Economia

Il mercato oleario negli Usa: focus sulle importazioni

I dati del Consiglio Oleicolo Internazionale, Coi, per l’annata 2020/21 hanno registrato un calo del 3% rispetto alla campagna precedente, per un valore pari a 379.539 tonnellate di olio di oliva vergine importato. I Paesi di riferimento per l’acquisto di olio da olive sono Italia, Spagna e Tunisia, dai quali proviene circa il 78.9% delle importazioni totali

Olio Officina

Il mercato oleario negli Usa: focus sulle importazioni

Gli Stati Uniti hanno importato 379 539 tonnellate di olio di oliva vergine nella campagna 2020/21, pari al 3% in meno rispetto alla campagna 2019/20.

Grafico 1 – Importazioni staunitensi di olio da olive

Olio da olive e olio di sansa di oliva

Gli Stati Uniti contribuiscono a circa il 35% delle importazioni mondiali di olio da olive, mentre le importazioni in Unione europea occupano il 15% sul totale, in Brasile l’8%, in Giappone il 6% e in Canada il 5%: sommati, i quattro mercati corrispondono al 69% delle importazioni mondiali.

Grafico 2 – Percentuale delle importazioni mondiali di olio da olive e olio di sansa di oliva (media ultimi sei anni)

Gli Stati Uniti hanno importato 390 534 tonnellate di olio da olive e olio di sansa d’oliva nella campagna 2020/21, ovvero l’1,6% in meno rispetto all’anno precedente.

Circa il 78,9% delle importazioni statunitensi di olio da olive proviene da Italia, Spagna e Tunisia, seguito dal Portogallo con il 6,6% e dalla Turchia con il 4,5%.

Tabella 1 – Importazioni in tonnellate di olio da olive e olio di sansa di oliva per Paese partner

Grafico 3 – Importazioni 2007/2008 – 2020/2021 (x 1000 t)

Per categoria di prodotto, il 73% delle importazioni rientra nel codice 15.09.10, ovvero olio di oliva vergine, il 24,2% sotto il 15.09.90, quindi olio da olive, e il restante 2,8% sotto 15.10,00, olio di sansa d’oliva.

Grafico 4 – Distribuzione delle importazioni in tonnellate per categoria di prodotto 2020/2021

Grafico 5 – Variazioni delle importazioni per catgoria di prodotto 2007/2008 – 2020/2021 (x 1000 t)

Per quanto riguarda il tipo di imballaggio utilizzato, l’Italia utilizza principalmente contenitori inferiori a 18 kg; solo il 7,1% dei suoi contenitori registrano un peso superiore, mentre i contenitori di 18 kg o di portata superiore sono stati utilizzati più del 75% delle importazioni totali in Spagna, Turchia, Cile, Marocco, Austria, Paesi Bassi, Australia ed Egitto.

Tabella 2 – Distribuzione delle importazioni per categoria di prodotto e Paese partner, 2020/2021

Mappa 1 – Flussi di importazioni statunitensi e produzione mondiale 2020/2021, dati provvisori

In apertura, foto di Olio Officina©

Per commentare gli articoli è necessario essere registrati
Se sei un utente registrato puoi accedere al tuo account cliccando qui
oppure puoi creare un nuovo account cliccando qui

Commenta la notizia

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.