Lunedì 09 Dicembre 2019 - direttore LUIGI CARICATO - redazione@olioofficina.it

accedi - registrati - pubblicità - sostieni

saperi > inoltre

Carapelli Firenze ottiene il Super Premio del Bando Conai

L’azienda fiorentina si è aggiudicata il riconoscimento indetto dal “Bando Conai per la prevenzione - Valorizzare la sostenibilità ambientale degli imballaggi” nella categoria vetro grazie alle sue bottiglie trovate innovative per preservare l’olio extra vergine d’oliva

OO M

 

 

Carapelli Firenze ha trionfato nella categoria vetro - alla cerimonia di consegna dei premi per la sesta edizione del “Bando Conai per la Prevenzione – Valorizzare la sostenibilità ambientale degli imballaggi”, patrocinato dal Ministero dell’Ambiente e volto a premiare le realtà aziendale in grado di implementare e valorizzare progetti di sostenibilità ambientale degli imballaggi.

Lo storico brand produttore di olio extravergine d’oliva si è aggiudicato questo prestigioso riconoscimento grazie alle sue innovative bottiglie in vetro, ideate per salvaguardare la qualità di un prodotto così prezioso come l’olio extravergine d’oliva - sensibile alla temperatura, alla luce e alle condizioni di stoccaggio – e allo stesso tempo per rispondere in maniera efficace ai problemi dell’ambiente. Carapelli ha, infatti, introdotto sul mercato un nuovo packaging: una bottiglia di vetro scuro che contiene una maggiore percentuale di vetro riciclato (75%-85%) rispetto al vetro chiaro (15%-35%). Il progetto di Carapelli, insieme ad altri 144 casi di eccellenza sostenibile nell’innovazione dell’imballaggio, ha consentito un risparmio del 17% di CO2 emessa, una riduzione del consumo energetico pari al 27% e un risparmio di risorse idriche del 29%.

Il Bando Conai è uno strumento indispensabile che si propone di ripensare l’impatto ambientale del packaging di domani con una visione che parte da interventi di eco-design. Per l’edizione 2019 sono state premiate 86 aziende all’avanguardia nel rinnovare i loro imballaggi in “chiave verde”.

Una serie di azioni di sostenibilità innovativa che hanno visto rappresentate tutte le sei filiere dei materiali di imballaggio del sistema consortile (quelle di acciaio, alluminio, carta, legno, plastica e vetro), e che hanno dato un contributo concreto allo sviluppo dell’economia circolare italiana. Le aziende vincitrici e quelle ammesse sono state validate dall’ente terzo di certificazione Dnv Gl così come lo strumento di analisi dei benefici ambientali.

La candidatura del packaging degli Oli Extravergini Carapelli è stata analizzata attraverso uno strumento di Life Cycle Assessment semplificato, l’EcoTool Conai (www.ecotoolconai.org): le azioni di prevenzione messe in campo dalle aziende partecipanti sono state valutate tramite una comparazione prima/dopo con particolare riferimento ad indicatori specifici quali Gwp (global warming potential), Ger (gross energy requirement) e “blue water” (componente dell’indicatore water footprint).

Nello scenario attuale, in cui l’impegno e il rispetto per l’ambiente risultano essere elementi imprescindibili, il risultato ottenuto è motivo di grande orgoglio per l’azienda, che le permette di aggiudicarsi, inoltre, uno dei dieci super-premi da 10.000€, assegnato da una giuria formata da esperti del mondo accademico, giornalistico e delle associazioni ambientaliste e dei consumatori.

 

 

Si ringrazia per la notizia Alessandra Marinello

OO M - 18-11-2019 - Tutti i diritti riservati

OO M

OO M è l'acrostico di Olio Officina Magazine. Tutti gli articoli o le notizie contrassegnate con tale sigla rimandano ai vari collaboratori del giornale on line.

ULTIMI
DIXIT
SAGGI ASSAGGI
Conoscete l'olio Dop Provence?

Conoscete l'olio Dop Provence?

Sul mensile Oliocentrico di ottobre abbiamo ospitato la recensione di un olio francese, del Moulin à huile d’olive «Bastide du Laval», operativo a Cadenet, ottenuto a partire da olive Aglandau, Salonenque, Cayon, Bouteillan e Picholine. Sul numero 5 della rivista si può leggere la versione in lingua francese, qui quella in lingua italiana > Cécile Le Galliard

RICETTE OLIOCENTRICHE
L’oliva al piatto e la torta evo, due ricette d’autore

L’oliva al piatto e la torta evo, due ricette d’autore

Lo chef Damiano Carrara ha realizzato per Monini due dessert in cui l’olio extra vergine di oliva è protagonista oltre che in cucina anche in pasticceria: un’alternativa più salutare rispetto al burro

EXTRA MOENIA
GIRO WEB
Coi, nuovo sito web

Coi, nuovo sito web

Il 19 novembre è entrato in funzione un rinnovato website, più facilmente navigabile e agevole, in linea con le tecnologie più avanzate. Un utile strumento web per essere costantemente aggiornati sulle news del Consiglio oleicolo internazionale.  Si tratta di un solido punto di riferimento per il mondo olivicolo e oleario mondiale da tenere sempre sotto osservazione. Tante le novità

OO VIDEO

Diminuisce il consumo degli oli da olive

Se da un lato si riduce la quantità d’olio utilizzata nel consumo domestico, dall’altra cresce la quantità di olio prodotto nel mondo. Questo accade nei Paesi tradizionali – Grecia, Italia, Spagna - dove storicamente si è sempre utilizzato l’olio ricavato dalle olive. L’analisi della tecnologa alimentare Daniela Capogna, intervistata nell’ambito della seconda edizione del Forum Olio & Ristorazione

BIBLIOTECA OLEARIA
Disponibile la nuova guida “Evooleum 2020”

Disponibile la nuova guida “Evooleum 2020”

Il gruppo editoriale Mercacei ha reso pubblica la nuova guida della quarta edizione dell'Evooleum World's Top100 Extravergine Olive Oils, in cui sono presentati i migliori 100 oli extra vergine d’oliva ottenuti in base ai risultati nell'ambito dell'Evooleum Awards. In questa guida deluxe, prologo del celebre chef Andoni Adúriz (Mugaritz), il lettore si può imbattere nelle ricette mediterranee dello chef 2 stelle Michelin Paco Roncero, negli articoli sugli usi culinari dell'olio extravergine di oliva, le destinazioni più alla moda, le ultime tendenze nel mondo del packaging e degli abbinamenti e tanto altro ancora