Mondo

Riccardo Cassetta, neo presidente Assitol: conciliare necessità industria, agricoltura e politica

L’imprenditore pugliese alla guida dell’Associazione italiana industria olearia. Completata la squadra operativa. Leonardo Colavita nominato presidente onorario 

Olio Officina

Riccardo Cassetta, neo presidente Assitol: conciliare necessità industria, agricoltura e politica

È Riccardo Cassetta il nuovo presidente di Assitol, l’Associazione Italiana dell’industria olearia.

Succede a Marcello del Ferraro, che ha guidato l’organizzazione, aderente a Federalimentare e Confindustria, negli ultimi cinque anni.

Amministratore unico di Olio Levante srl, impresa dell’olio d’oliva nata ad Andria, esattamente un secolo fa e giunta alla quarta generazione della famiglia Cassetta, il neopresidente di Assitol è da tempo impegnato nell’attività associativa.

Classe 1963, Cavaliere al merito della Repubblica, è stato vicepresidente del Consorzio Tutela dell’Olio Dop Terra di Bari.

Attualmente ricopre il ruolo di presidente della delegazione territoriale Bat di Confindustria Bari, Barletta-Andria-Trani, oltre che vicepresidente di Confindustria Bari-Bat.

È inoltre socio fondatore dell’Aemi, l’Associazione economica del Messico in Italia.

“Sono onorato e felice per questa nomina – ha commentato il neo presidente – che arriva in coincidenza con il cinquantesimo anniversario della nascita di Assitol.

Al tempo stesso, sono consapevole del grande lavoro che mi aspetta.

Sono tanti i fronti su cui l’associazione è chiamata a impegnarsi per il cambiamento: basti pensare al coacervo di norme, spesso obsolete, che appesantiscono l’attività industriale.

Se vogliamo ridare slancio al nostro agroalimentare, oltre alla semplificazione di norme e regolamenti, dobbiamo puntare su una sempre maggiore collaborazione con le istituzioni, la pubblica amministrazione e, al tempo stesso, con la controparte agricola.

L’obiettivo è di riuscire a conciliare le necessità di industria, agricoltura e politica, in modo da essere più competitivi e coesi, come i Paesi nostri concorrenti”.

In questa ottica va letto anche il difficile momento attuale.

“Le conseguenze del conflitto in Ucraina, l’inflazione, i rincari legati alla siccità si affrontano lavorando insieme alla filiera e agli interlocutori coinvolti, nessuno escluso”.

Al fianco di Cassetta, nel ruolo di vicepresidenti, Assitol ha nominato Pietro Marseglia, vicepresidente del Marseglia Group, Ivano Mocetti presidente del Cda di Costa d’Oro, Fabio Maccari, amministratore delegato della Salov, ed Enrico Zavaglia, trading manager della Cereal Docks. Entrano nel direttivo dell’Associazione anche Mario Rocchi, amministratore dell’Oleificio Rocchi, Gianmaria Martini, amministratore delegato di Unigrà, Dora Desantis, responsabile qualità di Agridè, Roberto Sassoni, direttore generale di Carapelli Firenze, e Saverio Panico, direttore commerciale di Bunge. Assitol ha anche nominato Leonardo Colavita presidente onorario, in virtù del suo lungo impegno nell’associazione e nel settore oleario. 

La squadra di Assitol ha visto inoltre la riconferma di quasi tutti i presidenti di gruppo: Anna Cane per il gruppo Olio d’oliva, Carlo Tampieri per il gruppo Oli da semi, Paolo Grechi per il gruppo Lievito da zuccheri, Michele Martucci per il gruppo olio di sansa, Giuseppe Allocca per il gruppo condimenti spalmabili, Joern Schneider per il Gruppo Biodiesel, Maurizio De Maria per il gruppo degli Oli per usi tecnici. Conferma anche per Palmino Poli, delegato alla presidenza per fiere ed eventi.

È invece al primo mandato Alberto Molinari, appena eletto presidente di Aibi, l’Associazione Italiana Bakery Ingredients, che rappresenta le aziende dei prodotti semilavorati della panificazione, pizzeria e pasticceria. 

Si ringrazia per la notizia e la foto in apertura Silvia Cerioli 

Commenta la notizia

Per commentare gli articoli è necessario essere registrati.
Se sei un utente registrato puoi accedere al tuo account cliccando qui
oppure puoi creare un nuovo account cliccando qui

Iscriviti alle
newsletter