Martedì 18 Febbraio 2020 - direttore LUIGI CARICATO - redazione@olioofficina.it

accedi - registrati - pubblicità - sostieni

piaceri > olio officina festival

La grande sfida: creare valore nella filiera olio da olive

A Olio Officina Festival 2020 Assitol protagonista in prima linea nel dibattito sui 60 anni dell’olio extra vergine di oliva e su altri temi forti punta sul futuro del settore facendo leva sul “saper fare” italiano. In quest’ottica l’Associazione degli industriali oleari lancia l’idea di una norma che vieti le vendite sottocosto indiscriminate: “Il ricorso selvaggio al sottocosto è una realtà sotto gli occhi di tutti. È ora di agire, tutti insieme, a difesa del prodotto, della sua centralità nell’alimentazione e per la sostenibilità economica di tutta la filiera”

OO M

La grande sfida: creare valore nella filiera olio da olive

L’olio extra vergine d’oliva, nonostante le difficoltà storiche del comparto, dimostra tutta la forza del “saper fare” italiano e la necessità, oggi più che mai, di creare valore in tutta la filiera. È il messaggio che Assitol, l’Associazione Italiana dell’industria olearia, ha lanciato in occasione di Olio Officina Festival, la manifestazione milanese dedicata al mondo degli oli e condimenti.

In particolare, a OOF si è festeggiato un compleanno particolare, i 60 anni dell’istituzione dell’extra vergine come categoria merceologica. “L’età non è giovanissima, ma l’extra vergine non vuole certo andare in pensione – ha commentato Anna Cane, presidente del Gruppo olio d’oliva di Assitol – anzi, in questi anni, si è fatto conoscere in tutto il mondo, diventando il portabandiera della Dieta Mediterranea, il modello alimentare più famoso e salutare al mondo”.

Tuttavia, i consumi dell’olio d’oliva sono ancora troppo bassi: appena il 3% del mercato globale. A questo, deve aggiungersi la difficoltà storica di reperimento di materia prima in Italia: la nostra agricoltura riesce a coprire un terzo dell’intero fabbisogno, nazionale ed estero, del mercato, pari nel complesso a 1 milione di tonnellate. “Ed è qui che, negli anni, il settore ha dato prova del suo ‘saper fare’ – ha ricordato la presidente degli industriali – creando il blend, vale a dire l’accostamento di oli diversi tra di loro per provenienza e gusto che, sapientemente uniti e armonizzati, danno vita ad un olio dal profilo unico e costante nel tempo, in linea con le preferenze del consumatore”.

Questa capacità di rispondere al deficit produttivo interno, selezionando le materie prime dalle diverse aree produttive dando vita ad una molteplicità di oli in grado di rispondere ai diversi gusti dei consumatori, sia Italiani che stranieri, è stato il punto di forza del nostro comparto oleario. “Non a caso, parliamo di saper fare italiano”, ha osservato Anna Cane. È invece sul creare valore che si gioca la sfida del futuro. Come denunciato più volte di recente da tutti i componenti della filiera, è sempre meno redditizio produrre, confezionare e vendere olio. In questo quadro, si inserisce il problema delle vendite sottocosto, al centro del dibattito anche a Olio Officina Festival.

La tendenza ad offrire in promozione l’extra ha portato sempre più giù i prezzi. “In questo modo, l’extra vergine si è trasformato in un prodotto civetta, messo sul mercato a poco prezzo per attirare i consumatori – ha sottolineato Andrea Carrassi, direttore generale di Assitol -. L’Associazione ha chiesto più volte di fermare questa spirale perversa, che trascina con sé tutta la filiera. Questa gara al ribasso, infatti, induce il consumatore a pensare che l’extra valga poco, quindi costi poco”. Inoltre, questo spiega perché il prezzo al consumatore finale spesso non copra i costi di produzione, mettendo in seria difficoltà gli olivicoltori italiani.

Per queste ragioni, l’Associazione degli industriali ha rilanciato anche a Olio Officina Festival l’idea di una norma che vieti le vendite sottocosto indiscriminate: “Il ricorso selvaggio al sottocosto è una realtà sotto gli occhi di tutti e, a distanza di 60 anni dalla definizione dell’extra vergine, è ora di agire, tutti insieme, a difesa del prodotto, della sua centralità nell’alimentazione e per la sostenibilità economica di tutta la filiera”.

In questa ottica, potrebbe trovare nuovo slancio l’idea di rivedere i parametri dell’extra vergine, inserendone di nuovi per rendere più oggettiva la valutazione dell’autenticità e genuinità del prodotto, e rendendo più stringenti i limiti dell’acidità. “Una decisione così rilevante – ha concluso Anna Cane – dovrà però essere condivisa e sostenuta da tutta la filiera”.

 

 

 

Si ringrazia per la notizia Silvia Cerioli 

La foto di apertura è un'illustrazione di Angelo Ruta

 

OO M - 10-02-2020 - Tutti i diritti riservati

OO M

OO M è l'acrostico di Olio Officina Magazine. Tutti gli articoli o le notizie contrassegnate con tale sigla rimandano ai vari collaboratori del giornale on line.

ULTIMI
Luigi Caricato
L'INCURSIONE

LUIGI CARICATO

DIXIT
SAGGI ASSAGGI
Conoscete l'olio Dop Provence?

Conoscete l'olio Dop Provence?

Sul mensile Oliocentrico di ottobre abbiamo ospitato la recensione di un olio francese, del Moulin à huile d’olive «Bastide du Laval», operativo a Cadenet, ottenuto a partire da olive Aglandau, Salonenque, Cayon, Bouteillan e Picholine. Sul numero 5 della rivista si può leggere la versione in lingua francese, qui quella in lingua italiana > Cécile Le Galliard

RICETTE OLIOCENTRICHE
L’oliva al piatto e la torta evo, due ricette d’autore

L’oliva al piatto e la torta evo, due ricette d’autore

Lo chef Damiano Carrara ha realizzato per Monini due dessert in cui l’olio extra vergine di oliva è protagonista oltre che in cucina anche in pasticceria: un’alternativa più salutare rispetto al burro

EXTRA MOENIA
Ultimi giorni per partecipare a Evooleum Awards

Ultimi giorni per partecipare a Evooleum Awards

Sono arrivati finora centinaia di campioni da numerosi Paesi produttori. Il contest e la guida promuovono il consumo dei migliori extra vergini prodotti nei cinque continenti. La scadenza per registrarsi è il 27 febbraio 2020

GIRO WEB
Coi, nuovo sito web

Coi, nuovo sito web

Il 19 novembre è entrato in funzione un rinnovato website, più facilmente navigabile e agevole, in linea con le tecnologie più avanzate. Un utile strumento web per essere costantemente aggiornati sulle news del Consiglio oleicolo internazionale.  Si tratta di un solido punto di riferimento per il mondo olivicolo e oleario mondiale da tenere sempre sotto osservazione. Tante le novità

OO VIDEO

Giusto un filo

In anteprima per i nostri lettori,  uno dei lavori in collaborazione con lo IED, il videoclip a firma di Chiara Loiacono per Olio Officina Festival 2020

BIBLIOTECA OLEARIA
Tutto sull'olio

Tutto sull'olio

Il titolo è alquanto eloquente, nondimeno il sottotitolo: "Guida essenziale alla conoscenza
e all’utilizzo degli extra vergini a tavola e in cucina". Ne è autore l'oleologo Francesco Caricato, direttore del centro culturale Casa dell'Olivo