Lunedì 09 Dicembre 2019 - direttore LUIGI CARICATO - redazione@olioofficina.it

accedi - registrati - pubblicità - sostieni

saperi > economia

Le notizie sull’olio

La rassegna stampa internazionale. L'accordo commerciale tra Ue e Giappone porterà grandi vantaggi, visto che saranno soppressi i dazi su oltre il 90% dei beni importati. Una ricerca, inoltre, dimostrerebbe una produzione d’olio già 8 mila anni fa, in un villaggio nei pressi di Nazaret. Al centro dell’interesse anche i pregi delle olive, quale ottimo snack “antirughe”. E l’ennesima conferma arriva per i benefici dell’extra vergine in frittura. Infine, emergono i grandi guadagni degli olivicoltori spagnoli, i quali hanno conferito ai frantoi per oltre 1.500 milioni di euro

Mariangela Molinari

Le notizie sull’olio

È lo storico accordo commerciale tra Ue e Giappone ad attrarre maggiormente l’interesse sulle pagine dei giornali degli ultimi giorni.
L’accordo di massima tra Europa e Sol Levante non rappresenta certo la conclusione del negoziato, visto che i lavori continueranno con la stesura dei testi prima di entrare in vigore all’inizio del 2019, ma è sicuramente un passo importante. Ne parlano, tra gli altri, El Diario e Mercacei, sottolineando come in quella data il Giappone sopprimerà i dazi su oltre il 90% dei beni importati dall’Ue (fino ad arrivare gradualmente al 97% circa). Tra i tanti punti interessati dall’intesa un posto di primo piano è occupato dall’agroalimentare comunitario, le cui esportazioni verso Tokyo valgono attualmente oltre 5,7 miliardi di euro l’anno, facendo del Giappone il quarto principale mercato per questo settore, che, in base all’accordo, potrà farvi entrare esente da dazi l’85% circa dei propri prodotti.
A tal proposito va ricordato, come sottolinea Mercacei, che il Giappone è una delle principali mete delle esportazioni extracomunitarie di olio di oliva, dopo Stati Uniti e Brasile. Basti pensare che nei primi sei mesi della campagna 2016-2017 gli stati membri vi hanno inviato un totale di 25.522 tonnellate: il 2% in più rispetto alla campagna precedente.
Secondo i dati forniti da Trade Statistics Japan, tra il 2005 e il 2016 le importazioni giapponesi di olio di oliva sono cresciute del 78%, fino a toccare il massimo nel 2015, con 59.500 tonnellate, scese lo scorso anno a 58.485.
Il Giappone, dunque, è il terzo Paese importatore non europeo e non produttore, coprendo approssimativamente il 4,7% delle importazioni mondiali di olio di oliva, con Spagna e Italia indiscusse prime donne, considerato che, insieme, si accaparrano quasi il 95% del mercato, mentre, come si legge ne El Diario, la sola Spagna vanta un 57% circa di market share. Non per niente, fino a due anni fa, quando è stato superato dalla Cina, il Giappone era il primo cliente asiatico per l’olio spagnolo e al momento è il settimo, a livello mondiale, per volumi importati, pari a 31.451 tonnellate nel 2016.
Al rafforzamento della posizione spagnola hanno contribuito anche le campagne avviate dalla Interprofesional del Aceite de Oliva Español, che hanno fatto leva sia sul concetto di salute (una delle ultime si intitolava, non a caso, “La receta de la buona vida”, “La ricetta per una buona vita”) sia sulle straordinarie proprietà organolettiche di questo prodotto in cucina.

Si tratta, a ben vedere, di proprietà di cui l’uomo beneficia da millenni. Olimerca, infatti, riprendendo una notizia apparsa su The Times of Israel, riporta i risultati delle ultime ricerche archeologiche in quest’area, secondo le quali qui si produceva olio di oliva già 8mila anni fa. Negli scavi condotti ad Ein Zippori, un villaggio nei pressi di Nazaret, risalente all’età del bronzo, sono stati ritrovati, infatti, frammenti di recipienti in ceramica che, in base alle analisi chimiche alle quali sono stati sottoposti, avrebbero contenuto olio di oliva. Due di questi vasi, in particolare, possono essere datati intorno al 5.800 a.C., vale a dire diversi secoli prima delle prime tracce finora disponibili di produzione di olio di oliva. Secondo The Times of Israel questo ritrovamento potrebbe rappresentare la prova della prima produzione di olio di oliva nel bacino del Mediterraneo.

Sulle pagine di Olive Oil Times, invece, leggiamo i risultati di una ricerca condotta dall’Università dei Paesi Baschi sull’utilizzo di diversi oli in frittura. Portando olio di semi di girasole, di semi di lino e di oliva a 190 °C, è quest’ultimo a dimostrarsi il migliore, contraddicendo la comune credenza che friggere in olio di oliva non sia salutare, per la formazione di composti chimici chiamati aldeidi, che, consumati in eccesso, possono dimostrarsi nocivi per la nostra salute.
Lo studio ha dimostrato che l’olio di semi di girasole e di semi di lino producono in frittura una quantità superiore di aldeidi, e più velocemente, rispetto all’olio di oliva. Che resta, dunque, la scelta migliore anche per questo metodo di cottura, da non annoverare comunque tra i più salutari, come conclude l’articolo.

