Gea Terra

In Spagna viene tracciata la dispersione delle acque reflue per salvaguardare gli ecosistemi

I cicli di scarico nelle acque di irrigazione delle risaie del Delta dell’Ebro sono una delle principali cause di perdita e alterazione della biodiversità. L’Irta e l’Università Politecnica della Catalogna hanno realizzato un modello per determinare il percorso di queste sostanze: attraverso l’utilizzo di un colorante specifico, la rodamina Wt, è possibile rilevare le zone più colpite e rielaborare le attività di acquacoltura

Olio Officina

In Spagna viene tracciata la dispersione delle acque reflue per salvaguardare gli ecosistemi

Il Delta dell'Ebro forma un ecosistema complesso dove le dinamiche naturali coesistono con attività produttive come la pesca, l'acquacoltura e l'agricoltura.

Si tratta di un equilibrio fragile e per preservarlo è essenziale conoscere gli effetti che tali attività hanno sull'ambiente circostante.

Nel caso della coltivazione del riso, il motore dell'agricoltura dell'Ebro, una delle principali fonti di impatto è l'acqua di irrigazione scaricata in mare.

Questi scarichi hanno un doppio effetto: portano nutrienti nell'ecosistema e allo stesso tempo contengono componenti tossici di pesticidi che possono influenzare la biodiversità.

Per questo motivo, l'Istituto di Ricerca e Tecnologia Agroalimentare, Irta, e l'Università Politecnica della Catalogna - BarcelonaTech, Upcm hanno sviluppato un modello per determinare le loro traiettorie nella baia di Fangar e minimizzare il loro impatto sull'acquacoltura di molluschi bivalvi.

Utilizzando la rodamina Wt, un colorante rossastro solubile in acqua, sono stati seguiti gli effluenti degli scarichi e sono state delimitate le aree più colpite.

In questo modo, l'esperimento permetterà una riorganizzazione definitiva delle attività di acquacoltura nella baia, stabilendo una zona di transizione di circa 80 ettari, esclusa dalla coltura dei bivalvi per evitare rischi per la salute degli animali e delle persone. 

Inoltre, oltre a concentrarsi sui problemi del Delta, uno degli obiettivi della ricerca è stato quello di stabilire un protocollo per applicare questa misura di protezione in altre zone di produzione di molluschi bivalvi lungo la costa catalana.

"In Catalogna, siamo già riusciti a definire e attuare la metodologia per stabilire le zone di transizione", celebra Margarita Fernández, ricercatrice dell'Irta a Sant Carles de la Ràpita.

Tutte queste conoscenze sono state presentate il 29 settembre in una conferenza di trasferimento a cui hanno partecipato i rappresentanti del Ministero dell'Agricoltura, della Pesca e dell'Alimentazione, il Dipartimento dell'Azione Climatica, dell'Alimentazione e dell'Agenda Rurale e gli allevatori di pesci e molluschi dell'Ebro e non solo.

Il progetto è stato lanciato nel 2020 dopo diversi episodi di mortalità straordinaria di ostriche adulte di dimensioni commerciali in alcuni vivai della baia di Fangar negli anni precedenti.

Queste perdite, che hanno raggiunto fino al 50% in alcuni casi, non erano associate a cause più comuni come l'herpes virus o le alte temperature.

Così, alcuni degli allevatori colpiti hanno indicato un legame con i cicli di scarico delle acque di irrigazione delle risaie, che soprattutto nei mesi di maggio e giugno possono contenere tracce di sostanze inquinanti.

Successive osservazioni dell'Irta e dell'Upc confermano anche una correlazione spaziale tra le aree più colpite dalla mortalità e quelle più direttamente toccate dagli scarichi di effluenti.

Tuttavia, secondo gli scienziati, non si può affermare che la causa della mortalità siano gli agenti chimici dei pesticidi, che sono già soggetti a specifiche norme ambientali.

