Giovedì 22 Febbraio 2018 - direttore LUIGI CARICATO - redazione@olioofficina.it

accedi - registrati - pubblicità - sostieni

società > cultura

L’olio buono

Nel romanzo Leggenda privata di Michele Mari, edito da Einaudi, c’è un brano che costituisce una sorta di "pedagogia alimentare", in cui, per uno "smottamento della razionalità" di un componente della famiglia, il nonno dell’autore, persino l’olio di oliva, il sacro olio fonte di civiltà, venne rinnegato in favore dell'olio di semi

L. C.

L’olio buono

L’ultimo libro di Michele Mari, Leggenda privata, è con ogni certezza il più bel libro dell’autore. Una scrittura perfetta, congegnata alla perfezione, altamente letteraria. Al centro una storia familiare vera, bruciante, che disarma chiunque, tant’è che viene definita nella quarta di copertina una “autobiografia horror”.

Michele Mari è autore di libri impeccabili, in cui la letteratura viene messa in grande risalto. Non sono, per intenderci, romanzi che si fermano al puro racconto, ma scavano per davvero in profondità, e questo scavo viene effettuato con grande finezza stilistica e senza mai rinunciare all'autenticità.

Non è letteratura di consumo, buona per scalare le classifiche. I lettori di Mari quando iniziano a leggerlo, non perdono uno solo dei suoi libri, tutti editi da Einaudi, tranne alcuni.
Lo consigliamo come lettura estiva. È un romanzo di formazione che lascia un segno in chi lo legge.
Vi proponiamo un brano in cui vi è anche l’olio ricavato dalle olive per protagonista. Buona lettura.


(…) mio nonno (…) a un certo punto della sua vita, verso i settant’anni: una micragna galoppante! Peggiore di anno in anno, sempre più acuta: e sì che ne aveva guadagnati di soldi, nella sua lunga carriera di medico, e altri ne avrebbe guadagnati fin oltre gli ottant’anni: ma una crepa nel suo orizzonte, uno smottamento della razionalità lo portarono rapidamente alla fobia psicotica: non più i Comunisti, non più il crollo della Borsa, non più le possibili cause della povertà: ma la povertà stessa incausata, improvvisa: uno spettro. Onde risparmio, su tutto: a partire dal vettovagliamento. Lunghe spese nei più squallidi discount della Valtravaglia, marche di pasta sconosciuta a dieci chili alla volta, sotto-sottomarche di pelati, di dadi: tanto “c'è l’orto" (dato inoppugnabile: e il frutteto). Quanto alla carne, egli scoprì presto le virtù nutritive della soia, acquistata in grandi sacchi d 15 kg che ricordavano l’Eucanuba: affidata alle mani della Velia, abbondantemente contraffatta dalla cipolla, quella soia si sarebbe trasformata in un'imitazione di spezzatino: fibrosa e gommosa, e viscida, al netto delle sporcizie immessevi dalla cuoca. Persino l’olio di oliva, il sacro olio fonte di civiltà venne rinnegato in favore dell'olio di semi: Topazio, in lattine. Indignata da quel condimento, mia madre, per cui l’olio di oliva era un tale valore da non avercene privati nemmeno negli anni della miseria, ad esso affidando la miracolosa metamorfosi del pancotto in pancotto buono, rifornì la dispensa di due litri d’olio extravergine acquistato a proprie spese: olio che di tanto in tanto (ad esempio se veniva ospite l'Ippo) veniva parsimoniosamente usato, e che ben presto fu chiamato, e per noi per sempre rimase, “l'olio buona della Iela”. Agghiaccianti le domande della Velia, nel portare la zuppiera dell'insalata: “Dottore, porto l’olio normale oppure l’olio buono della Ièlla?”

(…)

(Zelo speciale della Velia, che facendo proprie le fobie del nonno incominciò, la sciagurata, a "farci risparmiare"; la sorpresi così a riempire il filtro della moka con il caffè già usato, riciclare ad infinitum l’olio fritto, briciole bruciate di pastella comprese; bagnare il pane secco e lasciarlo un po’ al sole per servirlo in tavola come fresco; usare la stessa spugna dei piatti per almeno due estati, fino a renderla una fonte autonoma di sugna; e così via: “Ordini del dottore”, si difendeva, ma io sapevo che ci metteva del suo).

Michele Mari, Leggenda privata, Einaudi

 

 

Le foto sono di Luigi Caricato

L. C. - 11-07-2017 - Tutti i diritti riservati

ULTIMI
Alfonso Pascale
L'INCURSIONE

ALFONSO PASCALE

DIXIT
SAGGI ASSAGGI
Think green

Think green

Un mix di olive di diverse cultivar rendono l'olio dell'Oleificio Angelo Coppini di Terni, un cento per cento italiano, un extra vergine versatile e armonico, dal gusto rotondo > Maria Carla Squeo

RICETTE OLIOCENTRICHE
Corzetti o croxetti?

Corzetti o croxetti?

Valgono entrambi i nomi. Si tratta di una pasta tipica della cucina ligure, composta da acqua, farina di grano e sale. Si abbina benissimo alla cipolla egiziana ligure cruda, come pure a una crema di peperoni e al tartufo nero della Val Bormida. Immancabile l'olio extra vergine di oliva Taggiasca in purezza > Marco Damele

EXTRA MOENIA
Pujje in formato pocket da 50 ml

Pujje in formato pocket da 50 ml

Nuovi prodotti. L’azienda di Palagiano affronta il mercato con una soluzione pensata per custodire al meglio l’oro verde contenuto al suo interno. Studiate e realizzate per un consumo veloce e individuale a tavola, al fine di garantire al consumatore l’eccellenza e la purezza del prodotto, mantenendo intatte le sue caratteristiche sensoriali

GIRO WEB
Nuovo sito web per la Cia Agricoltori Italiani

Nuovo sito web per la Cia Agricoltori Italiani

Una veste grafica rinnovata, accessibilità da mobile, integrazione con i social media e contenuti interattivi sempre aggiornati: ecco le principali caratteristiche del nuovo portale che offre news sulla Confederazione, ma anche su agroalimentare, ambiente, consumi e ricette degli Agrichef

OO VIDEO

La genesi dell'oliva

In un video emozionale e insieme documentaristico l'azienda veneta Frantoio Fratelli Turri di Cavaion Veronese, fa comprendere a chi non ha confidenza con il frutto dell'oliva, come si forma e si struttura il frutto ne corso dei mesi e come alla fine nasca l'olio extra vergine, quello a marchio Garda Dop Turri di varietà Casaliva

BIBLIOTECA OLEARIA
L’assaggio dell’olio spiegato a tutti

L’assaggio dell’olio spiegato a tutti

Il nuovo libro di Rosalia Cavalieri - I sensi e la lingua dell’olio, edito da Olio Officina - piace per la sua impostazione e per la capacità di raccogliere in poche pagine quanto dovrebbe sapere un bravo assaggiatore. Con un linguaggio rigoroso quanto nel medesimo tempo divulgativo, diventa un agevole strumento di approfondimento, utile anche ai "nasi" più esperti, in quanto affronta in maniera sintetica e ben argomentata, tutti gli aspetti tecnici dell’assaggio dell’olio > Lorenzo Cerretani