Terra Nuda

Si chiama Sonetto

E' un inno lirico al vino di Puglia. Non è una poesia in senso stretto, ma un Primitivo di Manduria da uve Primitivo prodotto dal Consorzio Produttori Vini di Manduria. Ne è autore Leonardo Pinto

Maria Carla Squeo

Si chiama Sonetto

Quest’estate ho avuto il piacere di visitare a cantina del Consorzio Produttori Vini di Manduria. E’ stata una esperienza memorabile. La visita è avvenuta proprio all’inziio della vendemmia. E’ stata particolarmente gradita l’attenzione e l’accoglienza che mi è stata riservata.

E’ stato possibile degustare vini d’alta qualità. Anche i loro nomi sono molto eloquenti. Il Primitivo di manduria che recensisco ha nome “Sonetto”, ma gli altri vini denotano uan particolare sensibilit verso la musica, l’arte e la poesia: si chiamano per esempio “Lirica”, “Elegia”, “Madrigale”. A me sono piaciuti tutti, da quelli importanti a quelli più comuni, di pronta beva. E’ un’azienda storica che lavora bene e produce anche cultura, oltre che vini. Ma questa cantina i vini sono anch’essi ad alto contenuto culturale.

Quanto al “Sonetto”, è il frutto di una accurata selezione da uve Primitivo coltivate nei 500 ettari di cui la cooperativa dispone. Le uve sono raccolte in cassette, ogni particolare è curato, fino al passaggio in barriques di rovere Allier, che si trovano in una barricaia sotterranea.

Alla vista appare netto il colore rosso intenso, cupo. Al naso i profumi sono piacevolmente fruttati e rimandano a sentori di lampone e mora. Si avverte anche una nota speziata di legno, ben equilibrata. In bocca è morbido ed elegante, corposo, secco, caldo, possente. Va servito a 16° – 18° C su piatti di carne, soprattutto di selvaggina.

Per commentare gli articoli è necessario essere registrati
Se sei un utente registrato puoi accedere al tuo account cliccando qui
oppure puoi creare un nuovo account cliccando qui

Commenta la notizia

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.