Economia pagina 15 di 20

Oli da olive, lo stato dei consumi

C’è ancora molto da fare, ma i dati presentati dal Consiglio oleicolo internazionale sono incoraggianti. Si sta sempre più consumando anche nei paesi “non produttori”, dove si sono raggiunti livelli superiori a 200 mila tonnellate. Il margine di crescita nei principali paesi importatori - Stati Uniti, Brasile e Giappone - è piuttosto importante

Olio Officina


Una sana economia locale

Carlo Cattaneo, il grande pensatore lombardo, torna oggi d’attualità con le sue concezioni economiche. Per lui la libertà è il primo valore da vivere ogni giorno nelle libere scelte consapevoli e partecipi della vita sociale e politica. La sua critica al centralismo e il suo favore verso il modello federalista non ha nulla a che vedere con le concezioni separatiste e autarchiche. Per lui si deve soprattutto puntare alla partecipazione piena e consapevole di tutte le componenti della società locale, a partire dai ceti più bassi delle campagne e delle città

Alfonso Pascale


Debito e/o colpa?

Diario europeo. Cosa c’è dietro al dibattito/conflitto politico in cui si evocano le magiche parole “flessibilità” e “debito sovrano”? Ne scaturisce un affresco su alcuni fondamenti culturali che ruotano intorno ad alcune precise concezioni dell’economia e ad alcuni, altrettanto precisi comportamenti di politica economica. Conosciamo veramente lo “spirito” (geist) che popoli e culture mettono alla base dei loro specifici modi di intendere (e attendere) le relazioni e/o le integrazioni tra culture e tra Stati?

Mario Campli


I caratteri delle nuove economie

Nel nuovo scenario, i bisogni umani non sono più come ce li consegna la storia. Ma evolvono continuamente perché, in base alla loro percezione, si ricombina costantemente la loro graduatoria. Solo indagini sociologiche accurate possono dar conto dei cambiamenti nella percezione dei bisogni delle persone e delle potenzialità di mutamento che gli individui esprimono

Alfonso Pascale

Tutti per la canapa

Cresce l’interesse in Italia per tale coltura, che può sempre più diventare una risorsa economica sia per l’agricoltore, sia per il trasformatore. E’ quanto è emerso da un convegno organizzato da Assocanapa in Piemonte. Si tratta solo di creare un circolo virtuoso di sviluppo economico ed ecologico con potenzialità che spaziano in diversi settori

Marcello Ortenzi


Olio piemontese e valdostano

Il resoconto dell’olivagione nelle due regioni più estreme dell’olivicoltura italiana. In molti pensano che non si producano extra vergini. Sbagliano. I produttori locali sono soddisfatti. I dati indicano un chiaro aumento di produzione, circa il venti per cento in più rispetto al precedente anno. Si è calcolata una produzione di poco inferiore a 600 quintali di olive, con una resa media dell’undici per cento

Antonino De Maria


L'Italia dello zero virgola

E' un Paese fermo al palo, immobile, in pieno letargo e che non ha voglia di futuro. La fotografia della società italiana al 2015, così come emerge dal 49° Rapporto Censis sulla situazione sociale del Paese è impietosa. Viviamo in una società a bassa autopropulsione, che non ritrova il gusto del rischio. Continua a gonfiarsi intanto la bolla del risparmio cautelativo, ma chi ha vinto ogni pulsione protezionista o di pura trincea, ed è andato verso l'esterno accettando le sfide, adesso incassa il dividendo di tale scelta

Olio Officina


Diritto d’autore in cucina

Il tema della proprietà intellettuale di una ricetta è stato oggetto di discussione in un pubblico dibattimento a Milano, portando alla luce l’esigenza di tutelare il cuoco, che, per la sua creazione, si appella al diritto d'autore. Il padre nobile della cucina italiana, Gualtiero Marchesi, difende, e ottiene giustizia, per il proprio piatto-simbolo “Riso Oro e Zafferano”

Olio Officina

Olivagione 2015 in Spagna

Lo sguardo di tutti è sul più importante Paese produttore di oli da olive al mondo. Sono state rese pubbliche le stime ufficiali di produzione in Spagna, e, come prevedibile, è sempre l’Andalucia a dominare la scena. Se ne trae una spaccato ben dettagliato della produzione iberica. I primi commenti da parte dei rappresentanti delle Cooperative spagnole indicano una sorta di equilibrio fra le disponibilità complessive di prodotto e le richieste del mercato

