Giovedì 19 Settembre 2019 - direttore LUIGI CARICATO - redazione@olioofficina.it

accedi - registrati - pubblicità - sostieni

saperi > salute

Health claims dell’Efsa sull'olio

I polifenoli dell’olio di oliva e il loro ruolo protettivo. Un utile studio sulla qualità nutrizionale degli oli extra vergine di oliva sugli scaffali italiani. L’articolo “Dove sono finiti i claims?”, pubblicato su OlioOfficina, è stato uno stimolo per approfondire un tema centrale, tutto incentrato sui benefici nutrizionali

Nicola Caporaso

Health claims dell’Efsa sull'olio

La critica principale che si muove verso gli health claims dell’EFSA relativi all’olio di oliva è la difficoltà del linguaggio, che rende forse incomprensibile il significato di queste frasi al vasto pubblico, e dunque al consumatore, a cui non è certo richiesta una formazione scientifica universitaria per acquistare dell’olio.
I polifenoli, composti fenolici, biofenoli o con qualsiasi altro nome si vogliano riportare, esercitano un ruolo protettivo quando l’assunzione giornaliera supera una certa soglia minima. L’EFSA ha stabilito che il consumo dovrebbe essere per lo meno pari a 5 mg di idrossitirosolo, usando quindi questa specifica molecola come metro, e quindi esprimendo tutti i composti fenoli dell’olio come idrossitirosolo.

Ora, per avere un consumo di 5 mg, non possiamo certo bere mezza bottiglia di olio di oliva al giorno, per il suo alto contenuto calorico (resta pur sempre un grasso). Il quantitativo giornaliero raccomandato di olio consigliato – basato ad esempio sulle richieste nutrizionali per l’acido linoleico e linolenico – è di due cucchiai al giorno, corrispondenti a circa 23 grammi. I famosi 5 mg dovrebbero quindi essere assunti consumando 23 grammi di olio. Pur non essendo specificata una concentrazione minima di fenoli nell’olio, sembra quindi chiaro che un buon olio extravergine di oliva, per poter vantare il claim dell’EFSA, dovrebbe contenere almeno 200-250 mg /kg di composti fenolici.

Da uno studio su 32 oli extravergini di oliva prelevati direttamente dagli scaffali italiani, si è giunti ad un articolo scientifico di cui sono co-autore, pubblicato recentemente su una rivista scientifica internazionale (Journal of Food Composition and Analysis). Dalle nostre analisi è emerso - innanzitutto - che è ancora di notevole la quantità di oli etichettati come “extra vergine di oliva” ma che non superano i test analitici e soprattutto sensoriali previsti per legge.
Per quanto riguarda i polifenoli e i tocoferoli è emersa una grande variabilità. Ad esempio, nonostante la media della concentrazione di tocoferoli sia di circa 200 mg/kg, i valori minimi e massimi erano compresi fra 100 e 300 mg/kg. Ancora più eclatanti i valori dei polifenoli totali: da circa 50 a circa 500 mg/kg, quindi sullo scaffale si può comprare un olio “salutare” che ha 500 ppm di biofenoli, o uno che ne ha ben dieci volte meno.

Un’altra nota riguarda la concentrazione di esteri metilici ed etilici degli acidi grassi, i cosiddetti alchil esteri. Questi composti hanno avuto una revisione con abbassamento della concentrazione massima per gli extra vergini, che al momento della stesura dell’articolo era ancora a 75 mg/kg. Con l’abbassamento del limite, il numero di oli non definibili più extravergine sulla base del livello di alchil esteri sarà ancora maggiore.

Il dato migliore, come ci si aspettava, è stato ottenuto per gli oli DOP, che avevano la concentrazione di alchil esteri più bassa fra i campioni analizzati, insieme ad alcuni altri oli etichettati come “100% italiani”. Anche la concentrazione dei composti fenolici era notevolemente maggiore negli oli 100% italiani, e in particolare in quelli DOP, raggiungendo valori fra 400 e 590 mg/kg di biofenoli totali in quest’ultimo gruppo.

Confrontando le medie dei valori ottenuti da extravergini etichettati come blend di oli comunitari (quindi, probabilmente miscele di oli spagnoli, greci e italiani) e quelli 100% italiani, per questi ultimi si sono ottenuti valori significativamente maggiori per tutti i seguenti parametri: attività antiossidante, concentrazione in tocoferoli, composti fenolici totali e punteggio al panel test.
Con particolar riguardo ai composti fenolici, è da notare che la media per gli italiani era di circa 300 mg/kg, mentre per i blend europei era di circa la metà.
Sulla base di questa considerazione, perciò, non è detto che tutti gli oli extravergine possano automaticamente forgiarsi degli health claims previsti dall’EFSA, e i produttori (o l’industria) dovranno avere la certezza che la concentrazione dei composti fenolici raggiunga almeno la soglia minima.

Un altro paio di considerazioni finali sono però d’obbligo.

1. E’ vero che a maggior concentrazione di fenoli corrispondono maggiori benefici nutrizionali e maggiore attività antiossidante in vivo e in vitro (che aiuta anche nella conservazione dell’olio), ma la conseguenza sensoriale è quella di un olio amaro e piccante, che è di difficile accettabilita’ sensoriale da parte del consumatore. Quando si parla di oli di qualita’, i concetti di equilibrio e di armonia vanno considerati in modo adeguato, e non avrebbe forse senso cercare di ottenere a tutti i costi un olio che esprime quasi esclusivamente forte note di amaro e piccante.

