Lunedì 25 Marzo 2019 - direttore LUIGI CARICATO - redazione@olioofficina.it

accedi - registrati - pubblicità - sostieni

saperi > amarcord

La solidità dell’oro

La pastosa densità del burro, la sua fisicità quasi massiccia con il delicatissimo colore quasi bianco. Poi la scoperta, a partire dalla Sicilia, nell’energica solarità dei suoi prodotti, della liquidità densa e dorata dell’olio

Maurizio Cucchi

La solidità dell’oro

A volte la nostra storia personale ci porta a contatto, anche stretto, magari appassionato, con realtà che pensavamo non ci potessero appartenere; con luoghi, magari, che avevamo sempre ritenuto remoti ed estranei. Di recente la mia esperienza si è aperta, come non avrei mai creduto, a una terra di sole e mare, che ammiravo, ma come si ama ciò che ci è opposto. Parlo della Sicilia, dove una linea diretta di discendenza mi ha portato spesso con gioia e sorpresa in questi mesi e dove ciò che mi era apparso estraneo mi è divenuto in breve tempo quasi familiare. E’ stato come trovare una sorta di identità personale sconosciuta e più ampia, con i colori, i suoni e i sapori di una condizione nuova, di un nuovo ambiente. Una sorta di riconoscimento, di agnizione, potrei dire, di un me stesso diverso o rinato.

A proposito di colori e sapori, avevo sempre prediletto, per abitudine lombarda, la pastosa densità del burro, la sua fisicità quasi massiccia e il suo delicatissimo colore quasi bianco. Ma la Sicilia, nell’energica solarità dei suoi prodotti, mi ha coinvolto per altre vie, mi ha portato a una cultura di sapori diversi, mi ha regalato la liquidità densa e dorata di un alimento che non è soltanto tale, ma che porta in sé antichissimi significati e incanti. Parlo ovviamente dell’olio, ottimo in questa terra, capace di catturare nella complessità sottile delle sue componenti, anche un palato da sempre più educato ad altri gusti come il mio. Così i sensi – ma potrei dire anche l’immaginazione – vengono attratti in una serie di caratteri al tempo stesso decisi e cangianti, precisi e capaci di sfumare, per esempio dal giallo oro al verde, di richiamare la meraviglia vegetale da cui proviene, nella dolcezza del frutto, senza peraltro privarsi di un estroso spunto più amaro o acuto. E anche in questa ricchezza di compresenze è sicuramente riconoscibile il carattere di una terra, la sua unicità composta di sovrapposizioni varie e di molteplici elementi. Un’identità che sempre più mi attrae, come l’intensità mirabile e avvolgente di un liquido che ha in sé sostanza e storia, la solidità dell’oro e il liquido fluire dell’esistere.

 

 

Questo testo, scritto su invito di Luigi Caricato nel settembre 2008, è stato pubblicato in apertura di un volume fuori commercio dedicato alla Sicilia olearia.

La foto di apertura è di Salvaotore Scuderi

Maurizio Cucchi - 17-03-2015 - Tutti i diritti riservati

Alfonso Pascale
L'INCURSIONE

ALFONSO PASCALE

DIXIT
SAGGI ASSAGGI
Il vino della settimana: Falanghina del Sannio 2017, di Mastrobernardino

Il vino della settimana: Falanghina del Sannio 2017, di Mastrobernardino

Da una cantina di riferimento della Campania, un vino non pienamente espresso a livello olfattivo, ma decisamente più convincente al gusto, per acidità e corpo, sapidità e rotondità > Enrico Rana

RICETTE OLIOCENTRICHE
Felafel con hummus ai tre oli

Felafel con hummus ai tre oli

Un piatto tipico della cucina libanese, egiziana, greca, siriana, turca e israeliana, che unisce i popoli e le tradizioni alimentari del Mediterraneo e del Medio Oriente, riproposto per l’autunno che verrà da Oleificio Zucchi. Cosa ha di speciale questa ricetta oliocentrica? Una perfetta combinazione tra olio di semi di sesamo, olio di semi di arachide e, immancabile, l’olio extra vergine di oliva

EXTRA MOENIA
Le colture no food?

Le colture no food?

L'altra via dell'agricoltura. Esiste ORA un network internazionale, denominato Panacea, nato per diffondere la conoscenza delle colture non alimentari tra gli agricoltori e favorire di conseguenza i principi della bioeconomia. C'è spazio per bioplastiche ottenute da scarti agricoli, lubrificanti, materiali da costruzione, prodotti farmaceutici, bioenergia, biocarburanti. Il tutto derivante da piante oleaginose (camelina, ricino), lignocellulosiche (canapa, canna comune), carboidrati (sorgo, barbabietola da zucchero) e tante altre colture > Marcello Ortenzi

GIRO WEB
Nuovo sito web per la Cia Agricoltori Italiani

Nuovo sito web per la Cia Agricoltori Italiani

Una veste grafica rinnovata, accessibilità da mobile, integrazione con i social media e contenuti interattivi sempre aggiornati: ecco le principali caratteristiche del nuovo portale che offre news sulla Confederazione, ma anche su agroalimentare, ambiente, consumi e ricette degli Agrichef

OO VIDEO

Le ricette evo. L'olio buono in cucina

OOF 2019. A Olio Officina Festival 2019 grande risalto all'olio extra vergine di oliva come ingrediente. La scelta di una buona materia prima e l'attenzione a utilizzare al meglio l'olio da olive va incentivata sin da subito. La formazione è un buon punto di partenza. Cinzia Boschiero intervista Cristina Santagata

BIBLIOTECA OLEARIA
L’assaggio delle olive da tavola

L’assaggio delle olive da tavola

Un libro che ci introduce alla degustazione delle olive da mensa, scritto da Roberto De Andreis, noto esperto di analisi sensoriale, fa parte del gruppo olive da tavola del Consiglio oleicolo internazionale. È inoltre presidente del Comitato Promotore Taggiasca Dop, nonché capo panel presso il Laboratorio chimico merceologico della Camera di Commercio Riviere di Liguria