Giovedì 19 Settembre 2019 - direttore LUIGI CARICATO - redazione@olioofficina.it

accedi - registrati - pubblicità - sostieni

saperi > salute

Un muro fra scienza e profani

Il dibattito sui grassi. Solo l'olio extra vergine di oliva può abbattere tale barriera. “La mia attività di cardiologo operativo - ci scrive l’autore dell’articolo – mi obbliga quotidianamente a dare sicurezze ai miei pazienti basate su dati certi e verificabili”. Il messaggio da trasmettere? Consumare anche con una certa abbondanza, se si vuol ridurre il rischio di infarto

Guido Balestra

Un muro fra scienza e profani

Tanti argomenti di medicina, salute e scienze umane si sono così complicati negli anni che è veramente difficile orientarsi per un lettore non addentro alla materia medica. Uno di questi argomenti è senz'altro quello dei grassi nell'alimentazione umana.

Il recente dibattito che ha preso piede in Olio Officina Magazine ne è una ulteriore prova. Per portare un po di chiarezza tenteremo di fare il punto su dove sia arrivata la scienza nutrizionistica in questi ultimi anni. Quando parliamo di grassi, intendiamo grassi animali, vegetali, saturi, insaturi.

Migliaia di pubblicazioni fatte da chimici, biochimici, biologi, epidemiologi, endocrinologi, diabetologi, cardiologi nutrizionisti, ecetera, eccetera, hanno cercato di portare elementi pro o contro uno o l'altri di questi tipi di grassi in merito alla loro innocuità o nocività sulla salute umana.

L'olio extra vergine di oliva (EVO), costituito prevalentemente da acido oleico, vegetale monoinsaturo, si trova anch'esso in questo calderone, e ha pagato uno scotto per le cattive compagnie e la "confusione" scientifica in cui si è venuto a trovare.

Per capire il punto in cui siamo, riportiamo, traducendole letteralmente,   alcune righe pubblicate recentemente nelle “Linee Guida Europee di Prevenzione Cardiovascolare”, che mettono in evidenza tutte le incertezze della scienza medica e epidemiologica:

"Dopo 40 anni di ricerche mediche l'impatto dei grassi saturi sul rischio di malattie cardiovascolari è ancora controverso".

Spiegazione: non è vero che i grassi animali fanno sempre e solo male, o per lo meno non è dimostrato.

"Se sostituiamo una parte dei  grassi animali con grassi poliinsaturi (di semi, vegetali, non di oliva) riduciamo il rischio cardiovascolare" .

Ci sono molti studi che hanno dimostrato questa affermazione. Non vi erano studi che avessero dimostrato che sostituendo i grassi animali con carboidrati o grassi monoinsaturi (EVO) si riducesse il rischio. Tutto questo fino alla pubblicazione, un anno fa, dello studio Premined, che ha dimostrato che   l'aggiunta di dosi generose di EVO (1 litro alla settimana) o l'aggiunta di grassi polinsaturi mediante l'introduzione di noci, mandorle o nocciole inserite in una   dieta povera di grassi, riduce il rischio rispetto a coloro che assumono una dieta solo povera di grassi.

Spiegazione: assumere EVO riduce il rischio rispetto a coloro che si limitano ad   assumere pochi grassi. Questa è una affermazione rivoluzionaria che la classe medica ha serie difficoltà ad assorbire e quindi a trasmettere ai propri pazienti. Il messaggio è: consumate olio di oliva anche con una certa abbondanza se volute ridurre il rischio di avere un infarto.

Inoltre, è più gradevole mangiare dei semi oleosi o condire una infinità di alimenti con EVO che ne potenzia e migliora il sapore? Lo studio Predimed è il frutto di un grande impegno organizzativo e scientifico della Spagna, che ha voluto portare una pietra miliare nelle conoscenze mediche sui grassi e al tempo stesso promuovere un suo prodotto tipico, al tempo stesso è il segno di un paese che pur vivendo una crisi economica importante ha voluto dare un segno di volonta comune di ripresa. Perchè in Italia mancano del tutto questi segni ?

 

 

 La foto di apertura è di Luigi Caricato

Guido Balestra - 29-10-2014 - Tutti i diritti riservati

COMMENTI

Per poter commentare l'articolo è necessaria la registrazione.
Se sei già registrato devi effettuare l'accesso.