Nelle sue pagine economiche, Olimerca dà conto del record storico delle rendite agrarie degli olivicoltori spagnoli nella campagna 2016-2017. Secondo i dati elaborati dall’Associazione nazionale dei frantoi industriali Infaoliva, infatti, le entrate degli agricoltori conferitori dei frantoi industriali hanno superato i 1.500 milioni di euro, come conseguenza dell’alto prezzo dell’olio e di una raccolta media.
Il settore è abituato al fatto che la salita dei prezzi è determinata da una diminuzione nella produzione. Nell’ultima campagna, però, ci si è trovati in una situazione di mancanza di offerta a livello internazionale che ha creato la situazione quasi perfetta per i produttori: produzione a prezzi alti.
Nei frantoi industriali la produzione ha raggiunto, a livello nazionale, le 425mila tonnellate di olio di oliva, delle quali fino a oggi la vendita degli agricoltori ammonta a 349mila tonnellate.

Al di là di ricerche scientifiche e dati economici, infine, sempre più spesso olive e olio di oliva occupano le pagine delle testate femminili grazie alle loro virtù salutari.
Su nosotras.com, per esempio, vengono decantati i pregi delle olive, quale ottimo snack “antirughe”. Secondo la nutrizionista messicana Beatriz Larrea, infatti, un consumo moderato di olive (5-7 al giorno sarebbe la razione ideale), apporterebbe non pochi benefici a salute e bellezza, grazie al loro elevato contenuto di vitamina E, che le rende potenti antiossidanti nella lotta contro i radicali liberi. A tutto vantaggio, dunque, di una pelle luminosa, sulla quale siano meno visibili i segni del tempo.

 

 

La foto di apertura è di Luigi Caricato

Mariangela Molinari - 11-07-2017 - Tutti i diritti riservati

Mariangela Molinari

Giornalista professionista, vive e lavora a Piacenza. Ha studiato lingua e letteratura tedesca presso l'Università Cattolica del Sacro Cuore e verde ornamentale e tutela del paesaggio presso la Facoltà di Agraria dell'Università di Bologna. Si occupa da tempo di alimentazione, ospitalità, giardini e ambiente, collaborando con varie testate specializzate. Per Terre di mezzo Editore ha pubblicato I trucchi del birraio. Manuale pratico per fare la birra perfetta (2014) e Olio di palma. La verità sull'ingrediente che ha invaso le nostre tavole (2016).

ULTIMI
DIXIT
SAGGI ASSAGGI
Conoscete l'olio Dop Provence?

Conoscete l'olio Dop Provence?

Sul mensile Oliocentrico di ottobre abbiamo ospitato la recensione di un olio francese, del Moulin à huile d’olive «Bastide du Laval», operativo a Cadenet, ottenuto a partire da olive Aglandau, Salonenque, Cayon, Bouteillan e Picholine. Sul numero 5 della rivista si può leggere la versione in lingua francese, qui quella in lingua italiana > Cécile Le Galliard

RICETTE OLIOCENTRICHE
L’oliva al piatto e la torta evo, due ricette d’autore

L’oliva al piatto e la torta evo, due ricette d’autore

Lo chef Damiano Carrara ha realizzato per Monini due dessert in cui l’olio extra vergine di oliva è protagonista oltre che in cucina anche in pasticceria: un’alternativa più salutare rispetto al burro

EXTRA MOENIA
L’Anteprima dell’olio Dop Umbria

L’Anteprima dell’olio Dop Umbria

Si è conclusa la prima edizione dedicata agli extra vergine con attestazione di origine prodotti nel corso dell’olivagione 2019

GIRO WEB
Coi, nuovo sito web

Coi, nuovo sito web

Il 19 novembre è entrato in funzione un rinnovato website, più facilmente navigabile e agevole, in linea con le tecnologie più avanzate. Un utile strumento web per essere costantemente aggiornati sulle news del Consiglio oleicolo internazionale.  Si tratta di un solido punto di riferimento per il mondo olivicolo e oleario mondiale da tenere sempre sotto osservazione. Tante le novità

OO VIDEO

Diminuisce il consumo degli oli da olive

Se da un lato si riduce la quantità d’olio utilizzata nel consumo domestico, dall’altra cresce la quantità di olio prodotto nel mondo. Questo accade nei Paesi tradizionali – Grecia, Italia, Spagna - dove storicamente si è sempre utilizzato l’olio ricavato dalle olive. L’analisi della tecnologa alimentare Daniela Capogna, intervistata nell’ambito della seconda edizione del Forum Olio & Ristorazione

BIBLIOTECA OLEARIA
Disponibile la nuova guida “Evooleum 2020”

Disponibile la nuova guida “Evooleum 2020”

Il gruppo editoriale Mercacei ha reso pubblica la nuova guida della quarta edizione dell'Evooleum World's Top100 Extravergine Olive Oils, in cui sono presentati i migliori 100 oli extra vergine d’oliva ottenuti in base ai risultati nell'ambito dell'Evooleum Awards. In questa guida deluxe, prologo del celebre chef Andoni Adúriz (Mugaritz), il lettore si può imbattere nelle ricette mediterranee dello chef 2 stelle Michelin Paco Roncero, negli articoli sugli usi culinari dell'olio extravergine di oliva, le destinazioni più alla moda, le ultime tendenze nel mondo del packaging e degli abbinamenti e tanto altro ancora