Terra Nuda

La casa olearia Pietro Coricelli firma l’accordo di filiera tra mondo agricolo, industria e distribuzione

Si tratta di un contratto nel nome dell’olio made in Italy su un quantitativo di 2 milioni di chili, con, in evidenza, il marchio “Firmato dagli agricoltori italiani”. Secondo l’ad Chiara Coricelli “l'olivicoltura italiana deve riguadagnare competitività con interconnessione e integrazione”

Olio Officina

La casa olearia Pietro Coricelli firma l’accordo di filiera tra mondo agricolo, industria e distribuzione

E’ stato siglato oggi da Pietro Coricelli S.p.A , azienda olearia di Spoleto (Pg), e dalle tre Organizzazioni di produttori Pugliaolive, Aipo Puglia e Olearia Appo, aderenti a Unaprol, il contratto di filiera triennale per l’olio made in Italy per un quantitativo di 2 milioni di chili.

Obiettivo dell’intesa, sancita nella sede di Coldiretti Puglia in occasione della giornata mondiale degli ulivi, è valorizzare e tutelare l’olio extra vergine d’oliva italiano di qualità e il lavoro degli olivicoltori pugliesi, garantendo loro la stabilità e la sostenibilità economica a partire dalla campagna olearia in corso e per i prossimi tre anni.

“Olivicoltura italiana deve riguadagnare competitività, per questo serve creare interconnessione e integrazione tra industria e agricoltura, è necessario lavorare insieme e rispondere in modo adeguato alle moderne esigenze dei consumatori in termini non solo di qualità ma anche trasparenza, valorizzazione e salvaguardia delle risorse naturali. Questo accordo ha una valenza enorme perché per la prima volta l’industria non è il nemico, questa è la prima azione concreta per legare il mondo agricolo, l’industria e la distribuzione e per creare una filiera di valore. Noi vogliamo essere in prima fila in questo nuovo scenario, ci facciamo portavoce dei produttori e lavoreremo insieme a loro con un obiettivo comune: valorizzare l’olio 100% italiano”, dichiara Chiara Coricelli, Amministratore Delegato di Pietro Coricelli.

La presenza del Marchio “Firmato dagli agricoltori italiani” permetterà di identificare i prodotti commercializzati sul mercato in virtù di questo accordo di filiera e rappresenta una garanzia per il consumatore sia per la tracciabilità del prodotto quale 100% italiano, sia per l’adeguata remunerazione riconosciuta agli olivicoltori della materia prima fornita.

Si ringrazia per la notizia e per la foto in apertura Angela Arena

TAG:

Per commentare gli articoli è necessario essere registrati
Se sei un utente registrato puoi accedere al tuo account cliccando qui
oppure puoi creare un nuovo account cliccando qui

Commenta la notizia

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.