2. A livello analitico, è ancora da definirsi la tecnica di analisi ufficiale da adottare per quantificare i composti fenolici dell’olio di oliva, in modo da armonizzare la legislazione europea e dei paesi membri del COI. All’interno del gruppo di esperti chimici del COI è in corso da tempo il dibattito relativo al metodo, poiché ad esempio l’adozione di un metodo colorimetrico come il Folin-Ciocalteu o la cromatografia mediante HPLC, con o senza idrolisi preventiva dei fenoli, può portare a valori leggermente diversi.

 

LEGGI ANCHE

Lo studio citato

Dove sono finiti i claims?

 

La foto di apertura è di Gianfranco Maggio

Nicola Caporaso - 31-03-2015 - Tutti i diritti riservati

COMMENTI

Per poter commentare l'articolo è necessaria la registrazione.
Se sei già registrato devi effettuare l'accesso.

antonio iannacci

08:40 | 03 aprile 2015

Salve, considerando che la quantità di polifenoli e delle altre componenti minori varia col passare del tempo, per usare i claims in etichetta bisognerebbe ripetere le analisi prima di imbottigliare ogni lotto?

Grazie

Nicola Caporaso

Laurea di primo livello in Scienze e Tecnologie agrarie, laurea Magistrale in Scienze e tecnologie delle produzioni agrarie, entrambe presso l'Università Federico II di Napoli, con massimo dei voti e lode. Attualmente svolge il dottorato di ricerca in Scienze e tecnologie agro-alimentari presso il Dipartimento di Agraria dello stesso ateneo, occupandosi di olio di oliva, gastronomia ed emulsioni alimentari. Ha esperienze di studio e ricerca presso l'Università di Córdoba (Spagna), Dublin Institute of Technology (Irlanda) e l'Università di Jaén (Spagna). E’ appassionato di cucina, nuove tecnologie e divulgazione scientifica e tecnica.

ULTIMI
Alfonso Pascale
L'INCURSIONE

ALFONSO PASCALE

DIXIT
SAGGI ASSAGGI
Il vino della settimana è il Valpolicella Classico Superiore di Zenato

Il vino della settimana è il Valpolicella Classico Superiore di Zenato

L'azienda, di Peschiera del Garda, nel Veneto veronese, opera sia nell'area gardesana, sia in Valpolicella. Nei suoi 75 ettari produce vini di qualità nel rispetto del territorio e valorizzando i vitigni autoctoni. Quello in degustazione,  da uve Corvina Veronese, Rondinella e Corvinone, è un rosso rubino, con note di frutta matura, molto balsamico, e che con l’ossigenazione evolve allo speziato > Enrico Rana

RICETTE OLIOCENTRICHE
“Ho fatto un pasticcio”, con olio Zucchi “Sostenibile” 100% italiano

“Ho fatto un pasticcio”, con olio Zucchi “Sostenibile” 100% italiano

Avete mai sentito parlare di "ricette oliocentriche"? Si parte dalla materia prima olio e a partire da questa si scelgono gli altri ingredienti per giungere alla costruzione di una ricetta. Ecco allora una pratica dimostrazione con la chef Sara Latagliata. La ricetta è stata realizzata per il numero 9 di OOF International Magazine

EXTRA MOENIA
Si chiama Evo Selection. È il nuovo nato del Frantoio di Sant’Agata d’Oneglia

Si chiama Evo Selection. È il nuovo nato del Frantoio di Sant’Agata d’Oneglia

Novità di prodotto. Si amplia la gamma della Famiglia Mela di Imperia. Si tratta di un monocultivar Taggiasca che arricchisce l’ampia offerta di produzioni della nota azienda ligure. Si presenta con un abbigliaggio in chiave moderna, in linea con le esigenze di bellezza e bontà proprie del pubblico dei millenials

GIRO WEB
Nuovo sito web per la Cia Agricoltori Italiani

Nuovo sito web per la Cia Agricoltori Italiani

Una veste grafica rinnovata, accessibilità da mobile, integrazione con i social media e contenuti interattivi sempre aggiornati: ecco le principali caratteristiche del nuovo portale che offre news sulla Confederazione, ma anche su agroalimentare, ambiente, consumi e ricette degli Agrichef

OO VIDEO

Aurevo. L’olio al centro delle attenzioni

È una delle tre proposte ristorative presenti all’interno del Palazzo di Varignana. Per chi ha piacere di andarci, è possibile degustare tutti gli oli prodotti nelle tenute di Agrivar a Castel San Pietro Terme, sui colli bolognesi. Il contesto è unico e ha due anime: è un resort e insieme una azienda agricola con oltre 200 ettari. L’intervista a Eleonora Berardi, nell’ambito della seconda edizione del Forum Olio & Ristorazione. Tre i punti di forza: legame con il territorio, storia e tradizione

BIBLIOTECA OLEARIA
Il codice sensoriale olio di oliva

Il codice sensoriale olio di oliva

È il libro del tecnologo alimentare William Loria, edito dal Centro Studi Assaggiatori. Un manuale di sole 96 pagine in cui si condensa un sapere essenziale > Maria Carla Squeo