Martedì 17 Settembre 2019 - direttore LUIGI CARICATO - redazione@olioofficina.it

accedi - registrati - pubblicità - sostieni

saperi > scuola d'assaggio

Quando assaggiare un olio

Sembra così scontato, come a dire “si degusta quando si vuol degustare”, eppure la domanda risponde a una sua stringente logica. Esiste un momento ritenuto migliore in assoluto per poter procedere a una valutazione sensoriale di un olio extra vergine di oliva dopo averlo prodotto? O tale momento ideale può forse differire a seconda dei casi e delle circostanze? Cambia forse da olio a olio?

Lorenzo Cerretani

Quando assaggiare un olio

Ma qual è il miglior momento, dopo la produzione, per assaggiare un olio? Ovvero quando mostrerà la migliore performance sensoriale? Sicuramente non é possibile rispondere in maniera assoluta ad una domanda di questo tipo. Infatti, il momento ideale può differire da olio ad olio.

Questo quesito è comunque centrale nell'organizzazione di un concorso o un qualsiasi evento che abbia lo scopo di valutare un olio e metterlo a confronto con altri. Il migliore o comunque il peggior momento vanno considerati nella scelta della data di svolgimento delle valutazioni sensoriali in una competizione. Allo stesso modo è utile che anche il produttore conosca le variabili che possano influenzare la valutazione sensoriale del proprio olio.

Infatti, in tal senso va considerato come vi siano effettivamente più variabili che possono di fatto concorrere alla prestazione sensoriale di un olio, e tra queste variabili distinguiamo:

- la normale dotazione fenolica delle varietà che costituiscono un olio. Una buona dotazione fenolica permette una buona conservazione delle caratteristiche sensoriali, se l'olio è stato ben conservato e, soprattutto, se non ha subito particolari sbalzi termici;

- il tempo intercorso tra la produzione e l'assaggio. Se troppo breve (qualche settimana) l'olio potrebbe non esprimere a pieno le proprie caratteristiche, in particolare i propri profumi, e non avrebbe inoltre ancora tutti gli elementi di "maturità". Al contrario, se si superano 7-8 mesi dalla produzione potrebbero comparire i primi segni di "stanchezza". Quest'ultimo aspetto è ancora più significativo per gli oli caratterizzati da un contenuto fenolico medio-basso;

- i giorni di trasporto e le temperature dell'ambiente esterno e quindi quelle raggiunte dal prodotto durante il trasporto. Quindi un trasporto in pieno inverno con soste in magazzino (magari nel fine settimana) potrebbero determinare la solidificazione del prodotto che potrebbe comprometterne le valutazioni sensoriali. Vale anche il contrario, ovvero anche le temperature troppo alte, quindi soste in magazzini caldi potrebbero portare a modificazioni delle caratteristiche olfatto-gustative dell'olio;

- modalità di conservazione del campione prima dell'assaggio. Al pari delle fasi di conservazione in frantoio e durante il trasporto, anche durante lo svolgimento delle procedure concorsuali tutti gli oli dovrebbero essere conservati a temperature di 10°C circa.

Chiaramente non tutti gli oli risentono allo stesso modo dei fattori sopra elencati. Sicuramente gli oli normalmente classificati tra i fruttati leggeri e quelli caratterizzati da note amare e piccanti di bassa intensità saranno i più penalizzati dalle condizioni più critiche.

 

 

La foto di apertura è di Luigi Caricato

 

Lorenzo Cerretani - 07-06-2016 - Tutti i diritti riservati

ULTIMI
DIXIT
SAGGI ASSAGGI
Il vino della settimana è il Valpolicella Classico Superiore di Zenato

Il vino della settimana è il Valpolicella Classico Superiore di Zenato

L'azienda, di Peschiera del Garda, nel Veneto veronese, opera sia nell'area gardesana, sia in Valpolicella. Nei suoi 75 ettari produce vini di qualità nel rispetto del territorio e valorizzando i vitigni autoctoni. Quello in degustazione,  da uve Corvina Veronese, Rondinella e Corvinone, è un rosso rubino, con note di frutta matura, molto balsamico, e che con l’ossigenazione evolve allo speziato > Enrico Rana

RICETTE OLIOCENTRICHE
L’olio con gli asparagi

L’olio con gli asparagi

Un gustosissimo risotto, ecco una ricetta che ci porta a Cavaion Veronese, nel Veneto, in un territorio ben curato dove si ottiene il pregiatissimo olio Dop Garda. Così, per anticipare la Festa degli asparagi che si svolgerà dal 16 al 19 maggio, sappiamo ora cosa fare quando non si sa bene cosa inventarsi in cucina. La proposta dei Fratelli Turri a partire dal loro extra vergine dal gusto e dai profumi fini e delicati > Luigi Caricato

EXTRA MOENIA
A Vieste l’olio è stato protagonista

A Vieste l’olio è stato protagonista

Una intera settimana per celebrare il re dei grassi nel Gargano. L’olio extra vergine di oliva ha dimostrato di essere un "marcatore culturale” in grado di catalizzare le attenzioni al pari del mare. Gli olivi di Vieste e dintorni sono stati il paesaggio al quale si è potuto fare riferimento, persino per praticare lo yoga e ritrovare se stessi

 

GIRO WEB
Nuovo sito web per la Cia Agricoltori Italiani

Nuovo sito web per la Cia Agricoltori Italiani

Una veste grafica rinnovata, accessibilità da mobile, integrazione con i social media e contenuti interattivi sempre aggiornati: ecco le principali caratteristiche del nuovo portale che offre news sulla Confederazione, ma anche su agroalimentare, ambiente, consumi e ricette degli Agrichef

OO VIDEO

L’olio è stato sempre nascosto, ora è tempo di rimetterlo in risalto

Recuperare il valore della materia prima è fondamentale. Dare centralità all’olio ricavato dalle olive è importante e oggi occorre puntare soprattutto ai giovani, adottando linguaggi adeguati Ai tempi. L’intervista al creative director Antonio Mele nell’ambito della seconda edizione del Forum Olio & Ristorazione (Milano, 2019)

BIBLIOTECA OLEARIA
Il codice sensoriale olio di oliva

Il codice sensoriale olio di oliva

È il libro del tecnologo alimentare William Loria, edito dal Centro Studi Assaggiatori. Un manuale di sole 96 pagine in cui si condensa un sapere essenziale > Maria Carla Squeo