Saperi pagina 16 di 30

Dialogando con Elena Ferrante

La misteriosa scrittrice è al centro dell’attenzione, sia con i suoi romanzi che dominano la classifica dei libri più venduti, sia con la sua presenza-assenza nel corso dell’ultima edizione del Premio Strega. Chi si nasconda, o quanti, dietro al suo nome non si sa, ciò che è evidente è che i suoi libri parlano da sé, e non occorre aggiungere altro

Antonella Casilli


Innovare restando fedeli a se stessi

Dove la crisi viene affrontata seriamente, s’investe in sviluppo e innovazione, puntando su ricerca, sperimentazione e istruzione. Si sogna e s’inventa coi piedi per terra. In Italia pensiamo invece di affrontare le difficoltà, stando sulla difensiva. Educare a un’alimentazione autarchica e chiusa agli scambi con altre culture, significa negare in radice l’assunto di fondo della nostra cultura del cibo. E’ stato molto importante quanto è emerso da un incontro dal significativo titolo “La ricchezza intangibile dell’olivo

Alfonso Pascale


Xylella, domande e risposte

L’abc intorno a uno tra i batteri delle piante più pericolosi al mondo, che provoca tutta una serie di malattie determinanti un enorme impatto economico per l'agricoltura. Un documento della Commissione europea del 17 luglio 2015 con una dettagliata scheda informativa utile per saperne di più

Olio Officina


L’olivo di via Fondazza

Il 20 luglio di 125 anni fa nacque il pittore Giorgio Morandi. A Bologna, nel 1890, dove morì il 18 giugno 1964. E’ stato tra i maggiori protagonisti della pittura italiana del Novecento. Nel giardino della sua casa un esemplare di albero secolare che compare in diversi suoi quadri

Olio Officina

Ti ho vista che ridevi

“Corsi e ricorsi storici” si potrebbe intitolare questo libro di Lou Palanca, che invece, più efficacemente, evoca uno dei rari sorrisi che illuminano il volto di uno dei personaggi chiave

Ilaria Santomanco


Khaïrem

Narrazioni. Mi facesti scoprire la bellezza nella bruttezza, il piacere di non essere normale, la femminilità con cui «non si può discutere e che è più forte di tutto», le dure leggi della natura, l’inciviltà di non «abortire» i vecchi, l’importanza dell’amore nella vita e la «porcheria» di poter ugualmente vivere senza. La mancanza di attenzione nel mondo. La capacità di vedere con gli occhi dell’amore

Mariapia Frigerio


Letture sotto l’ombrellone

Nelle scorse estati le 150 mila sfumature di ginnastica erotica imperversavano tra ragazze e signore “antenni” che con le sfumature delle letture e degli occhiali da presbite si sentivano molto moderne e molto intellettuali. E quest’anno?

Antonella Casilli


Il Decamerone e l'agricoltura sociale

Anche nella celebre opera di Giovanni Boccaccio si ricava una preziosa testimonianza dell’importante ruolo che riveste la vita rurale. Vi si narra la storia di Cimone e del suo ritardo mentale e del padre che lo manda a vivere in campagna. Sarà la la vita agreste e la passione amorosa verso Ifigenia a portalo alla guarigione.

Alfonso Pascale

La percezione della qualità

Si fa un gran parlare di cultura dell’olio e, di conseguenza, della qualità degli extra vergini e della raggiunta consapevolezza, da parte dei consumatori, nel percepire la qualità degli alimenti. E’ proprio così? In parte certamente sì

Luigi Caricato


L’attività agricola guarisce

Chi avrebbe mai immaginato un’agricoltura sociale ante litteram, già al tempo degli antichi Romani. Anche in quell’epoca la vita rurale era un’opportunità. Dopo aver curato una balbuzie congenita vivendo in campagna, Tito Manlio Torquato convinse i romani a non condannare il padre, il dittatore Lucio Manlio Imperioso, per averlo indotto autoritariamente a dedicarsi alle attività agricole. Per lui la vita agreste non era stata affatto una segregazione, ma un modo per migliorare il proprio benessere psico-fisico

