Lunedì 09 Dicembre 2019 - direttore LUIGI CARICATO - redazione@olioofficina.it

accedi - registrati - pubblicità - sostieni

saperi > inoltre

Smog, Florovivaisti Italiani: verde urbano arma contro morti da polveri sottili

L’associazione chiede più risorse e un grande piano di piantumazione urbana

OO M

È necessaria una strategia nazionale per la lotta allo smog nelle città, un Piano di riforestazione urbano non è più rinviabile. Lo chiede a gran voce Aldo Alberto, presidente dell’associazione dei Florovivaisti Italiani, dopo il drammatico report della rivista scientifica inglese Lancet, secondo il quale l’Italia è il primo paese in Europa, e undicesimo nel mondo, per morti premature da esposizione alle polveri sottili.

“Deve essere riconosciuto il ruolo fondamentale del green nel mitigare gli effetti nocivi dello smog e migliorare la vivibilità dentro le mura cittadine –dichiara Alberto-, la letteratura scientifica internazionale è concorde nell’affermare l’importante funzione del verde nell’assorbimento della CO2, nella riduzione delle polveri sottili e la mitigazione dell’isola di calore urbana”.

Per l’associazione dei Florovivaisti Italiani occorre puntare sul ruolo degli alberi, che nelle città è determinante non soltanto per migliorare la qualità dell’aria, ma anche per lottare contro il climate change, cercando di centrare gli obiettivi fissati dall’Accordo di Parigi. I 30 milioni di euro del Dl clima per la creazione di foreste urbane e periurbane nelle città metropolitane sono un buon segnale ma questo è solo un primo passo perché le politiche ambientali diventino obiettivo prioritario e irrinunciabile delle azioni del Governo.

“Siamo fiduciosi che l’attuale esecutivo, così sensibile ai temi ambientali, riconosca il ruolo fondamentale degli investimenti nel verde pubblico e metta a disposizione maggiori risorse per un Piano nazionale di piantumazione urbana. Parchi e foreste migliorano la qualità dell’atmosfera sia con riferimento alle caratteristiche fisiche (temperatura, umidità, ventosità) che a quelle chimiche (inquinanti e polveri sottili) –aggiunge il presidente dei Florovivaisti Italiani- oltre agli effetti benefici per la biodiversità, la riduzione dell’impatto acustico del traffico e il miglioramento dell’assetto idraulico, con la regolazione dei deflussi idrici in presenza di eventi atmosferici estremi, sempre più frequenti”.

Secondo le analisi scientifiche più accreditate, la presenza degli alberi riduce la concentrazione del PM atmosferico tra il 7% ed il 24% entro i 100 mt di distanza dalla pianta, e riduce (con un effetto economico di sistema, dal punto di vista del contenimento del fabbisogno energetico per famiglie e imprese) la temperatura atmosferica di 2-4 °F.

 

Si ringrazia per la notizia Florovivaisti Italiani

 

OO M - 15-11-2019 - Tutti i diritti riservati

OO M

OO M è l'acrostico di Olio Officina Magazine. Tutti gli articoli o le notizie contrassegnate con tale sigla rimandano ai vari collaboratori del giornale on line.

ULTIMI
DIXIT
SAGGI ASSAGGI
Conoscete l'olio Dop Provence?

Conoscete l'olio Dop Provence?

Sul mensile Oliocentrico di ottobre abbiamo ospitato la recensione di un olio francese, del Moulin à huile d’olive «Bastide du Laval», operativo a Cadenet, ottenuto a partire da olive Aglandau, Salonenque, Cayon, Bouteillan e Picholine. Sul numero 5 della rivista si può leggere la versione in lingua francese, qui quella in lingua italiana > Cécile Le Galliard

RICETTE OLIOCENTRICHE
L’oliva al piatto e la torta evo, due ricette d’autore

L’oliva al piatto e la torta evo, due ricette d’autore

Lo chef Damiano Carrara ha realizzato per Monini due dessert in cui l’olio extra vergine di oliva è protagonista oltre che in cucina anche in pasticceria: un’alternativa più salutare rispetto al burro

EXTRA MOENIA
L’Anteprima dell’olio Dop Umbria

L’Anteprima dell’olio Dop Umbria

Si è conclusa la prima edizione dedicata agli extra vergine con attestazione di origine prodotti nel corso dell’olivagione 2019

GIRO WEB
Coi, nuovo sito web

Coi, nuovo sito web

Il 19 novembre è entrato in funzione un rinnovato website, più facilmente navigabile e agevole, in linea con le tecnologie più avanzate. Un utile strumento web per essere costantemente aggiornati sulle news del Consiglio oleicolo internazionale.  Si tratta di un solido punto di riferimento per il mondo olivicolo e oleario mondiale da tenere sempre sotto osservazione. Tante le novità

OO VIDEO

Diminuisce il consumo degli oli da olive

Se da un lato si riduce la quantità d’olio utilizzata nel consumo domestico, dall’altra cresce la quantità di olio prodotto nel mondo. Questo accade nei Paesi tradizionali – Grecia, Italia, Spagna - dove storicamente si è sempre utilizzato l’olio ricavato dalle olive. L’analisi della tecnologa alimentare Daniela Capogna, intervistata nell’ambito della seconda edizione del Forum Olio & Ristorazione

BIBLIOTECA OLEARIA
Disponibile la nuova guida “Evooleum 2020”

Disponibile la nuova guida “Evooleum 2020”

Il gruppo editoriale Mercacei ha reso pubblica la nuova guida della quarta edizione dell'Evooleum World's Top100 Extravergine Olive Oils, in cui sono presentati i migliori 100 oli extra vergine d’oliva ottenuti in base ai risultati nell'ambito dell'Evooleum Awards. In questa guida deluxe, prologo del celebre chef Andoni Adúriz (Mugaritz), il lettore si può imbattere nelle ricette mediterranee dello chef 2 stelle Michelin Paco Roncero, negli articoli sugli usi culinari dell'olio extravergine di oliva, le destinazioni più alla moda, le ultime tendenze nel mondo del packaging e degli abbinamenti e tanto altro ancora