Terra Nuda

Più tutela per l’origine di alimenti e bevande italiane in Georgia

È stato firmato un accordo di cooperazione tra l'Icqrf e il centro georgiano Sakpatenti. La protezione delle Indicazioni Geografiche del settore agroalimentare è un passo fondamentale

Olio Officina

Più tutela per l’origine di alimenti e bevande italiane in Georgia

Il Dipartimento Icqrf del Ministero delle Politiche agricole e il Centro nazionale per la Proprietà intellettuale della Georgia Sakpatenti hanno firmato un accordo relativo all’adozione di un Memorandum d’Intesa (MoU) sulla cooperazione per la protezione delle Indicazioni Geografiche nel settore agroalimentare e vitivinicolo.

L’iniziativa è concepita quale naturale seguito del Twinning Project GE 16 ENI EC 03 18 “Establishing Efficient Protection and Control System of Geographical Indications (GIs) in Georgia”, un progetto finanziato dall’Unione Europea e finalizzato al rafforzamento del sistema di controllo delle IIGG in Georgia che si è svolto dal 1° febbraio 2019 al 31 agosto 2021 e che ha visto il Dipartimento ICQRF e il Ministero come Senior Partners.

L’accordo consentirà di stabilire un canale di cooperazione costante per lo scambio di informazioni tra i due Paesi al fine di prevenire e contrastare pratiche commerciali sleali rispetto ai prodotti a Indicazione Geografica, sia offline che online, contribuendo così alla tutela delle reciproche produzioni di qualità e al contempo alla promozione delle pratiche europee in materia.

In apertura, foto di Olio Officina

Per commentare gli articoli è necessario essere registrati
Se sei un utente registrato puoi accedere al tuo account cliccando qui
oppure puoi creare un nuovo account cliccando qui

Commenta la notizia

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.