Mercoledì 11 Dicembre 2019 - direttore LUIGI CARICATO - [email protected]

accedi - registrati - pubblicità - sostieni

piaceri > olio officina festival

Comunicare l’Evo di qualità

IL DOPO OOF 2019. Occorrono nuovi linguaggi per comunicare ed esprimere le potenzialità persuasive dei vantaggi salutistici e gustativi degli extra vergini di eccellenza, ormai trend universale che dall’Italia si sta estendendo in tutto il Mondo. È quanto è emerso nella tavola rotonda organizzata da CEQ a Palazzo delle Stelline a Milano venerdì scorso nella cornice di Olio Officina Festival

OO M

Comunicare l’Evo di qualità

Sappiamo che comunicare l’EVO non è facile ma che sarà fondamentale farlo con efficacia nei prossimi anni, perché se vogliamo costruire valore dobbiamo formare e informare i consumatori, con linguaggi e contenuti nuovi, più efficaci, convincenti e emozionali rispetto al passato.

La qualità media degli oli di oliva è aumentata enormemente, si producono molti più extra vergini che in passato e tra gli extra vergini, sempre più prodotti si distinguono per proprietà nutrizionali elevate e profili sensoriali complessi e intriganti.

Accettare di produrre meno e meglio per raggiungere l’eccellenza è la nuova tendenza che CEQ - Consorzio italiano di Garanzia dell’Extra vergine di qualità - ha anticipato già 15 anni fa. Sulla sua strada è arrivata anche l’associazione internazionale QvExtra!, con soci in Spagna, Portogallo, Tunisia e con la quale CEQ condivide parametri qualitativi e sistema di controllo.

Occorrono nuovi linguaggi per comunicare ed esprimere le potenzialità persuasive dei vantaggi salutistici e gustativi degli extra vergini di eccellenza, ormai trend universale che dall’Italia si sta estendendo in tutto il Mondo.

È quanto è emerso nella tavola rotonda organizzata da CEQ a Palazzo delle Stelline a Milano venerdì scorso nella cornice di Olio Officina Festival, dedicata al tema della pubblicità, alla presenza di autorevoli esperti e rappresentanti delle istituzioni.

Maria Grazia Minisci, Presidente Ceq, insieme a Soledad Serrano Presidente QvExtra, hanno presentato lo standard chimico-fisico e sensoriale dei bollini di qualità e fatto il punto sull’impegno incessante comune dei due Consorzi per ottenere un riconoscimento ufficiale dell’alta qualità con la presentazione dello standard, approfittando della presenza di Jaime Lillo, vicedirettore esecutivo e di Abdelkrim Adí, capo unità tecnica e ambiente del COI.

Mariana Matos, direttore generale di Casa do Azeite ha testimoniato l’enorme impegno dei produttori portoghesi, che negli ultimi anni stanno investendo in nuovi impianti e tecnologie alla ricerca di maggiore efficienza e qualità, con un cambio sensibile del ruolo del paese nella geografia produttiva mondiale.

Lisa Paglietti, economista FAO, ha presentato i programmi di cooperazione che la sua organizzazione segue da diversi anni in Tunisia e Marocco, sottolineando il crescente entusiasmo che ha registrato tra gli operatori privati del settore e che ha portato giovani imprenditori a ottenere riconoscimenti internazionali per la qualità dei propri extra vergini. Un vero e proprio fenomeno che Fao continuerà a sostenere nei prossimi anni in collaborazione con la Banca Europea della Ricostruzione e Sviluppo.

Claudio Truzzi, responsabile qualità Metro Italia, ha ribadito l’intenzione del suo gruppo di collaborare con Ceq sempre più strettamente nel controllo qualità e formazione interna e per arricchire le sue offerte di fascia alta.

Francesco Tabano - Presidente di Federolio – complimentandosi per l’iniziativa, ha sottolineato le potenzialità comunicative insite nel bollino di qualità comune dei due Consorzi, indipendentemente dal riconoscimento ufficiale, incoraggiandone l’impegno per promuoverlo e il pieno supporto da parte della sua organizzazione.

Paolo Mariani, Presidente FOOI, ha presentato il recente impegno del suo Consorzio di filiera ad approfondire gli aspetti che compongono la qualità del prodotto attraverso un comitato scientifico per facilitare la comunicazione con il consumatore finale.

