Lunedì 14 Ottobre 2019 - direttore LUIGI CARICATO - redazione@olioofficina.it

accedi - registrati - pubblicità - sostieni

saperi > inoltre

Esportazioni agroalimentari made in Italy verso il Canada

OO M

È uno dei simboli del made in Italy agroalimentare e, di fatto, uno dei prodotti più esportati. Anche in Canada, dove l’olio extravergine d’oliva nazionale è già diventato competitivo. Solo nel 2018, l’export tricolore di olio evo sul mercato canadese è cresciuto del 24% in volume, con 17,3 milioni di kg per un valore di 114 milioni di dollari canadesi. Per questo, Cia-Agricoltori Italiani ha organizzato “Guida all'esportazione di olio d'oliva extravergine in Canada”, un incontro ad hoc in collaborazione con Ice e Italia Olivicola. Obiettivo far conoscere alle aziende associate potenzialità e opportunità di questa piazza, soprattutto dopo la firma del Ceta, l'accordo economico e commerciale tra Ue e Canada entrato in vigore in via provvisoria il 21 settembre 2017.

Il Canada, oggi, rappresenta il quarto Paese di destinazione per il nostro olio extravergine, con una quota del 7% sul totale dell’export, ma non solo. L’Italia, anche con la crescente concorrenza esercitata da Spagna e Tunisia, è attualmente il primo fornitore di olio di oliva del Canada con una quota di mercato del 52% nel 2018.

Più in generale -come viene fuori dai dati dell’Ufficio Studi di Cia- le esportazioni agroalimentari made in Italy verso il Paese nordamericano ormai sfiorano gli 850 milioni di euro. 

 


Fonte: Ufficio Studi Cia-Agricoltori italiani su dati Istat

 

Negli ultimi quattro anni, l’export agroalimentare nazionale è aumentato a livello globale del 22%. Se si guarda allo stesso intervallo temporale e si considera esclusivamente il mercato canadese, la crescita è stata del 28%, ovvero sei punti percentuali in più rispetto al resto del mondo.

 

Fonte: Ufficio Studi Cia-Agricoltori italiani su dati Istat

 

 Anche confrontando il mercato canadese con i primi quattro sbocchi commerciali delle esportazioni agroalimentari italiane -evidenzia l’Ufficio Studi Cia- da inizio anno a giugno 2019, fatto 100 il valore delle esportazioni agroalimentari e nonostante alcune fasi di stallo, risulta che il Canada cresce (+16%), più di Francia (+7%) e USA (+10%), mentre addirittura calano gli scambi con Germania (-8%) e UK (-11%).

 

 Fonte: Ufficio Studi Cia-Agricoltori italiani su dati Istat

 

Ecco perché Cia vuole proseguire, attraverso il suo Ufficio Internazionale, le attività per favorire e facilitare l’accesso dei piccoli e medi produttori associati al mercato canadese, sia in termini di formazione che di eventi di promozione, come quello sulla Guida all’esportazione di olio.

D’altra parte, l’apertura di nuovi mercati rappresenta una priorità imprescindibile per l’agroalimentare italiano. È impensabile difendere la nostra agricoltura arroccandoci nei nostri confini nazionali o europei, con posizioni di chiusura o di protezionismo -conclude Cia-. Le nostre aziende fanno reddito soprattutto quando riescono a commercializzare le proprie eccellenze in Paesi con un grande potere d’acquisto, come appunto il Canada, che vanta uno dei più alti redditi pro capite al mondo.

 

Si ringrazia per la notizia Cia - Agricoltori Italiani

 

 

 

 

OO M - 19-09-2019 - Tutti i diritti riservati

OO M

OO M è l'acrostico di Olio Officina Magazine. Tutti gli articoli o le notizie contrassegnate con tale sigla rimandano ai vari collaboratori del giornale on line.

ULTIMI
Luigi Caricato
L'INCURSIONE

LUIGI CARICATO

DIXIT
SAGGI ASSAGGI
Conoscete l'olio Dop Provence?

Conoscete l'olio Dop Provence?

Sul mensile Oliocentrico di ottobre abbiamo ospitato la recensione di un olio francese, del Moulin à huile d’olive «Bastide du Laval», operativo a Cadenet, ottenuto a partire da olive Aglandau, Salonenque, Cayon, Bouteillan e Picholine. Sul numero 5 della rivista si può leggere la versione in lingua francese, qui quella in lingua italiana > Cécile Le Galliard

RICETTE OLIOCENTRICHE
“Ho fatto un pasticcio”, con olio Zucchi “Sostenibile” 100% italiano

“Ho fatto un pasticcio”, con olio Zucchi “Sostenibile” 100% italiano

Avete mai sentito parlare di "ricette oliocentriche"? Si parte dalla materia prima olio e a partire da questa si scelgono gli altri ingredienti per giungere alla costruzione di una ricetta. Ecco allora una pratica dimostrazione con la chef Sara Latagliata. La ricetta è stata realizzata per il numero 9 di OOF International Magazine

EXTRA MOENIA
Una nuova generazione di biocomposti a base di fibre d'oliva

Una nuova generazione di biocomposti a base di fibre d'oliva

L’interessante progetto europeo Compolive, pensato per la creazione di nuovi composti derivati dal residuo di potatura delle olive. Ora i nuovi biomateriali da sviluppare saranno più sostenibili e sono programmati per molte applicazioni industriali. Tutto ciò rientra nell'attuale politica europea per l'attuazione di un'economia circolare, che promuove il riciclaggio e il riutilizzo delle risorse nell'Unione Europea

GIRO WEB
Nuovo sito web per la Cia Agricoltori Italiani

Nuovo sito web per la Cia Agricoltori Italiani

Una veste grafica rinnovata, accessibilità da mobile, integrazione con i social media e contenuti interattivi sempre aggiornati: ecco le principali caratteristiche del nuovo portale che offre news sulla Confederazione, ma anche su agroalimentare, ambiente, consumi e ricette degli Agrichef

OO VIDEO

Raccontare e sperimentare l’olio

Andare oltre le consuetudini. È molto importante mettersi in relazione con gli chef, perché possono ogni volta nascere idee nuove e preziose. La cucina va raccontata sempre, con tutte le sue emozioni; e anche l’olio extra vergine di oliva è uno di quei alimenti che va a sua volta raccontato, mettendolo in relazione con gli altri cibi. Da qui la creazione di nuovi prodotti, nati dalla collaborazione con gli chef. Intervista a Serena Mela, del Frantoio di Sant’Agata d’Oneglia, nell’ambito della seconda edizione del Forum Olio & Ristorazione

BIBLIOTECA OLEARIA
Il codice sensoriale olio di oliva

Il codice sensoriale olio di oliva

È il libro del tecnologo alimentare William Loria, edito dal Centro Studi Assaggiatori. Un manuale di sole 96 pagine in cui si condensa un sapere essenziale > Maria Carla Squeo