Giovedì 22 Giugno 2017 - direttore LUIGI CARICATO - redazione@olioofficina.it

accedi - registrati - pubblicità - sostieni

saperi > inoltre

Il futuro è superintensivo: nel 2030 oltre il 20 per cento degli oliveti del mondo lo sarà

A sostenerlo Juan Vilar, l'esperto economico internazionale, docente all'Università di Jaén

OO M

Il futuro è superintensivo: nel 2030 oltre il 20 per cento degli oliveti del mondo lo sarà

Può piacere o meno, ma questa è una delle conclusioni espresse da Juan Vilar nella seconda Conferenza sulla olivicoltura biologica ad Almendral (Badajoz).

Durante il vasto programma della seconda Conferenza di Almendral gli uliveti in coltivazione biologica e l'olio da olive bio sono stati analizzati da diversi punti di particolare interesse. Secondo Vilar oggi nel mondo vi sono 11,6 milioni di ettari di oliveti, in 57 paesi, nei 5 continenti, con la maggior parte delle colture con il sistema tradizionale.

Se l'attuale tendenza di crescita delle coltivazioni prosegue, tutto cambierà. Nel 2030 gli oliveti ammonteranno a 13,3 milioni di ettari, secondo la seguente composizione: oliveto tradizionale 55%; oliveto intensivo 22%; e oliveto super intensivo 23%. Si realizzerebbe pertanto una significativa caduta dei redditi per chi segue il sistema tradizionale, anche perché inevitabilmente l'intensificazione della coltura genera un aumento del livello di concorrenza, che porta con sé un calo dei margini.

OO M - 14-03-2017 - Tutti i diritti riservati

OO M

OO M è l'acrostico di Olio Officina Magazine. Tutti gli articoli o le notizie contrassegnate con tale sigla rimandano ai vari collaboratori del giornale on line.

ULTIMI
Alfonso Pascale
L'INCURSIONE

ALFONSO PASCALE

DIXIT
SAGGI ASSAGGI
Think green

Think green

Un mix di olive di diverse cultivar rendono l'olio dell'Oleificio Angelo Coppini di Terni, un cento per cento italiano, un extra vergine versatile e armonico, dal gusto rotondo > Maria Carla Squeo

RICETTE OLIOCENTRICHE
Tofu grigliato su crema di melanzane, cipolla egiziana ligure e fantasia dell’orto

Tofu grigliato su crema di melanzane, cipolla egiziana ligure e fantasia dell’orto

Non c'è più la cucina di una volta. Ora, oltre alla bontà e biodiversità delle materie prime, c'è anche un componente principale da non trascurare: la fantasia. Viene prima questa, infatti, e solo in un secondo momento tutto il resto. Tra gli ingredienti, vi sono pure i fiori eduli > Marco Damele

EXTRA MOENIA
Festival dei Due Mondi di Spoleto. L’investimento nella cultura si ripaga

Festival dei Due Mondi di Spoleto. L’investimento nella cultura si ripaga

Il mecenatismo d’impresa secondo l'imprenditrice della nota casa olearia umbra. "Sono convinta - precisa Maria Flora Monini - che per un imprenditore che vive oggi in un Paese come l’Italia, esista il dovere morale di contribuire alla preservazione e diffusione di quello che è un patrimonio culturale immenso, fondamentale risorsa economica per la nostra nazione, soprattutto in un momento difficile come quello che stiamo vivendo"

GIRO WEB
Il nuovo sito web che ospita Olio Officina Edizioni

Il nuovo sito web che ospita Olio Officina Edizioni

Abbiamo collocato on line il sito della nostra casa editrice. Uno strumento utile per saperne di più sulle nostre pubblicazioni, sia cartacee, sia telematiche. Il nuovo sito è sul dominio olioofficina.eu, e affianca quelli di Olio Officina Magazine (olioofficina.it), Olio Officina Globe (olioofficina.net) e Olio Officina Festival (olioofficina.com). Buona navigazione > Luigi Caricato

OO VIDEO

Luigi Caricato racconta Wooe 2017

L'esperienza del direttore di Olio Officina Magazine intorno alla sesta edizione del World Olive Oil Exhibition che si è svolto lo scorso marzo a Madrid

BIBLIOTECA OLEARIA
OOF International Magazine, in libreria e su abbonamento

OOF International Magazine, in libreria e su abbonamento

Il primo numero è disponibile da giugno nelle librerie, ma è anche possibile abbonarsi al trimestrale edito da Olio Officina. C'è grande fermento culturale, il primo numero, in edizione bilingue italiano/inglese, è dedicato al packaging: la rivoluzione silenziosa