23 Febbraio 2020 - direttore LUIGI CARICATO - redazione@olioofficina.it

accedi - registrati - pubblicità - sostieni

saperi > economia

C’è battaglia sulla canapa

Una campagna elettorale a gamba tesa, insieme alla sentenza del 30 maggio delle sezioni penali unite della Cassazione ha portato scompiglio in un intero settore in tutta Italia, ma la canapa resta una pianta necessaria per la bioeconomia. Pronto un Disciplinare di produzione delle infiorescenze elaborato da Cia e Confagricoltura per certificare e tracciare l’intera filiera produttiva italiana, e garantire la qualità e la sicurezza dei prodotti con THC inferiore allo 0,2%

Marcello Ortenzi

C’è battaglia sulla canapa

Nonostante la recente sentenza della Cassazione che ritiene non vendibili alcuni prodotti ottenuti alla canapa sativa, la pianta seguita a essere fonte di altri prodotti utili e legali. 

Dopo la notizia della sentenza è nata una forte preoccupazione in tutto il settore e in particolare in chi commercia prodotti in canapa. Una preoccupazione che è stata utilizzata durante e dopo la campagna elettorale ad arte, per identificare i negozi di articoli in canapa con luoghi di spaccio di droga, al di la della verità. 

In realtà il pronunciamento della Cassazione afferma che non può configurarsi reato ascrivibile all’art.73 del decreto sugli stupefacenti (L.309/90) la vendita e in genere la commercializzazione al pubblico di prodotti derivati dalla coltivazione della Cannabis sativa L. se tali prodotti sono “in concreto privi di efficacia drogante”. 

Un’ampia letteratura scientifica e forense fissa allo 0,5% il limite di THC al disotto del quale non è rilevabile effetto psicoattivo. Una Circolare del ministero dell’Interno del luglio 2018 richiama questo limite: “Per la cannabis sia la tossicologia forense che la letteratura scientifica individuano tale soglia attorno ai 5 mg di THC che in termini percentuali equivalgono allo 0,5%...”. 

È da tenere presente che tutte le attività agricole e le attività di vendita da aziende agricole ad altre imprese di prodotti derivati da canapa industriale, cosmetici, alimentari, manifatturieri, biomassa, colture per florovivaismo, sono ammesse dalla legge 242/2016 e pertanto non sono minimamente a rischio, purché conformi alle rispettive normative di settore. 

È invece a rischio per la vendita al pubblico di derivati dalle infiorescenze, perché la sentenza della Cassazione esclude infiorescenze, olio da CBD, foglie e resine dall’ambito di applicazione della legge sulla canapa industriale, anche sotto lo 0,5% di THC e non si possono escludere in tali casi interventi di forze dell’ordine e procure. 

Intanto Federcanapa, che associa operatori agricoli e industriali del settore, ha diffuso la sua iniziativa di Marchio e Disciplinare di produzione delle infiorescenze, elaborato insieme a Cia (Confederazione Italiana Agricoltori) e Confagricoltura, per certificare e tracciare l’intera filiera produttiva e a garantire la qualità e la sicurezza dei prodotti (con THC inferiore allo 0,2%).

L’associazione ritiene che in questo modo i prodotti a marchio “Fiore di Canapa Italiano”, siano privi di efficacia drogante e di rischi per la salute e, di conseguenza, la relativa commercializzazione non sia reato. 

Resta la necessità che Governo e Parlamento intervengano al più presto per chiarire situazioni da troppo tempo in sospeso, quali il significato di “efficacia drogante”, con danno per operatori che lavorano da anni e che hanno investito sulla base del quadro normativo preesistente alla legge 242, quadro normativo che in buon parte è ancora in piedi e rispetto al quale la legge non voleva certamente tornare indietro.

 

L'illustrazione di apertura è tratta dal Museo della Canapa a Sant’Anatolia di Narco, in provincia di Perugia

Marcello Ortenzi - 09-06-2019 - Tutti i diritti riservati

Marcello Ortenzi

Nato a Roma, dove risiede, si è laureato in Economia e Commercio nell’Università "la Sapienza", con una tesi in Politica agraria sugli interventi per le aree interne e montane risiede nella capitale. Si è occupato di progettazione industriale e di comunità montane, partecipando a un gruppo di lavoro dell’Uncem Lazio per la preparazione di una legge regionale sugli enti montani. Ha collaborato inoltre con l’Istituto di studi sulle Regioni del CNR, elaborando alcune annate di analisi dei bilanci regionali. E’ stato funzionario della Regione Toscana nell’ufficio di Presidenza a Roma, e ora si occupa dell’utilizzazione delle biomasse nei settori energia ed industria con l’Italian Biomass Association (Itabia), associazione scientifica con sede in Roma, curando specialmente gli aspetti normativi e la divulgazione dei risultati delle attività. Collabora dal 1989 con alcune riviste agricole, occupandosi specialmente di castanicoltura e fibre vegetali, e redige inoltre un bollettino di lavori parlamentari on line sui temi agroforestali ed energetici.

ULTIMI
Luigi Caricato
L'INCURSIONE

LUIGI CARICATO

DIXIT
SAGGI ASSAGGI
Conoscete l'olio Dop Provence?

Conoscete l'olio Dop Provence?

Sul mensile Oliocentrico di ottobre abbiamo ospitato la recensione di un olio francese, del Moulin à huile d’olive «Bastide du Laval», operativo a Cadenet, ottenuto a partire da olive Aglandau, Salonenque, Cayon, Bouteillan e Picholine. Sul numero 5 della rivista si può leggere la versione in lingua francese, qui quella in lingua italiana > Cécile Le Galliard

RICETTE OLIOCENTRICHE
L’oliva al piatto e la torta evo, due ricette d’autore

L’oliva al piatto e la torta evo, due ricette d’autore

Lo chef Damiano Carrara ha realizzato per Monini due dessert in cui l’olio extra vergine di oliva è protagonista oltre che in cucina anche in pasticceria: un’alternativa più salutare rispetto al burro

EXTRA MOENIA
Ultimi giorni per partecipare a Evooleum Awards

Ultimi giorni per partecipare a Evooleum Awards

Sono arrivati finora centinaia di campioni da numerosi Paesi produttori. Il contest e la guida promuovono il consumo dei migliori extra vergini prodotti nei cinque continenti. La scadenza per registrarsi è il 27 febbraio 2020

GIRO WEB
Coi, nuovo sito web

Coi, nuovo sito web

Il 19 novembre è entrato in funzione un rinnovato website, più facilmente navigabile e agevole, in linea con le tecnologie più avanzate. Un utile strumento web per essere costantemente aggiornati sulle news del Consiglio oleicolo internazionale.  Si tratta di un solido punto di riferimento per il mondo olivicolo e oleario mondiale da tenere sempre sotto osservazione. Tante le novità

OO VIDEO

Giusto un filo

In anteprima per i nostri lettori,  uno dei lavori in collaborazione con lo IED, il videoclip a firma di Chiara Loiacono per Olio Officina Festival 2020

BIBLIOTECA OLEARIA
Tutto sull'olio

Tutto sull'olio

Il titolo è alquanto eloquente, nondimeno il sottotitolo: "Guida essenziale alla conoscenza
e all’utilizzo degli extra vergini a tavola e in cucina". Ne è autore l'oleologo Francesco Caricato, direttore del centro culturale Casa dell'Olivo