Martedì 15 Ottobre 2019 - direttore LUIGI CARICATO - redazione@olioofficina.it

accedi - registrati - pubblicità - sostieni

saperi > olio

L’olio con BioSpremi

Grande soddisfazione per una start up siciliana che si sta imponendo al Premio Marzotto 2017 con un’attrezzatura olearia brevettata da un frantoiano visionario e sognatore. La novità? L'aver innovato e migliorato il sistema a presse tradizionale, in modo da rendere l’estrazione olearia veloce ma di qualità, con un incremento produttivo del 20 per cento

Maria Carla Squeo

L’olio con BioSpremi

È stato un giorno importante giovedi 20 luglio. Lo è stato per la famiglia La Greca, frantoiani e ora anche inventori. Il 20 luglio, per l’esattezza, si è svolta la finale della settima edizione del Premio Gaetano Marzotto. A Milano nella fascinosa cornice di piazza Gae Aulenti, all’interno del Pavilion UniCredit.

Una tappa importante perché in questa fase del Premio Marzotto, la competizione ha visto finora premiate, con percorsi di affiancamento e incubazione, le 35 start-up nazionali con il più alto indice innovativo.

Il presidente Matteo Marzotto si è complimentato con tutti i finalisti, definendoli "espressione dei migliori talenti del Paese, che grazie a tutto il nostro network potranno crescere e affrontare il mercato, trasformando le loro preziose idee in vere imprese competitive, quali ambassador nel mondo".

La mattina abbiamo incontrato nella Redazione di Olio Officina Dina La Greca, che ci ha trasmesso tutta la sua gioia, compreso l’orgoglio per un padre frantoiano inventore di un nuovo corso per il mondo dell'olio.

Dopo l’incontro, in una Milano vinta dall’afa estiva, la sera, poco distante dalla nostra Redazione, si è potuto vedere sfilare il meglio dell’innovazione nazionale, su svariati campi aziendali, andando dalla pelle artificiale che si comporta come quella umana alle app realizzate appositamente per i diversamente abili, dalle nanotecnologie applicate al settore oncologico fino al cibo a inquinamento zero.

Ed è proprio nella categoria Food Tech che si sta imponendo all’attenzione una start-up siciliana, ed esattamente da Nicosia, in provincia di Enna. Questa start-up è stata scelta da ImpactHub di Milano, e consiste in una formula felice, denominata BioSpremi, che altro non è che un’attrezzatura olearia da poco brevettata da Antonino La Greca, il padre di Dina, "un frantoiano visionario e sognatore”, come lo definisce orgogliosa la figlia, perché bravo per essere stato capace di innovare e migliorare il sistema a presse tradizionale, al punto da rendere l’estrazione olearia più veloce senza con questo rinunciare alla qualità. Non solo: senza rinunciare nemmeno alla quantità, visto che con tale nuovo sistema "si registra un incremento produttivo del 20 per cento”.

Ammettiamolo pure, molti storcerebbero subito il naso alla sola idea di pensare alle presse, ma, in fondo, dobbiamo pur ammettere che tale sistema è stato abbandonato senza mai pensare di innovarlo, di effettuare delle migliorie, e di cambiare sostanzialmente l’approccio.

"Il processo estrattivo - spiega Dina La Greca - è scevro dai difetti delle presse a fiscoli, e per questo si tratta di un modo alternativo alle vecchie presse, con un approccio più snello nel processo estrattivo, ma anche ecologico, proprio perché risparmia energia elettrica e non necessita di acqua, restituendo, infine, anche una sansa pronta da portare in caldaia per la combustione, senza passaggi nei sansifici".

"È una vera e propria rivoluzione nel campo oleario, dopo l’avvento delle centrifughe”ammette Dina La Greca.

Ora, il Premio è ancora di là da venire, anche perché prevede altre due tappe conclusive, a ottobre e a novembre, prima di giungere all’assegnazione dei premi in denaro, ma intanto già essere tra le prime 35 start-up nazionali con il più alto indice innovativo è da ritenersi un successo tutto da incorniciare.

