Martedì 19 Novembre 2019 - direttore LUIGI CARICATO - redazione@olioofficina.it

accedi - registrati - pubblicità - sostieni

saperi > marketing

Le Forme dell’Olio 2017

E’ tutto pronto per la quarta edizione del concorso dedicato al packaging e all’abbigliaggio degli oli da olive. Con una grande novità: sarà ora possibile concorrere anche solo con le etichette, le quali saranno valutate a parte. La qualità, si sa, non è solo nel contenuto, va premiato e incentivato anche il contenitore, considerandolo nella sua bellezza estetica, oltre che nella sua funzionalità

OO M

Le Forme dell’Olio 2017

Tutti lo sanno, si vende anche la forma, non solo il contenuto. C’è da considerare la bellezza, non solo la bontà. Se poi bontà e bellezza sono nella loro massima evidenza, ancora meglio, significa che le aziende sono in grado di offrire un prodotto di qualità sotto tutti i punti di vista, compresa la stessa funzionalità. Già, perché la confezione, la bottiglia, devono essere pure perfettamente funzionanti, facili, utili anche per colui che acquistando un olio vuole avere una bella bottiglia di immediata fruizione.

Occorre pertanto essere sul mercato con una buona materia prima e nel medesimo tempo presentata anche in una bella forma.

Non meno importante è la stessa etichetta, grande elemento attrattivo per il consumatore, non solo veicolo di informazioni preziose, ma anche elemento attrattivo, che spinge all’acquisto emozionale.

E`con queste premesse che Olio Officina indice la quarta edizione del concorso "Le forme dell’olio".

E' disponibile il regolamento QUI, e il modulo di adesione QUI, per chi intende partecipare, scrivendo a posta@olioofficina.com.
L’idea del concorso nasce proprio con il dichiarato fine di stimolare nuovi investimenti da parte delle aziende.

Nel corso delle tre edizioni che si sono finora succedute, ci siamo resi conto che il comparto investe molto poco, perché crede pochissimo al valore del packaging, al contrario di altri comparti alimentari. Motivo per il quale da quest’anno, proprio per incentivare e favorire un cambiamento di rotta, valorizzando l’impegno delle aziende che ci credono, abbiamo introdotto una particolare attenzione all’etichetta, dal momento che proprio su questo versante si sono notate maggiori attenzioni, anche per via dei minori costi di realizzazione, rispetto alla bottiglia o ad altri contenitori, che ovviamente richiedono investimenti superiori, che non tutte le imprese possono permettersi.

Prestare la massima attenzione all’abbigliaggio, come pure alla funzionalità stessa dei vari contenitori utilizzati nel confezionare l’olio è un aspetto significativo e determinante, da non trascurare. Così pure le etichette, dove tra l’altro posa il primo sguardo il consumatore nell’atto stesso della scelta e dell'acquisto.

Da questo momento in avanti, proprio con l’intento di favorire una nuova cultura dell’abbigliaggio e del packaging, daremo sempre più spazio, su Olio Officina Magazine, alle novità che emergono in tal senso, così da incentivare le stesse aziende a investire di più, a beneficio di tutto il comparto, e con l’indiretto vantaggio, e piacere estetico e funzionale, da parte degli stessi consumatori e dei fruitori professionali del prodotto, i cuochi e gli addetti del canale Horeca.

Se i concorsi dedicati alla qualità degli oli hanno contribuito negli ultimi anni a migliorare le performance aziendali, allo stesso modo ci si augura possa avvenire attraverso un concorso come Le Forme dell’Olio, che punta sempre più a qualificare anche l'abito di un olio.

Il regolamento del concorso è sostanzialmente invariato rispetto alle precedenti edizioni, se non per l’integrazione che si sofferma sulle etichette.

Si può partecipare aderendo entro il 22 dicembre 2016.

