31 Maggio 2020 - direttore LUIGI CARICATO - redazione@olioofficina.it

accedi - registrati - pubblicità - sostieni

saperi > olive

La lavorazione delle olive

Cose da sapere. Ci cibiamo in continuazione di tante olive da tavola, negli aperitivi o in altri contesti e impieghi, senza nemmeno conoscere, per sommi capi, i sistemi per ottenerle. C’è effettivamente una diffusa ignoranza al riguardo

Carlotta Baltini Roversi

La lavorazione delle olive

Per chi voglia apprendere qualcosa in materia di olive da mensa consigliamo la lettura del libro A tavola e in cucina con le olive, di Luigi Caricato, per la collana “Natura&Salute” di Tecniche Nuove. SE interessati al libro si può cliccare QUI

E’ un libro utile, divulgativo, rivolto a tutti, essenziale e prezioso per chi voglia scoprire, pagina dopo pagina, quanto serve sapere per apprendere quanto meno i passaggi essenziali, e non essere del tutto ignari di una materia prima così pregiata e nutrizionalmente sana, come appunto lo sono le olive, anzi, le tante e differenti olive da tavola.

Ecco le principali metodologie, con i vari sistemi di conservazione adottati. E voi sapete individuare quali olive generalmente consumate? Sapete riconoscere i metodi con i quali sono ottenute?

 

Sistema Sivigliano, idoneo per la lavorazione delle olive verdi; si procede attraverso le seguenti fasi: cernita delle olive, calibratura, trattamento con soda, lavaggi, salamoia, fermentazione, calibratura, confezionamento, eventuale pastorizzazione, destinazione per il consumo finale.

Sistema di Castelvetrano, detto anche “alla soda”, idoneo per la lavorazione delle olive verdi; si procede attraverso le seguenti fasi:cernita delle olive, calibratura, soluzione sodico-salina, addolcimento, fermentazione, destinazione per il consumo finale.

Sistema al naturale, idoneo sia per la lavorazione delle olive verdi, sia per quelle cangianti; si procede attraverso le seguenti fasi: cernita delle olive, calibratura, eventualmente schiacciate e denocciolate, salamoia, fermentazione, calibratura, confezionamento, eventuale pastorizzazione, destinazione per il consumo finale.

Sistema al naturale, versione alla greca, idoneo per la lavorazione sia delle olive cangianti, sia delle olive nere; si procede attraverso le seguenti fasi: cernita delle olive, calibratura, salamoia, fermentazione, calibratura, con eventuale esposizione all’aria, confezionamento, destinazione per il consumo finale.

Sistema Kalamata, idoneo per la lavorazione delle olive nere; si procede attraverso le seguenti fasi: cernita delle olive, calibratura, incisione, lavaggi, salamoia, immersione in aceto, confezionamento con olio di oliva, destinazione per il consumo finale.

Sistema Californiano, idoneo per la lavorazione delle olive nere, si procede attraverso le seguenti fasi: cernita delle olive, calibratura, salamoia, trattamento con soda, ossidazione all’aria, lavaggi, trattamento con sali ferrosi, salamoia, eventuale pastorizzazione, calibratura, confezionamento e sterilizzazione, destinazione per il consumo finale.

Sistema al sale secco, idoneo per la lavorazione delle olive nere, si procede attraverso le seguenti fasi: cernita delle olive, disidratazione con sale secco e destinazione per il consumo finale.

Sistema delle olive infornate, idoneo per la lavorazione delle olive verdi, si procede attraverso le seguenti fasi: cernita delle olive, calibratura, scottatura, aggiunta di sale secco, essiccazione al forno, confezionamento e destinazione per il consumo finale.