In tema di comunicazione, hanno sottolineato nelle conclusioni Maria Grazia Minisci e Soledad Serrano, sarebbe opportuno semplificare il linguaggio per renderlo più comprensivo e immediato al consumatore, rispetto a quello autorizzato dai claims salutistici, che appaiono purtroppo poco spendibili perché troppo scientifici.

 

OO M - 12-02-2019 - Tutti i diritti riservati

OO M

OO M è l'acrostico di Olio Officina Magazine. Tutti gli articoli o le notizie contrassegnate con tale sigla rimandano ai vari collaboratori del giornale on line.

ULTIMI
Enrico Bucci
L'INCURSIONE

ENRICO BUCCI

DIXIT
SAGGI ASSAGGI
Conoscete l'olio Dop Provence?

Conoscete l'olio Dop Provence?

Sul mensile Oliocentrico di ottobre abbiamo ospitato la recensione di un olio francese, del Moulin à huile d’olive «Bastide du Laval», operativo a Cadenet, ottenuto a partire da olive Aglandau, Salonenque, Cayon, Bouteillan e Picholine. Sul numero 5 della rivista si può leggere la versione in lingua francese, qui quella in lingua italiana > Cécile Le Galliard

RICETTE OLIOCENTRICHE
L’oliva al piatto e la torta evo, due ricette d’autore

L’oliva al piatto e la torta evo, due ricette d’autore

Lo chef Damiano Carrara ha realizzato per Monini due dessert in cui l’olio extra vergine di oliva è protagonista oltre che in cucina anche in pasticceria: un’alternativa più salutare rispetto al burro

EXTRA MOENIA
Acque agitate intorno all’Igp aceto balsamico di Modena

Acque agitate intorno all’Igp aceto balsamico di Modena

Riceviamo e volentieri pubblichiamo una nota stampa del Consorzio d tutela dell’Aceto Balsamico di Modena, intorno alle dichiarazioni diffuse da Armando De Nigris, presidente dell’omonimo Gruppo, e pubblicate da Olio Officina Magazine. Scrive, in particolare, la presidente Mariangela Grosoli, che “il Consorzio continuerà in tutti i modi possibili a perseguire la difesa del prodotto, della denominazione, di un mercato trasparente ed etico, insieme alla tutela del consumatore e di una concorrenza leale”

GIRO WEB
Coi, nuovo sito web

Coi, nuovo sito web

Il 19 novembre è entrato in funzione un rinnovato website, più facilmente navigabile e agevole, in linea con le tecnologie più avanzate. Un utile strumento web per essere costantemente aggiornati sulle news del Consiglio oleicolo internazionale.  Si tratta di un solido punto di riferimento per il mondo olivicolo e oleario mondiale da tenere sempre sotto osservazione. Tante le novità

OO VIDEO

Diminuisce il consumo degli oli da olive

Se da un lato si riduce la quantità d’olio utilizzata nel consumo domestico, dall’altra cresce la quantità di olio prodotto nel mondo. Questo accade nei Paesi tradizionali – Grecia, Italia, Spagna - dove storicamente si è sempre utilizzato l’olio ricavato dalle olive. L’analisi della tecnologa alimentare Daniela Capogna, intervistata nell’ambito della seconda edizione del Forum Olio & Ristorazione

BIBLIOTECA OLEARIA
Disponibile la nuova guida “Evooleum 2020”

Disponibile la nuova guida “Evooleum 2020”

Il gruppo editoriale Mercacei ha reso pubblica la nuova guida della quarta edizione dell'Evooleum World's Top100 Extravergine Olive Oils, in cui sono presentati i migliori 100 oli extra vergine d’oliva ottenuti in base ai risultati nell'ambito dell'Evooleum Awards. In questa guida deluxe, prologo del celebre chef Andoni Adúriz (Mugaritz), il lettore si può imbattere nelle ricette mediterranee dello chef 2 stelle Michelin Paco Roncero, negli articoli sugli usi culinari dell'olio extravergine di oliva, le destinazioni più alla moda, le ultime tendenze nel mondo del packaging e degli abbinamenti e tanto altro ancora