Alfonso Pascale


Le città rischiano di esplodere

La nostra società versa in una condizione in cui non pare esserci alcun barlume solidaristico nell’intervento pubblico e tale stato di cose si è adesso aggravato con la recente crisi economica e finanziaria. Emergono sempre più le nuove forme di povertà. Si tratta a volte di una povertà percepita, indotta dalla paura di arretrare nella scala sociale. Spesso sono forme di povertà dovute alla mancanza di prospettive

Alfonso Pascale


Agende

Narrazioni. Una vita segnata, nero su bianco, su un’agenda, appuntando ogni cosa fatta. Di anno in anno. Nessun pensiero, banalmente solo azioni. Tutto documentato, nulla lasciato al caso. Con registrazioni minuziose e dettagliate, maniacali. Poi la decisione irrevocabile, voltando pagina

Mariapia Frigerio

Una visione geografica dell’olio

Cosa è accaduto a Genova giovedì 25 giugno, alla presenza di Luigi Caricato. Presentiamo tutto nel dettaglio, compresi tre video e una breve narrazione per capire cosa si è detto, e visto, in un luogo culturale prestigioso in cui l’olio da olive, il re dei grassi, ha avuto un ruolo di assoluto primo piano

Tree Dream


Oro liquido

Narrazioni. Gli esploratori e i mercanti erano i più numerosi. Ma tutti, senza distinzione di sesso, età e occupazione, avevano risposto all’appello degli Esperti. Eva attese che il clamore dei presenti si spegnesse, quindi rispose, sicura: «Olio d’oliva, come nei tempi più antichi»

Bianca Garavelli


Guarda ‘sti tronchi: alivi

Prima di presentarvi la recensione del volume Olio Nostrum, di cui sono autori Manfredi Barbera e Carlo Ottaviano, riportiamo una intensa lirica di Renzino Barbera, dal titolo “Matri Terra”, contenuta nel volume ad apertura del primo capitolo: è tuttu sangu miu, / misu ‘nta terra mia

L. C.


Erotismo del gusto

Un saggio sulla passionalità del gusto a firma di una filosofa e teorica del linguaggio tra le più apprezzate e originali, ci fa comprendere come il cibo sia effettivamente una materia complessa, tutta ancora da scoprire. I piaceri del palato e quelli dell’amore condividono la porta d’ingresso, la bocca, che ci è stata data per mangiare, per sussurrare parole dolci e anche per baciare. L’atto di mangiare, come l’atto sessuale, è l’atto di assimilazione e di riunificazione per eccellenza.

Rosalia Cavalieri

L’olio artigiano secondo Aifo

Abbiamo letto i due volumi editi da Agra con il titolo comune Il valore dell’olio e siamo rimasti contenti e nel contenpo delusi. La nostra recensione fa emergere alcuni aspetti che non ci convincono. Anche perché dopo poco meno di 500 pagine e tante erudizioni a buon mercato scopriamo che in fondo l’olio artigiano è semplicemente un olio a regola d’arte

Luigi Caricato


L’altro modo di possedere la terra

Non esiste soltanto la distinzione tra proprietà pubblica e privata, c’è anche una terza via, che in realtà precede tutte le altre: la proprietà collettiva, ovvero un patrimonio che non appartiene né allo Stato, né alle Regioni, né agli enti locali anche se talvolta è imputato catastalmente ai comuni. Tali patrimoni possono essere sottratti alla gestione dei comuni. Un insigne giurista e storico del diritto, Paolo Grossi, ha fornito un’interpretazione della storia delle proprietà collettive da una prospettiva nuova e originale

Alfonso Pascale


Le due amiche

Narrazioni. Si considerava una zitella acida, e lo diceva ai quattro venti. E nemneno tralasciava di aggiungere di non amare i bambini. Nonostante ciò, era una donna piena d’amore. Per tutti. Anche se mai l’avrebbe ammesso