 

Intanto, per chi voglia saperne di più, non mancate di frequnatre la quarta edizione di Olio Officina Food festival, dal 22 al 24 gennaio a Milano. Sarà dato il giusto spazio anche alle olive. Per mantenersi aggiornati sul festival, basta cliccare QUI

Per chi voglia anche procedere con un’altra lettura, molto approfondita, non dimentichi di consultare il sito di Coltura&Cultura, dove è possibile sia prendere in considerazione, e leggere direttamente sul sito il volume L’ulivo e l’olio, sia avere altre preziose informazioni su tutto ciò che è l’alimentazione, anche attraverso videoclip molto curati. Basta cliccare QUI

E per i produttori che vogliano verificare se le proprie olive sono veramente molto buone, c’è anche un concorso, Monna Oliva. Per saperne di più, si può cliccare QUI

 

 Olive al mercato. La foto di apertura è di Luigi Caricato

Carlotta Baltini Roversi - 06-09-2014 - Tutti i diritti riservati

Carlotta Baltini Roversi

Ha studiato pianoforte e scienze religiose, con una tesi sul misticismo nelle canzoni di Franco Battiato. Appassionata di giardinaggio, e in particolare di orchidee, vive nel Salento, dove lavora. Scrive di cibo, collaborando con diverse testate giornalistiche. Si occupa di comunicazione web per Olio Officina Food Festival.

ULTIMI
Alfonso Pascale
L'INCURSIONE

ALFONSO PASCALE

DIXIT
SAGGI ASSAGGI
Il Casa Coricelli 100% italiano

Il Casa Coricelli 100% italiano

Il punto di forza e di novità è nella tracciabilità certificata, ben evidenziata in etichetta. Il numero di lotto rimanda a una materia prima pugliese, e in particolare proveniente dalle province di Taranto e Brindisi. Sapidità, armonia, morbidezza, una nota dolce persistente al primo impatto, il gusto che ricorda il carciofo > Maria Carla Squeo

RICETTE OLIOCENTRICHE
Ricetta d’autore: Budino di pane al cioccolato con zuppa di fragole, menta e olio extra vergine di oliva

Ricetta d’autore: Budino di pane al cioccolato con zuppa di fragole, menta e olio extra vergine di oliva

Marisa Iocco, chef e patron di Spiga Ristorante a Boston, ci propone un dolce tipicamente americano, molto popolare e ormai ritenuto così familiare da non poterlo togliere dal menu, per quanto è richiesto. Lo stesso dolce è stato proposto in occasione del progetto di comunicazione e formazione che si è tenuto a fine 2019 a Boston, Providence e New York, organizzato dai consorzi di qualità degli oli extra vergini di oliva Ceq Italia e, per la Spagna, da QvExtra! con il supporto dell’Unione europea

EXTRA MOENIA
Tre generazioni della famiglia Manca manifestano l'orgoglio di essere produttori d'olio d'alta qualità

Tre generazioni della famiglia Manca manifestano l'orgoglio di essere produttori d'olio d'alta qualità

L’olio San Giuliano, il noto marchio sardo di Alghero, si aggiudica quattro ori all’International Olive Oil Competition di New York. Nel corso di quest'anno ha inoltre ricevuto molti altri prestigiosi riconoscimenti, a Los Angeles e a Zurigo, come pure in Italia. Il tutto a partire dai 167.495 ulivi di proprietà

GIRO WEB
Una piattaforma per cercare manodopera nei campi

Una piattaforma per cercare manodopera nei campi

Si chiama “Lavora con agricoltori italiani” ed è una iniziativa di Cia-Agricoltori Italiani. Si tratta, per l'esattezza, di un portale di intermediazione per mettere in contatto lavoratori e aziende agricole. Ora però si attendono misure concrete da parte delle Istituzioni, la mancanza di manodopera desta non poche preoccupazioni

OO VIDEO

L’olio musicale

È un olio che racconta la passione della famiglia Mela per la musica ed è dedicato ai 70 anni del Festival di Sanremo. A raccontarlo, a Olio Officina festival 2020, Serena Mela, dell’azienda imperiese Frantoio di Sant’Agata d’Oneglia

BIBLIOTECA OLEARIA
Tutto sull’olio. Una guida essenziale

Tutto sull’olio. Una guida essenziale

Non tutti gli italiani conoscono l'olio extra vergine di oliva. Lo consumano, certo, ma ne ignorano la natura e il valore. Lo si vede da come acquistano l’olio al supermercato, scegliendo sempre quello in offerta al prezzo più stracciato. Ecco allora un utile strumento per acquisire le giuste conoscenze e imparare a impiegare al meglio tutti gli extra vergini > Silvia Ruggieri