Adriano Caramia


Olivagione 2015 in Calabria

Nella seconda regione produttrice italiana, dopo il calo produttivo della passata campagna olearia si ritorna alla normalità. Le popolazioni di Bactrocera oleae sono rimaste in limiti accettabili e contrastabili. C’è grande attesa, anche perché la qualità segue un andamento positivo. Le operazioni di raccolta sono già partite, con buone performance quantitative

Michele Librandi


Olivagione 2015 in Toscana

L'andamento della campagna oleicola in una regione che ha salutato il ritorno alla normalità. Sono segnalate rese superiori al 15% anche in fase di raccolta precoce. E’ andato tutto bene finora, seppure si possono evidenziare un paio di anomalie climatiche che in alcune aree hanno determinato una riduzione della produzione e un andamento atipico del processo di accrescimento delle drupe

Massimo Ricciolini


Olivagione 2015 in Emilia Romagna

Ci si prepara a una produzione tendenzialmente contenuta su tutto il territorio regionale, anche se comunque in netta ripresa. Le olive si stanno avvicinando al periodo di raccolta con lieve anticipo sulla maturazione. Sarà un olio di grande qualità chimico-fisica eorganolettica, concentrata soprattutto nelle provincie di Rimini, Forli-Cesena e Ravenna

Luigino Mengucci

Il libro unico del lavoro

Tutto si incentra su questo libro. Perché rappresenta la carta d’identità dell’azienda e dei singoli rapporti di lavoro in essere. La sua mancata conservazione per il termine prescritto è punita con sanzione pecuniaria amministrativa. Cose da sapere. Con il giuslavorista Iunio Valerio Romano proseguiamo nella nostra full immersion riguardante le ipotesi sanzionatorie e le inosservanze ritenute sanabili, fino a concludere con un cenno al mancato pagamento degli assegni familiari

Antonella Casilli


Olivagione 2015 nel basso Lazio

Come si prefigura la nuova raccolta delle olive in un’areale storicamente vocato all’olivicoltura? Da sopralluoghi effettuati nei campi olivati, i frutti risultano di buona qualità ma con quantità ridotte rispetto alla possibile capacità produttiva delle piante

Donato Galeone


Sanzioni in materia di lavoro

Cosa cambia rispetto al passato, con il nuovo regime in corso, soprattutto ora che è prevista una maxi sanzione? E cosa accade, in seguito a omessa o infedele registrazione sul Libro unico del lavoro e di omessa corresponsione degli assegni familiari o di irregolarità afferenti al prospetto di paga? Ne abbiamo parlato con il giuslavorista Iunio Valerio Romano

Antonella Casilli


L'analisi swot dell’olio

Lo studio, eseguito nei minimi particolari, della filiera dell’olio da olive a marchio Dop Umbria, ha fatto emergere i punti di forza (Strengths) e debolezza (Weaknesses), oltre che le opportunità (Opportunities) e le minacce (Threats). A partire da questa analisi, ciò che appare evidente, è la necessità di innescare dapprima una rivoluzione culturale, per poi in seguito creare un network di produttori di eccellenza e strutture di ospitalità della regione, rafforzando il tutto con un adeguato rinnovamento tecnico

Agnese Pascale

L’olivagione 2015 in Sardegna

Il punto, zona per zona, sulla oramai prossima raccolta delle olive. Tante buone speranze, all’inizio, ma poi, una evidente situazione di stress delle piante ha in parte causato una alterazione del normale processo di maturazione delle drupe. I risultati attesi non ci saranno, ma sarà in ogni caso una campagna di media carica, soprattutto per via delle performance del centro-nord

Giovanni Bandino


Un olio a filiera corta?

Quanto può valere garantirne la genuinità e autenticità con un contatto diretto produttore-consumatore non solo tra gli amici e i parenti stretti, ma anche con amici che si trovano a migliaia di chilometri di distanza? Ai produttori di olio californiani e australiani facciamo un grande favore se li liberiamo dalla concorrenza dei grandi oli italiani suggerendo loro gli argomenti per difendersi dai produttori italiani...