Mariapia Frigerio


Quando si dice territorio

Si dice polisemìa del linguaggio, quando una parola esprime molteplici significati. È nel territorio che viene inventata l’agricoltura mediante l’accumulo di un sapere tecnico ed esperienziale che si tramanda di generazione in generazione. Oggi cresce la consapevolezza che per creare le premesse di una modernità sostenibile occorra rimettere al centro l’agricoltura, nella sua dimensione non solo produttiva ma anche culturale

Alfonso Pascale

Iscriviti alle
newsletter

Archibald

Narrazioni. Era alta e slanciata. Bionda con gli occhi azzurri. La classica svedese. Forse per questo attraeva. Il fascino del nord. Andava a dormire molto presto. Si infilava sotto le coperte come una suora: le lenzuola a mo’ di scudo fino alle ascelle, le braccia fuori lungo i fianchi

Mariapia Frigerio


Il cibo non è un gioco

Marchesi è un’icona. E’ l’unico cuoco con il cognome aggettivabile. La direzione della sua Accademia è stata  affidata con grande saggezza a una donna: Anna Prandoni. La quale sostiene con convinzione l’idea che la cucina debba ripartire dalla cultura. Quando capiremo che quel che mangiamo diventa “noi”, forse avremo vinto la scommessa. E questo vale per l’olio ma anche per tutto il resto

Luigi Caricato


Ed è Libero Olio in libero Stato

La giuria del Premio internazionale del Museo delle Paste alimentari ha assegnato il trofeo d’argento, per la sezione mercato-editoria, sia all’autore, Luigi Caricato, sia all’editore, Zona Franca. Si tratta di un libro, un severo pamphlet, intorno al complesso mondo degli oli da olive, pubblicato nel settembre 2013. La prefazione al volume a firma di Gualtiero Marchesi

Gualtiero Marchesi


Guarda ‘sti tronchi: alivi

Prima di presentarvi la recensione del volume Olio Nostrum, di cui sono autori Manfredi Barbera e Carlo Ottaviano, riportiamo una intensa lirica di Renzino Barbera, dal titolo “Matri Terra”, contenuta nel volume ad apertura del primo capitolo: è tuttu sangu miu, / misu ‘nta terra mia

L. C.

Due vecchi scrittori

Angelo Ponsi e Manlio Cancogni in una visione narrativa di Mariapia Frigerio. Ponsi, in particolare, è uno scrittore anomalo. La prima cosa che diceva di sè è di essersi interessato per tutta la vita di rubinetti. E in effetti, oltre a essere stato uno scrittore, ha fatto anche l'industriale, necessitato a mandare avanti l’azienda di famiglia. Tra i due vi era una affinità elettiva. Ponsi ha salutato il mondo lo scorso 26 maggio

Mariapia Frigerio


Fame e sazietà

Quali regole si prospettano a livello globale? I nuovi termini della fame e della sazietà sono ormai nell’agenda di tutte le sedi formali e informali a livello internazionale. Sta infatti crescendo la consapevolezza che tali temi si possano affrontare solo in una dimensione globale. Expo 2015 è un’occasione formidabile per discutere nuove regole e nuovi assetti dell’economia e della società

Alfonso Pascale


L’olio rende simpatici

Proprio così: ne basta un cucchiaio al giorno, purchè sia un olio da olive. Parola di Nobuo Nishimura, editore e uomo di cultura giapponese. Nel lontano 1964, in tempi in cui il cibo non era ancora di moda, organizzò addirittura un corso di cucina italiana per cuochi e maestre giapponesi

Felice Modica


Il gusto rivolto al futuro

Il ritorno all’invenzione delle tradizioni porta con sé una trasformazione del gusto da intendere come la dimensione corporea, sensoriale e cognitiva dell’individuo capace di scegliere modalità, luoghi e prodotti di consumo nella mutevolezza dell’agire quotidiano; di associare le sensazioni concesse dall’esperienza della relazione con un alimento o una bevanda alle motivazioni ideali che possono indurre a sostenere determinati progetti imprenditoriali socialmente responsabili

Alfonso Pascale