 

LEGGI ANCHE

Le Forme dell’Olio 2016, i vincitori

Le Forme dell'Olio 2015, i vincitori

Le Forme dell'Olio 2014, i vincitori

Nella foto di apertura il vincitore assoluto dell'edizione 2016, Giulivo, olio extra vergine di oliva di De Cecco

OO M - 27-09-2016 - Tutti i diritti riservati

OO M

OO M è l'acrostico di Olio Officina Magazine. Tutti gli articoli o le notizie contrassegnate con tale sigla rimandano ai vari collaboratori del giornale on line.

ULTIMI
Luigi Caricato
L'INCURSIONE

LUIGI CARICATO

DIXIT
SAGGI ASSAGGI
Conoscete l'olio Dop Provence?

Conoscete l'olio Dop Provence?

Sul mensile Oliocentrico di ottobre abbiamo ospitato la recensione di un olio francese, del Moulin à huile d’olive «Bastide du Laval», operativo a Cadenet, ottenuto a partire da olive Aglandau, Salonenque, Cayon, Bouteillan e Picholine. Sul numero 5 della rivista si può leggere la versione in lingua francese, qui quella in lingua italiana > Cécile Le Galliard

RICETTE OLIOCENTRICHE
“Ho fatto un pasticcio”, con olio Zucchi “Sostenibile” 100% italiano

“Ho fatto un pasticcio”, con olio Zucchi “Sostenibile” 100% italiano

Avete mai sentito parlare di "ricette oliocentriche"? Si parte dalla materia prima olio e a partire da questa si scelgono gli altri ingredienti per giungere alla costruzione di una ricetta. Ecco allora una pratica dimostrazione con la chef Sara Latagliata. La ricetta è stata realizzata per il numero 9 di OOF International Magazine

EXTRA MOENIA
L'agenda 2020 per i custodi della biodiversità

L'agenda 2020 per i custodi della biodiversità

Una iniziativa di Marco Damele rivolta agli agricoltori contemporanei, concepita come un viaggio nei ricordi dell'autore che ripercorre la sua esperienza e propone la sua visione del mondo agricolo: moderno e primitivo non sono stadi diversi della crescita agricola, ma rappresentano due facce della stessa medaglia

GIRO WEB
Nuovo sito web per la Cia Agricoltori Italiani

Nuovo sito web per la Cia Agricoltori Italiani

Una veste grafica rinnovata, accessibilità da mobile, integrazione con i social media e contenuti interattivi sempre aggiornati: ecco le principali caratteristiche del nuovo portale che offre news sulla Confederazione, ma anche su agroalimentare, ambiente, consumi e ricette degli Agrichef

OO VIDEO

Diminuisce il consumo degli oli da olive

Se da un lato si riduce la quantità d’olio utilizzata nel consumo domestico, dall’altra cresce la quantità di olio prodotto nel mondo. Questo accade nei Paesi tradizionali – Grecia, Italia, Spagna - dove storicamente si è sempre utilizzato l’olio ricavato dalle olive. L’analisi della tecnologa alimentare Daniela Capogna, intervistata nell’ambito della seconda edizione del Forum Olio & Ristorazione

BIBLIOTECA OLEARIA
Disponibile la nuova guida “Evooleum 2020”

Disponibile la nuova guida “Evooleum 2020”

Il gruppo editoriale Mercacei ha reso pubblica la nuova guida della quarta edizione dell'Evooleum World's Top100 Extravergine Olive Oils, in cui sono presentati i migliori 100 oli extra vergine d’oliva ottenuti in base ai risultati nell'ambito dell'Evooleum Awards. In questa guida deluxe, prologo del celebre chef Andoni Adúriz (Mugaritz), il lettore si può imbattere nelle ricette mediterranee dello chef 2 stelle Michelin Paco Roncero, negli articoli sugli usi culinari dell'olio extravergine di oliva, le destinazioni più alla moda, le ultime tendenze nel mondo del packaging e degli abbinamenti e tanto altro ancora