Terra Nuda

Giovanni Melcarne riconfermato alla presidenza del Consorzio olio Dop Terra d’Otranto

L’Assemblea dei Soci ha eletto il nuovo consiglio di amministrazione, operativo per i prossimi tre anni. Primo obiettivo: il cambio del disciplinare di produzione, con l’introduzione delle cultivar di olivo attualmente resistenti a Xylella. Tra gli altri obiettivi: parametri di qualità e tracciabilità ancora più restrittivi, un cambio di scenario con massima attenzione alla sostenibilità ambientale e al paesaggio

Olio Officina

Giovanni Melcarne riconfermato alla presidenza del Consorzio olio Dop Terra d’Otranto

È stata dunque riconfermata la fiducia a Giovanni Melcarne e non poteva esser diversamente, visto l’impegno sul fronte dell’olivicoltura e dell’elaiotecnica salentina, soprattutto dinanzi all’emergenza, tuttora irrisolta, del flagello Xylella fastidiosa, che sta mettendo in crisi un settore un tempo florido.

Melcarne sarà presidente del Consorzio Olio Dop Terra d’Otranto per i prossimi tre anni. Nella giornata di venerdì sei agosto 2021 si è tenuta infatti l’Assemblea elettiva del Consorzio Dop Terra d’Otranto. Il primo Cda, eletto dall’Assemblea, ha provveduto alla assegnazione delle cariche.

Giovanni Melcarne, Presidente

Daniela Anna Specolizzi, Vicepresidente

 

Elisa Petrucci, Consigliere

Roberto Ziletti, Consigliere

Francesco Barba, Consigliere

Matteo Congedi, Consigliere

 

Il ringraziamento del presidente Melcarne è stato espresso nei confronti di quanti lo hanno riconfermato. “Il consiglio – ha dichiarato - avrà il compito di dar seguito al mandato che ha avuto dell’Assemblea, di intraprendere formalmente l’iter amministrativo per il cambio del disciplinare di produzione, introducendo le cultivar di olivo attualmente resistenti a Xylella. Ciò – ha proseguito l’agronomo e imprenditore Melcarne – consentirà alle aziende olivicole salentine di continuare a produrre oli a denominazione di origine protetta in attesa degli esiti della Ricerca sulle cultivar autoctone resistenti al batterio, fiducioso che ci saranno”

Giovanni Melcarne

“Tra le modifiche del disciplinare – ha ulteriormente chiarito il Presidente – chiederemo di introdurre parametri di qualità e tracciabilità degli oli Dop ancora più restrittivi, al fine di tutelare al meglio i nostri clienti che rappresentano il futuro delle nostre aziende. Non mancherà inoltre l’introduzione di parametri di sostenibilità ambientale e paesaggistici, al fine di creare in Salento un nuovo modello di olivicoltura che dovrà assolutamente contraddistinguersi in tutte le sue forme”

 

Un ringraziamento è stato anche formulato nei confronti di tutto il Consiglio alla Camera di Commercio di Lecce, “in modo particolare ai suoi massimi dirigenti, per aver dimostrato con i fatti di essere una istituzione pubblica vicina alle aziende ed al territorio in sofferenza da ormai troppi anni, per il dramma causato dalla fitopatia”.

 

Commenta la notizia

Per commentare gli articoli è necessario essere registrati.
Se sei un utente registrato puoi accedere al tuo account cliccando qui
oppure puoi creare un nuovo account cliccando qui

Iscriviti alle
newsletter