Mercoledì 03 Giugno 2020 - direttore LUIGI CARICATO - redazione@olioofficina.it

accedi - registrati - pubblicità - sostieni

saperi > olio

Aceite Montes de Granada

Speciale oli Dop spagnoli. Questa settimana ci indirizziamo nel territorio della Comunità autonoma dell'Andalusia, in un areale in cui si producono extra vergini dall’aroma fruttato che ricorda le olive fresche, dalla sensazione al palato leggermente amara e corposa. Sono oli al naso e nella percezione retro-olfattiva rimandano all’erba appena tagliata e ai pomodori verdi (Diciassettesima puntata, continua)

OO M

Aceite Montes de Granada

Conosciamo davvero le produzioni olearie estere? In Europa esistono le attestazioni di origine Dop e Igp che consentono di valorizzare gli extra vergini del territorio. La qualità di questi oli a marchio Dop o Igp è sicura, garantita e accertata, anche perché esiste un Disciplinare di produzione che detta le regole, oltre a un Consorzio di tutela che riunisce i produttori e li segue passo dopo passo, fornendo tutela e assistenza, e, parallelamente, vi è anche un organismo di controllo che sovraintende allo scopo di accertare la reale provenienza degli oli e la piena corrispondenza a quanto dichiarato in etichetta. La puntata di questa settimana è dedicata alla Dop Montes de Granada.

 

La Dop Montes de Granada rimanda all’olio extra vergine di oliva di diversi comuni dell'omonimo territorio naturale Montes de Granada, situato nella provincia di Granada, ed esattamente nella Comunità autonoma dell'Andalusia.

È un olio ottenuto dalla spremitura delle principali varietà di olive del territorio Picual o Marteña, Loaime e Lucio e da altre varietà, più secondarie e marginali, quali le cultivar Negrillo de Iznalloz, Escarabajuelo, Gordal de Granada e Hojiblanca.

 

I primi riferimenti sulla coltivazione degli olivi nella zona di produzione della Dop Montes de Granada, dove ancora oggi è possibile vedere olivi d’epoca araba, risalgono al XVI secolo. Nel corso del secolo scorso, l’olio di quest’area ha vissuto una fase di grande diffusione, data anche all'aumento delle piantagioni di olivo e dai rilevanti progressi nella coltivazione, realizzati al fine di migliorare la qualità dell'olio extra vergine di oliva fra gli anni 1913 e 1933.

La raccolta delle olive avviene tenendo sempre conto del grado di maturazione del frutto. Le tecniche utilizzate per la raccolta sono sia manuali, sia meccaniche con agevolatori o macchine specifiche. Vengono utilizzate solo le olive raccolte direttamente dalla pianta, il trasporto viene effettuato con cura nello stesso giorno della raccolta, come pure la molitura.

Le olive vengono pulite, pesate e lavate. Successivamente vengono frante tempestivamente per favorire l'estrazione di un olio di qualità, olio che viene conservato in contenitori di acciaio inossidabile fino al momento del confezionamento, in un ambiente in cui luce e temperature sono controllate.

 

Sono oli, quelli della Dop Montes de Granada, dagli aromi fruttati che ricordano le olive fresche. Al palato si scorge una nota leggermente amara e corposo, con un'intensità diversa a seconda del grado di maturazione delle olive. Sono oli aromatici che ricordano l’erba appena tagliata e i pomodori verdi. Il colore predominate ha tonalità verdi e dorate.

È consigliabile utilizzare l'olio extra vergine di oliva Dop Montes de Granada a crudo, per condire insalate, pesci, salse, e altri ingredienti, anche perché le caratteristiche con cui si manifesta esaltano il gusto delle pietanze.

Gli oli dal fruttato intenso si abbinano molto bene con piatti saporiti, per esaltare zuppe di legumi o carni alla griglia, mentre con quelli dal fruttato più soave, i fruttati medi, si abbinano con più efficacia con piatti delicati, verdure tenere o pesci.

 

 

 

Si ringrazia per le informazioni il Consejo Regulador de la Denominación de Origen Protegida Montes de Granada.

 

OO M - 25-11-2019 - Tutti i diritti riservati

OO M

OO M è l'acrostico di Olio Officina Magazine. Tutti gli articoli o le notizie contrassegnate con tale sigla rimandano ai vari collaboratori del giornale on line.

ULTIMI
Alfonso Pascale
L'INCURSIONE

ALFONSO PASCALE

DIXIT
SAGGI ASSAGGI
Il Casa Coricelli 100% italiano

Il Casa Coricelli 100% italiano

Il punto di forza e di novità è nella tracciabilità certificata, ben evidenziata in etichetta. Il numero di lotto rimanda a una materia prima pugliese, e in particolare proveniente dalle province di Taranto e Brindisi. Sapidità, armonia, morbidezza, una nota dolce persistente al primo impatto, il gusto che ricorda il carciofo > Maria Carla Squeo

RICETTE OLIOCENTRICHE
Ricetta d’autore: Budino di pane al cioccolato con zuppa di fragole, menta e olio extra vergine di oliva

Ricetta d’autore: Budino di pane al cioccolato con zuppa di fragole, menta e olio extra vergine di oliva

Marisa Iocco, chef e patron di Spiga Ristorante a Boston, ci propone un dolce tipicamente americano, molto popolare e ormai ritenuto così familiare da non poterlo togliere dal menu, per quanto è richiesto. Lo stesso dolce è stato proposto in occasione del progetto di comunicazione e formazione che si è tenuto a fine 2019 a Boston, Providence e New York, organizzato dai consorzi di qualità degli oli extra vergini di oliva Ceq Italia e, per la Spagna, da QvExtra! con il supporto dell’Unione europea

EXTRA MOENIA
Tre generazioni della famiglia Manca manifestano l'orgoglio di essere produttori d'olio d'alta qualità

Tre generazioni della famiglia Manca manifestano l'orgoglio di essere produttori d'olio d'alta qualità

L’olio San Giuliano, il noto marchio sardo di Alghero, si aggiudica quattro ori all’International Olive Oil Competition di New York. Nel corso di quest'anno ha inoltre ricevuto molti altri prestigiosi riconoscimenti, a Los Angeles e a Zurigo, come pure in Italia. Il tutto a partire dai 167.495 ulivi di proprietà

GIRO WEB
Una piattaforma per cercare manodopera nei campi

Una piattaforma per cercare manodopera nei campi

Si chiama “Lavora con agricoltori italiani” ed è una iniziativa di Cia-Agricoltori Italiani. Si tratta, per l'esattezza, di un portale di intermediazione per mettere in contatto lavoratori e aziende agricole. Ora però si attendono misure concrete da parte delle Istituzioni, la mancanza di manodopera desta non poche preoccupazioni

OO VIDEO

Comunicare l’identità attraverso il packaging

La comunicazione è come una etichetta, deve essere “appiccicata” al prodotto ed esprimere piena aderenza con la natura del prodotto stesso, il brand e il territorio. Il pensiero di Antonio Mele, creative director, nell’ambito di Olio Officina Festival 2020

BIBLIOTECA OLEARIA
Tutto sull’olio. Una guida essenziale

Tutto sull’olio. Una guida essenziale

Non tutti gli italiani conoscono l'olio extra vergine di oliva. Lo consumano, certo, ma ne ignorano la natura e il valore. Lo si vede da come acquistano l’olio al supermercato, scegliendo sempre quello in offerta al prezzo più stracciato. Ecco allora un utile strumento per acquisire le giuste conoscenze e imparare a impiegare al meglio tutti gli extra vergini > Silvia Ruggieri