Wan Zu


Olio in Gdo, i prezzi di vendita

All'interno della denominazione generica di extra vergine si nasconde l'elemento probabilmente più importante del business della grande distribuzione. I riscontri di una indagine che ha preso in considerazione tutte le tipologie di oli di oliva in commercio, suddivisi in due postazioni, evidenziano gli oli di qualità corrente e gli oli di nicchia. Emerge una evidente differenziazione di formati. Per ciò che concerne gli extra vergini in lattina, va osservato che questi presentano prezzi molto vicini agli oli raffinati

Agnese Pascale


L’approccio multidisciplinare

Intorno al grande maestro Manlio Rossi-Doria vi erano tanti giovani che si sono spesi per l’agricoltura, come nel caso dell’economista Giuseppe Orlando, il quale era solito girare continuamente nelle campagne e interagire con i contadini. Sono in pochi ad aver avuto una spiccata sensibilità nel guardare ai temi reali dell'agricoltura. Oggi chi propone, decide e gestisce le politiche agricole non gira quasi mai per i campi

Alfonso Pascale

Iscriviti alle
newsletter

Costi di produzione dell’olio

Entrando nel vivo dell'olio extra vergine di oliva a marchio Dop Umbria, si scopre quali siano, secondo le valutazioni effettuate dal Presidente del Consorzio di Tutela, tutte le spese sostenute dalle aziende. Sono stati messi a confronto due tipi di impianto (tradizionale e coltura intensiva) e diversi sistemi di raccolta (manuale, con agevolatori e con scuotitore)

Agnese Pascale


Olivagione 2015, le stime

Che campagna olearia sarà nel bacino mediterraneo? Tra non molto si inizierà la raccolta delle olive. Conoscere in anticipo le disponibilità può delineare le strategie dei prezzi. In verità, grazie al continuo monitoraggio gli operatori di mercato indirizzano le loro scelte commerciali settimana per settimana. Ciò che è certo, è che la quasi mancanza di scorte sta condizionando i listini. Ad ogni buon conto, avanziamo delle previsioni che sono il frutto di reportages di operatori dei vari Paesi

Adriano Caramia


Fotografia dell’olio Dop Umbria

I costi di certificazione, le principali varietà, i dati sulla produzione. In un periodo in cui le sollecitazioni del marketing e della promozione pubblicitaria sembrano orientare il consumatore verso oli di monocultivar, la riflessione sulla tradizione umbra sembra un richiamo opportuno alla razionalità e alla saggezza

Agnese Pascale


L’olivicoltura Dop in Umbria

Nota in tutto il mondo, si propone con un olio che vanta una attestazione di origine che abbraccia l’intero territorio regionale, a partire dal nome. Quel che serve sapere in merito al disciplinare di produzione, al sistema di controllo e certificazione, alla storia e organizzazione del consorzio di tutela

Agnese Pascale

Il mercato dell’olio Dop

Si fa un gran parlare di oli a denominazione di origine protetta, ma siamo a conoscenza di come si muova la domanda e offerta di tali extra vergini? Il comportamento dei consumatori in Italia si è intanto prpfondamente modificato negli ultimi anni. I consumatori internazionali dal canto loro stanno compiendo una decisa scelta orientata verso la qualità. E' tutto oro ciò che luccica?

Agnese Pascale


Perché la Puglia olearia arranca

E’ storia nota a tutti. Ci si chiede sempre il perché il marketing dell’olio non decolli. Certamente per diverse ragioni, non ultima il fallimento delle Dop. Oltre alla mancata convinzione, da parte dei produttori, di credere nella necessità di doversi consorziare così da poter affrontare il mercato. Eppure l’esempio del mondo del vino c’è, e può servire

Benedetto Miscioscia


L’olivicoltura Dop in Italia

Siamo sicuri di conoscere il vasto mondo delle denominazioni di origine protetta degli oli da olive in Italia? Pare di sì, ma in fondo in pochi in realtà si addentrano nella normativa e sugli aspetti legati alle certificazioni. Sappiamo tutti cos’è un disciplinare di produzione, il ruolo dei consorzi di tutela e ciò che concerne le attività di promozione?

Agnese Pascale


Prove di accordo tra la filiera

Si punta a un profilo di olio extra vergine di oliva dagli elevati standard in fatto di qualità e sicurezza alimentare. Una sfida grande quanto inevitabile e necessaria, per non sprofondare nel baratro. Riportiamo la bozza di documento, con le proposte articolate in sette punti, tra cui, fondamentali, quelli relativi alla determinazione del prezzo (e all’ipotesi di un prezzo fisso a tonnellata, più premialità), al campionamento e ai termini di pagamento

Olio Officina