circàvanu.

Veru è, la terra è malata

e si mbrogghia la matassa di li nostri sònnuri

ma resta la grazia di truvari nna lu fistinu nuziali

nna la felicità di ogni ciuri ca lu fruttu pripara

l’aùgghia e lu filu

di la natura sempri nnammurata.

Per commentare gli articoli è necessario essere registrati
Se sei un utente registrato puoi accedere al tuo account cliccando qui
oppure puoi creare un nuovo account cliccando qui

Commenta la notizia

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.