Premio Gaetano Marzotto 2017
Dina La Greca, BioSpremi

 

Il progetto - di cui vi comunicheremo presto novità - parte, secondo quanto sostenuto da Dina La Greca, "dall'ottenimento del brevetto al prototipo nel giugno 2015, e la macchina ha avuto applicazione già nel corso della scorsa campagna olearia, 2015/16, ottenendo i risultati sperati sotto i profili qualitativo/quantitativo rapportati alle attuali tecnologie estrattive moderne, ovvero la centrifuga. A oggi - prosegue La Greca - l'invenzione è inserita in progetti di studio comparativo da parte delle università di Catania, Enna e Perugia, oltre a una collaborazione didattica con l'Istituto Tecnico S.A.S.R. (Servizi per l'Agricoltura e lo Sviluppo Rurale), propedeutica al confronto tra tecnologie d'avanguardia in campo sperimentale e metodi ortodossi".

Ne sentiremo ancora parlare.

 

Nella foto di apertura il Bio Spremi A 500, la macchina che spreme la pasta di olive solo mediante pressione meccanica, senza aggiunta di acqua né additivi, senza materiali di consumo come i fastidiosi fiscoli e senza stress centrifughi, né quanto altro potrebbe danneggiare l’olio estratto

 

Maria Carla Squeo - 25-07-2017 - Tutti i diritti riservati

Maria Carla Squeo

Si è occupata di organizzazione di eventi, tra cui le edizioni del grande happening Olio Officina Food Festival a Milano, in qualità di assistente alla direzione e coordinatrice. Collabora con il progetto Olio Officina sin dal suo esordio nel novembre 2010.

ULTIMI
DIXIT
SAGGI ASSAGGI
Conoscete l'olio Dop Provence?

Conoscete l'olio Dop Provence?

Sul mensile Oliocentrico di ottobre abbiamo ospitato la recensione di un olio francese, del Moulin à huile d’olive «Bastide du Laval», operativo a Cadenet, ottenuto a partire da olive Aglandau, Salonenque, Cayon, Bouteillan e Picholine. Sul numero 5 della rivista si può leggere la versione in lingua francese, qui quella in lingua italiana > Cécile Le Galliard

RICETTE OLIOCENTRICHE
“Ho fatto un pasticcio”, con olio Zucchi “Sostenibile” 100% italiano

“Ho fatto un pasticcio”, con olio Zucchi “Sostenibile” 100% italiano

Avete mai sentito parlare di "ricette oliocentriche"? Si parte dalla materia prima olio e a partire da questa si scelgono gli altri ingredienti per giungere alla costruzione di una ricetta. Ecco allora una pratica dimostrazione con la chef Sara Latagliata. La ricetta è stata realizzata per il numero 9 di OOF International Magazine

EXTRA MOENIA
È Roberto Sassoni il nuovo general manager di Carapelli Firenze

È Roberto Sassoni il nuovo general manager di Carapelli Firenze

Forte dei suoi ventisette anni di esperienza nel settore F&B e conserviero, si prepara a entrare nel mondo dell’olio con l’obiettivo di presidiare la qualità dei brand storici italiani del gruppo, tra cui Carapelli, Bertolli, Sasso e Friol, e di proseguire con lo sviluppo di prodotti premium e il percorso di valorizzazione della categoria

GIRO WEB
Nuovo sito web per la Cia Agricoltori Italiani

Nuovo sito web per la Cia Agricoltori Italiani

Una veste grafica rinnovata, accessibilità da mobile, integrazione con i social media e contenuti interattivi sempre aggiornati: ecco le principali caratteristiche del nuovo portale che offre news sulla Confederazione, ma anche su agroalimentare, ambiente, consumi e ricette degli Agrichef

OO VIDEO

Raccontare e sperimentare l’olio

Andare oltre le consuetudini. È molto importante mettersi in relazione con gli chef, perché possono ogni volta nascere idee nuove e preziose. La cucina va raccontata sempre, con tutte le sue emozioni; e anche l’olio extra vergine di oliva è uno di quei alimenti che va a sua volta raccontato, mettendolo in relazione con gli altri cibi. Da qui la creazione di nuovi prodotti, nati dalla collaborazione con gli chef. Intervista a Serena Mela, del Frantoio di Sant’Agata d’Oneglia, nell’ambito della seconda edizione del Forum Olio & Ristorazione

BIBLIOTECA OLEARIA
Il codice sensoriale olio di oliva

Il codice sensoriale olio di oliva

È il libro del tecnologo alimentare William Loria, edito dal Centro Studi Assaggiatori. Un manuale di sole 96 pagine in cui si condensa un sapere essenziale > Maria Carla Squeo