Terra Nuda

Secondo Assoproli le attese del settore olivicolo rischiano di annullare mesi di lavoro e confronto  

In una nota ufficiale l’organizzazione agricola esprime profonda preoccupazione per le modifiche introdotte al Decreto “Disposizioni nazionali sui programmi operativi delle Op e Aop del settore dell’olio d’oliva e delle olive da tavola”. Prendere in considerazione il 2022 come anno di produzione, anziché il 2021, penalizza le attività di programmazione in quanto si avranno dati incompleti e non definitivi

Olio Officina

Secondo Assoproli le attese del settore olivicolo rischiano di annullare mesi di lavoro e confronto  

Assoproli, fra le più importanti organizzazioni di produttori italiana, esprime profonda preoccupazione per le modifiche proposte al decreto riguardante le disposizioni nazionali sui programmi operativi delle Organizzazioni e Associazioni di Produttori, Op e Aop, del settore dell’olio d’oliva e delle olive da tavola.

Modifiche che individuano il parametro per il calcolo del valore della produzione commercializzata, Vpc, di olio maturato nell’anno solare 2022, anziché nell’anno 2021.

“Una scelta – spiega il Presidente Giuseppe De Mastri- che penalizza l’attività di programmazione delle Op. Il rischio grave, infatti, è quello di definire futuri programmi operativi sulla base di dati non definitivi che potrebbero far predisporre i futuri Programmi operativi non adeguati alle reali condizioni delle imprese e alle loro esigenze. Programmi operativi che vanno presentati già dal prossimo 10 ottobre”.

Difficoltà che si acuiscono “considerando anche che il Piano Strategico Nazionale prevede l’avvio delle attività di programmazione a partire dal 1° gennaio 2023 e, pertanto, i programmi delle Op dovranno essere approvati entro il 31 dicembre 2022″.

«Il calcolo riferito al 2022 costringerebbe le nostre Op a programmare delle attività entro l’anno sulla base di dati la cui certificazione avverrà solamente in seguito. Elevato è il rischio di approvare programmi operativi inattendibili e suscettibili di notevoli oscillazioni – denuncia De Mastri -. In questo modo si annullano mesi di duro lavoro e confronto tra organizzazioni di rappresentanza, Ministero e altre Istituzioni coinvolte”.

“È un danno per la Puglia, che da sola rappresenta la metà dell’olio italiano, di diverse decine di milioni di euro perché – aggiunge – si elimina infatti dal sistema di calcolo del contributo l’esercizio del 2021 che è stato un anno molto positivo rispetto ad annate (es. 2023) in cui la produzione olivicola regionale e quindi il relativo fatturato che sarà realizzato dal comparto, si prospetta notevolmente inferiore”.

 

In apertura, foto di Olio Officina©

Per commentare gli articoli è necessario essere registrati
Se sei un utente registrato puoi accedere al tuo account cliccando qui
oppure puoi creare un nuovo account cliccando qui

Commenta la notizia

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.