Mercoledì 12 Dicembre 2018 - direttore LUIGI CARICATO - redazione@olioofficina.it

accedi - registrati - pubblicità - sostieni

saperi > olio

Entra in scena l'aromagramma

La qualità degli oli da olive a partire dalla loro valutazione da parte di un gruppo di assaggiatori rappresenta un momento importante. Assitol crede molto a tale strumento e proprio per questo avvia la sperimentazione di un sistema analitico innovativo, da affiancare all’analisi sensoriale nella verifica della qualità degli oli. La nuova strada? Puntare sull'analisi dei composti volatili dell’olio extra vergine di oliva e rafforzare in tal modo il panel test

OO M

Entra in scena l'aromagramma

Secondo una nota diffusa dall’Associazione italiana dell’industria olearia, il panel test degli oli da olive richiede una grande e specifica attenzione. Proprio per questo motivo Assitol promuove al suo interno "un gruppo rappresentativo delle sue aziende, che lavorerà alla sperimentazione di un sistema analitico innovativo, da affiancare all’analisi sensoriale nella verifica della qualità dell’olio".

Prende così il via in Assitol, l’associazione italiana dell’industria olearia aderente a Federalimentare e Confindustria, la “Task force” per il sistema di analisi sui composti volatili dell’olio extravergine. "Le aziende associate che ne fanno parte - si legge nella nota stampa - intendono sperimentare questo innovativo strumento di controllo nella loro attività quotidiana, con l’obiettivo di affiancarlo all’attuale metodo di analisi sensoriale.

“Il panel test resta fondamentale". A sostenerlo è una professionista del calibro di Anna Cane, che ricopre il ruolo di presidente del Gruppo olio d’oliva di Assitol. "È grazie a tale strumento che abbiamo accresciuto la qualità del nostro olio d’oliva e, ancor oggi, rappresenta il modo migliore per far conoscere il prodotto ai consumatori”. Tuttavia - si legge nella nota diffusa da Assitol -  da tempo il settore avverte la necessità di rendere ancora più robusto e ripetibile questo metodo di controllo. “Occorre fare un passo in più – aggiunge la presidente del gruppo olio d’oliva Anna Cane - e rafforzare l’analisi sensoriale grazie all’apporto delle nuove conoscenze scientifiche”.

Secondo Andrea Serani, coordinatore della task force, “i composti volatili sono molecole che i nostri recettori sensoriali identificano, e di cui è possibile decodificare la presenza attraverso precisi parametri chimici. In pratica, si determina il profilo degli aromi contenuti nell’extra vergine di oliva, il cosiddetto ‘aromagramma’, analizzandoli dal punto di vista chimico”.

Tale strumento ha già dato ottimi risultati nei settori del caffè e del tè e lo stesso mondo accademico vi lavora già da anni. “Riteniamo fondamentale l’impegno svolto finora dalla ricerca – spiega Anna Cane – che ha svolto studi importanti intorno ai composti volatili. Quello che manca è uno studio “calato” nell’attività aziendale, all’interno del controllo qualità, che tenga conto delle esperienze degli operatori e delle problematiche nell’applicazione concreta”. I dati raccolti saranno poi messi a disposizione della ricerca. “Non vogliamo certo sostituirci ai ricercatori – avverte la presidente degli industriali -. Al contrario, Assitol crede nell’importanza del confronto tra mondo scientifico ed industria ed è per questa ragione che abbiamo coinvolto nel progetto gli esperti di un gruppo rappresentativo di imprese associate”.

L’auspicio è di riuscire a coinvolgere altre aziende e altri partner della filiera, con l’obiettivo finale di definire un metodo validato e facilmente applicabile nel controllo aziendale di routine. Il nuovo strumento, oltre all’identificazione dei markers dei difetti, potrebbe inoltre identificare e quantificare un grande numero di altri componenti, che consentirebbero una migliore comunicazione sulle caratteristiche dell’extravergine.

“Con l’aiuto dell’analisi chimica dell’aroma, affiancata all’esame organolettico, potremmo narrare meglio l’olio – osserva la presidente Anna Cane – illustrando in etichetta gli aromi ed i sentori positivi, fornendo il racconto di un’esperienza sensoriale e, al tempo stesso, un’informazione più specifica e completa al consumatore”.

 

 

Si ringrazia per la notizia Silvia Cerioli. La foto di apertura è di Olio Officina

OO M - 02-10-2018 - Tutti i diritti riservati

OO M

OO M è l'acrostico di Olio Officina Magazine. Tutti gli articoli o le notizie contrassegnate con tale sigla rimandano ai vari collaboratori del giornale on line.

ULTIMI
DIXIT
SAGGI ASSAGGI
Riviera Garda Classico Chiaretto

Riviera Garda Classico Chiaretto

Non solo per l’olio, il Garda è altrettanto apprezzato anche per i suoi vini, il chiaretto in particolare fa la sua bella figura. Come per esempio quello prodotto da Il Roccolo, profumi fruttati e floreali, gusto fresco, fine e sapido

RICETTE OLIOCENTRICHE
Felafel con hummus ai tre oli

Felafel con hummus ai tre oli

Un piatto tipico della cucina libanese, egiziana, greca, siriana, turca e israeliana, che unisce i popoli e le tradizioni alimentari del Mediterraneo e del Medio Oriente, riproposto per l’autunno che verrà da Oleificio Zucchi. Cosa ha di speciale questa ricetta oliocentrica? Una perfetta combinazione tra olio di semi di sesamo, olio di semi di arachide e, immancabile, l’olio extra vergine di oliva

EXTRA MOENIA

"Pane e olio" sbarca nella Food Valley

La merenda della tradizione al centro di uno “street event” a Collecchio, luogo simbolo del distretto agroalimentare di Parma. A organizzarlo il Gruppo Panificatori Artigiani di Parma con Assitol e Aibi, l’Associazione italiana Bakery Ingredients. Erano presenti Paolo Bianchi, sindaco di Collecchio, ed Elena Levati, assessore alle Attività produttive

GIRO WEB
Nuovo sito web per la Cia Agricoltori Italiani

Nuovo sito web per la Cia Agricoltori Italiani

Una veste grafica rinnovata, accessibilità da mobile, integrazione con i social media e contenuti interattivi sempre aggiornati: ecco le principali caratteristiche del nuovo portale che offre news sulla Confederazione, ma anche su agroalimentare, ambiente, consumi e ricette degli Agrichef

OO VIDEO

Il racconto di Olio Officina Festival 2018

A Milano, dall'1 al 3 febbraio 2018, con tema portante "Io sono un albero". Le emozioni attraverso le immagini di una tre giorni interamente dedicata all'olio da olive e ai condimenti

BIBLIOTECA OLEARIA
L’olivo nell'area mediterranea

L’olivo nell'area mediterranea

Olive Tree in the Mediterranean Area. A Mirror of the Tradition and the Biotechnological Innovation. La tradizione, l'innovazione biotecnologica. È su questi piani che si delinea il volume di cui è autrice principale, e curatrice, Anarita Leva. È un libro che si prospetta davvero interessante per l'industria vivaistica, nonché per quella agrobiotecnologica e cosmetica, oltre che a tutti coloro che sono sempre più legati alla crescente domanda di prodotti naturali e al richiamo dei polifenoli intesi come antiossidanti e stabilizzanti naturali degli alimenti