Forum

AAA cercasi ristoranti oliocentrici

A dire la verità sono pochi, finora, i ristoranti con un taglio così mirato, ma esistono, ed è già una bella notizia, e quelli che ci sono hanno anche successo. È il caso esemplare di “Aurevo”, di Palazzo di Varignana, tanto per fare un esempio, ma non è certamente l’unico. Noi vogliamo trovarne altri. Aiutateci a scovarne di nuovi. Il nostro appello è rivolto alle aziende olivicole e olearie che all’interno delle proprie strutture hanno realizzato ristoranti o trattorie, o altre forme di ricezione, in cui l’olio extra  vergine di oliva è protagonista di primo piano

Olio Officina

AAA cercasi ristoranti oliocentrici

Ritorniamo sul tema ristoranti oliocentrici, che è poi il tema portante della quinta edizione del Forum Olio & Ristorazione. Nel corso della manifestazione "Host", dell'ottobre 2021, organizzammo un incontro con alcuni tra i più c reativi e originali designer; così, a partire proprio dalle loro riflessioni, abbiamo pensato di delineare il programma dell’evento del prossimo 30 maggio cui stiamo lavorando.

E voi, cosa ne pensate al riguardo?

Siete mai stati in un ristorante che abbia messo al centro una materia prima come l'olio extra vergine di oliva?

Mentre - e ci rivolgiamo in questo caso alle aziende olivicole e olearie: avete un ristorante oliocentrico, o comunque: siete a conoscenza di un locale fortemente orientato a un nuovo modo di concepire e presentare l’olio attraverso una cucina professionale?

Se vi fa piacere, segnalateci i ristoranti oliocentrici scrivendo a posta@olioofficina.com

Noi a questo tema ci crediamo molto. Lo riteniamo importante. E abbiamo intenzione di  strutturare in maniera più esplicita questa nostra volontà di giungere a creare un ristorazione qualificata che punti a valorizzare tutti gli oli extra vergini di oliva in tutte le possibili formulazioni.

Scriveteci se avete piacere di essere coinvolti in questa progettualità, in vista dell'evento di lunedì 30 maggio a Milano, nell'ambito della quintya edizione del Forum Olio & Ristorazione.

Intanto, ecco qualche utile spunto.

Un ristorante oliocentrico emblematico e iconico è "Aurevo", di cui più volte abbiamo scritto. Si trova all'interno del resort di Palazzo di Varignana, sui colli bolognesi, dove è possibile usufruire anche della bella vista di oltre 160 ettari coltivati a olivo.

A "Host", nell'ambito di Olio Officina Anteprima, a fine ottobre 2021 avevamo già anticipato il tema, sviluppandolo.

L’architetto e designer Alessia Cipolla in quella occasione ritenne che il punto di inizio sia sempre la conoscenza del prodotto. Dopo, ma solo dopo, si può costruire uno spazio specifico dove accogliere e raccontare l'olio extra vergine di oliva.

Francesca Bodini, responsabile relazioni istituzionali di Apci, Associazione Professionale Cuochi Italiani, vede il ristorante come un luogo dove poter fare quegli acquisti che al supermercato sarebbero impossibili. Si potrebbe, così, far conoscere l’olio in modo differente, perché spiegato in modo differente. 

Il food designer Paolo Barichella, sempre nell'ambito del nostro incontro di ottobre 2021, a Olio Officina Anteprima, aveva invece lanciato una proposta interessante, che porterebbe l’olio a un’altra collocazione. Secondo lui «ad accogliere i commensali potrebbe esserci una serie di bottiglie di olio capaci di raccontare qualcosa, proprio perché l’alimento in sé ha una sua grande storia».

Mauro Olivieri, designer e food designer, aveva invece ipotizzato la figura del concierge da sala, perché solo un personale formato e competente può ricoprire tale ruolo. Il concierge è un’evoluzione del maître, e deve saper cogliere e intuire quali perché si celano dietro la presenza del cliente in quel determinato ristorante.

Le idee sono tante, così come lo sono le persone che credono in un progetto di tale portata. Per questo abbiamo bisogno anche di voi, per aiutarci a scovare tutte quelle realtà che trattano l’olio come alimento, ed elemento, essenziale per la loro cucina.

In apertura, l'executive chef di "Aurevo" di Palazzo di Varignana, Davide Rialti, in cucina, insioeme con la dietista e nutrizionista del medical center di Palazo di Variognana, Annamaria Acquaviva. Anche le forto della galleria immagini sono di Palazzo di Varignana. 

Commenta la notizia

Per commentare gli articoli è necessario essere registrati.
Se sei un utente registrato puoi accedere al tuo account cliccando qui
oppure puoi creare un nuovo account cliccando qui

Iscriviti alle
newsletter