milan international condiments award

Cosa occorre fare per partecipare al MICA 2024

I passi sono pochi e soprattutto semplici, ma è necessario che vengano osservati tutti con attenzione per non commettere errori o dimenticanze durante l’adesione. Il Milan International Condiments Award è il concorso rivolto a tutte le aziende agricole e conserviere, nonché i selezionatori di prodotto, che prestano la massima attenzione nella ricerca delle materie prime e che guardano costantemente alla qualità. Par partecipare c’è tempo fino al 31 luglio

Olio Officina


MICA 2024, al via il concorso per condimenti, aromatizzati, sottoli e altro

Sono ufficialmente aperte le iscrizioni per la seconda edizione del Milan International Condiments Award, concorso ideato da Olio Officina e volto a valorizzare le molteplici produzioni di condimenti, salse e conserve che guardano a un’attenta cura degli ingredienti, a partire dall’olio utilizzato. L’obiettivo principale consiste nel sensibilizzare i consumatori, gli operatori professionali del canale HoReCa e della distribuzione, ad aprirsi a una nuova visione di tali prodotti. Per aderire c’è tempo fino al 31 luglio 2024

Olio Officina


Milan International Condiments Award, tutti i vincitori della prima edizione

Con l’acronimo di MICA, il concorso è nato con uno scopo ben preciso: valorizzare tutte le produzioni di qualità appartenenti alle categorie dei condimenti aromatizzati, sottoli, paté, conserve e composte. La giuria ha valutato attentamente le proposte, immaginandole in abbinamento a diverse pietanze e ricette, restando molto colpita da alcuni particolari sapori. Ad aggiudicarsi il titolo di vincitore assoluto è il Battuto di olive Taggiasca con limoni, del Frantoio di Sant’Agata d’Oneglia. Le premiazioni si svolgeranno a marzo, nell’ambito del nostro attesissimo appuntamento annuale, Olio Officina Festival

Olio Officina


Nelle dispense non devono mai mancare sottoli e sottaceti 

Da un lato perché fanno parte di una consolidata tradizione contadina, che avvertiva l’esigenza di conservare, in vista dei mesi più rigidi, il frutto del duro lavoro estivo nei campi. Dall’altro perché risolve il problema del frigo vuoto, perché basta aprire un vasetto e il pasto è assicurato. Già in epoca romana si conoscevano le proprietà dell’olio da olive nel conservare e preservare la qualità degli alimenti, in modo da consumarli in vari periodi dell’anno. Oggi poco è cambiato e le conserve restano delle ottime alleate, soprattutto quando le nostre verdure preferite scarseggiano. Presto il Milan International Condiments Award fornirà una rigorosa selezione delle migliori produzioni in commercio

Olio Officina


Alle vostre ricette estive mancano solo i giusti sottoli 

L’estate è alle porte, manca davvero pochissimo. Per queste calde giornate che ci attendono l’ideale è gustare piatti leggeri, ma ugualmente saporiti. Le conserve si rivelano delle ottime alleate, sia da utilizzare come contorno, sia per accompagnare delle fette di pane leggermente tostate. Se oltre a consumarle le producete anche, allora forse potreste partecipare al nuovo concorso di Olio Officina, Milan International Condiments Award

Olio Officina


Iscriviti alle
newsletter