Guido Balestra

17:12 | 08 novembre 2014

Guido Balestra
I dati "scientifici" hanno mostrato che EVO riduce lievemente Ldl e aumenta lievemente Hdl, tuttavia la moderna ricerca ha dimostrato: 1) Hdl è un indicatore che può sbagliare 2) Ldl sbaglia meno 3) quello che conta non sono le variazioni dei grassi ematici ma la riduzione degli eventi cardiovascolari e PREDIMED ha dimostrato una riduzione significativa di eventi ( infarto, ictus, morte cardiovascolare). Quando si dimostra questo,tutti gli altri indicatori ( Ldl, Hdl, omega 3 etc.. ), che si chiamano marker surrogati , perdono di importanza. Si passa dall'ipotesi di beneficio a certezza di beneficio. Ma avere questa certezza è stato impegnativo e costoso... non sciupiamola !!!

vincenzo nisio

11:18 | 30 ottobre 2014

Egregio Dottore, ovviamente il Suo intervento è interessante e anche un pò rivoluzionario. Da profano Le chiedo se l'olio extra vergine da olive ha la capacità di abbassare il colesterolo cattivo (LDL) e aumentare quello buono (HDL). Glielo chiedo sia perchè è una informazione molto diffusa e sia perchè in un precedente intervento (dibattito sui grassi) è stato smentito dal dr. Francesco Visioli. Dal suo intervento mi pare di comprendere questo: mi sbaglio?

ULTIMI
Alfonso Pascale
L'INCURSIONE

ALFONSO PASCALE

DIXIT
SAGGI ASSAGGI
Il vino della settimana è il Valpolicella Classico Superiore di Zenato

Il vino della settimana è il Valpolicella Classico Superiore di Zenato

L'azienda, di Peschiera del Garda, nel Veneto veronese, opera sia nell'area gardesana, sia in Valpolicella. Nei suoi 75 ettari produce vini di qualità nel rispetto del territorio e valorizzando i vitigni autoctoni. Quello in degustazione,  da uve Corvina Veronese, Rondinella e Corvinone, è un rosso rubino, con note di frutta matura, molto balsamico, e che con l’ossigenazione evolve allo speziato > Enrico Rana

RICETTE OLIOCENTRICHE
“Ho fatto un pasticcio”, con olio Zucchi “Sostenibile” 100% italiano

“Ho fatto un pasticcio”, con olio Zucchi “Sostenibile” 100% italiano

Avete mai sentito parlare di "ricette oliocentriche"? Si parte dalla materia prima olio e a partire da questa si scelgono gli altri ingredienti per giungere alla costruzione di una ricetta. Ecco allora una pratica dimostrazione con la chef Sara Latagliata. La ricetta è stata realizzata per il numero 9 di OOF International Magazine

EXTRA MOENIA
Si chiama Evo Selection. È il nuovo nato del Frantoio di Sant’Agata d’Oneglia

Si chiama Evo Selection. È il nuovo nato del Frantoio di Sant’Agata d’Oneglia

Novità di prodotto. Si amplia la gamma della Famiglia Mela di Imperia. Si tratta di un monocultivar Taggiasca che arricchisce l’ampia offerta di produzioni della nota azienda ligure. Si presenta con un abbigliaggio in chiave moderna, in linea con le esigenze di bellezza e bontà proprie del pubblico dei millenials

GIRO WEB
Nuovo sito web per la Cia Agricoltori Italiani

Nuovo sito web per la Cia Agricoltori Italiani

Una veste grafica rinnovata, accessibilità da mobile, integrazione con i social media e contenuti interattivi sempre aggiornati: ecco le principali caratteristiche del nuovo portale che offre news sulla Confederazione, ma anche su agroalimentare, ambiente, consumi e ricette degli Agrichef

OO VIDEO

Aurevo. L’olio al centro delle attenzioni

È una delle tre proposte ristorative presenti all’interno del Palazzo di Varignana. Per chi ha piacere di andarci, è possibile degustare tutti gli oli prodotti nelle tenute di Agrivar a Castel San Pietro Terme, sui colli bolognesi. Il contesto è unico e ha due anime: è un resort e insieme una azienda agricola con oltre 200 ettari. L’intervista a Eleonora Berardi, nell’ambito della seconda edizione del Forum Olio & Ristorazione. Tre i punti di forza: legame con il territorio, storia e tradizione

BIBLIOTECA OLEARIA
Il codice sensoriale olio di oliva

Il codice sensoriale olio di oliva

È il libro del tecnologo alimentare William Loria, edito dal Centro Studi Assaggiatori. Un manuale di sole 96 pagine in cui si condensa un sapere essenziale > Maria Carla Squeo