Le prime diagnosi dei bivalvi indicano piuttosto un'influenza indiretta di questi componenti: "Potrebbe essere una combinazione di agenti, come i pesticidi che rendono i bivalvi più fragili contro gli agenti patogeni nell'ecosistema marino stesso", dice Fernández.

Per chiudere il progetto annuale, il team Irta continuerà a concentrarsi sulla ricerca dell'origine della mortalità.

Nel quadro di un progetto di ricerca che durerà fino al 2023, i diversi patogeni saranno isolati e inoculati in ostriche sane per valutare i rischi di origine chimica e microbica e prendere ulteriori misure per mitigare il loro impatto.

Nel frattempo, nella baia di Fangar, si può già fare il primo passo implementando la zona di transizione, la prima applicata alla coltivazione di molluschi bivalvi in Catalogna.

Conosciuto anche come buffer, è una misura preventiva di salute pubblica proposta nella guida europea alle buone pratiche.

La Direzione Generale della Politica Marittima e della Pesca Sostenibile ha già ricevuto la mappa della zona inadatta ai bivalvi, che può essere presa in considerazione quando si elaborano nuove licenze o si riorganizza il sito delle infrastrutture di acquacoltura.

Calcolo del comportamento dell'acqua

Dietro la mappa delle aree colpite, c'è un complesso modello idrodinamico realizzato dagli scienziati dell'Upc e dell'Irta.

"Prima di progettare soluzioni, era essenziale capire il comportamento fisico della baia e prevedere le diverse contingenze. In questo senso, l'uso combinato delle osservazioni in situ, la modellazione numerica e i risultati dell'esperimento con la rodamina ci ha permesso di ampliare la nostra conoscenza idrodinamica della baia", dice Manel Grifoll, ricercatore del Laboratorio di Ingegneria Marittima dell'Upc, legato alla Scuola di Ingegneria Civile di Barcellona, Etseccpb, e alla Facoltà di Scienze Nautiche, Fnb.

A tal fine, durante il giorno dell'esperimento e il giorno seguente, la dispersione della macchia di rodamina è stata monitorata con dei fluorimetri e le direzioni e le velocità della superficie sono state misurate con dei drifter lagrangiani.

Queste informazioni, triangolate con la conoscenza precedente della circolazione dell'acqua nel Delta, hanno permesso di ottenere un modello numerico tridimensionale ad alta risoluzione in grado di simulare il comportamento dei flussi d'acqua di irrigazione in diverse condizioni di vento.

 Questo ha permesso di sistematizzare una metodologia che era già stata testata nella vicina baia di Alfacs.

Nel 2019, la rodamina è stata utilizzata per tracciare la dispersione e la diffusione delle acque reflue scaricate dall'impianto di trattamento delle acque reflue di Sant Carles de la Rápita, nell'ambito del progetto europeo Seafoodtomorrow, a cui Irta ha partecipato.

"A Fangar, abbiamo applicato all'inquinamento chimico una metodologia che inizialmente era stata proposta per definire le zone di transizione per l'inquinamento batteriologico", riassume la scienziata dell'Irta Margarita Fernández.

L'esperimento sulla rodamina e la sua continuazione con il progetto di valutazione del rischio sulla mortalità dei bivalvi sono stati cofinanziati dal Fondo europeo per gli affari marittimi e la pesca e dalla Direzione generale per la politica marittima e la pesca sostenibile.

Ha collaborato anche la Federazione dei Produttori di Molluschi del Delta dell'Ebro (Fepromodel) e della Comunità di Irrigazione - Unione Agricola dell'Ebro.

Ostriche

Si ringrazia per le foto in apertura e all'interno Irta

Commenta la notizia

Per commentare gli articoli è necessario essere registrati.
Se sei un utente registrato puoi accedere al tuo account cliccando qui
oppure puoi creare un nuovo account cliccando qui

Iscriviti alle
newsletter