16 Dicembre 2018 - direttore LUIGI CARICATO - redazione@olioofficina.it

accedi - registrati - pubblicità - sostieni

società > incursioni

Dobbiamo educarci al futuro

Alfonso Pascale

Dall'immediato dopoguerra si è monotonamente e dappertutto ripetuto che tutti gli individui sono uguali. Questo martellio sulle coscienze è stato certamente fatto con le migliori intenzioni e, soprattutto, in reazione alle aberranti dottrine fasciste di superiorità razziale. Ma un conto è affermare che nessun individuo o gruppo di individui può vantare una superiorità su un altro individuo o gruppo di individui e un altro conto è dire che siamo tutti uguali.

In realtà, le persone non sono affatto eguali. Ogni individuo è diverso e distinto dall'altro. Si può dire che è unico. E proprio in virtù di tali differenze, per poter convivere e far emergere liberamente il merito, dobbiamo non solo tollerarci reciprocamente, ma essere responsabili e assicurare a tutti pari dignità sociale e uguaglianza delle opportunità nelle condizioni di partenza. Però tutto questo non viene affatto insegnato: probabilmente è molto più facile far passare l'idea semplicistica che tutti siamo uguali, mettendo in risalto solo i diritti e poco i doveri e magari costruendo artificiosamente modelli ritenuti perfetti a cui omologarsi.

Ora che il mondo si è globalizzato, le migrazioni si sono fatte più intense e la società è tecnologicamente progredita, ci accorgiamo che quell'idea di uguaglianza che ci è stata inculcata è limitata e non funziona, mentre emergono molteplici diversità da far convivere. Dobbiamo, dunque, educarci metodicamente alle relazioni con gli altri, all'apertura al diverso, alla responsabilità, alla reciprocità, all'approccio laico, alla cittadinanza, alla democrazia, al rispetto della dignità di tutti, alla creazione di forme comunitarie di vita in cui ciascuno possa disporre di una soglia minima di capacità per autorealizzarsi liberamente. Dobbiamo educarci metodicamente al futuro.

Alfonso Pascale - 07-08-2018 - Tutti i diritti riservati

ULTIMI
DIXIT
SAGGI ASSAGGI
Riviera Garda Classico Chiaretto

Riviera Garda Classico Chiaretto

Non solo per l’olio, il Garda è altrettanto apprezzato anche per i suoi vini, il chiaretto in particolare fa la sua bella figura. Come per esempio quello prodotto da Il Roccolo, profumi fruttati e floreali, gusto fresco, fine e sapido

RICETTE OLIOCENTRICHE
Felafel con hummus ai tre oli

Felafel con hummus ai tre oli

Un piatto tipico della cucina libanese, egiziana, greca, siriana, turca e israeliana, che unisce i popoli e le tradizioni alimentari del Mediterraneo e del Medio Oriente, riproposto per l’autunno che verrà da Oleificio Zucchi. Cosa ha di speciale questa ricetta oliocentrica? Una perfetta combinazione tra olio di semi di sesamo, olio di semi di arachide e, immancabile, l’olio extra vergine di oliva

EXTRA MOENIA
Esiste un turismo esperienziale. L’olivicoltura ligure ne è pienamente coinvolta

Esiste un turismo esperienziale. L’olivicoltura ligure ne è pienamente coinvolta

A Genova è stato presentato il nuovo libro di Umberto Curti, incentrato su una forma nuova e del tutto inedita di turismo, molto utile per chi intenda valorizzare al meglio il territorio. L stesso tema sarà affrontato sabato 2 febbraio a Milano, in occasione di Olio Officina Festival

GIRO WEB
Nuovo sito web per la Cia Agricoltori Italiani

Nuovo sito web per la Cia Agricoltori Italiani

Una veste grafica rinnovata, accessibilità da mobile, integrazione con i social media e contenuti interattivi sempre aggiornati: ecco le principali caratteristiche del nuovo portale che offre news sulla Confederazione, ma anche su agroalimentare, ambiente, consumi e ricette degli Agrichef

OO VIDEO

Il racconto di Olio Officina Festival 2018

A Milano, dall'1 al 3 febbraio 2018, con tema portante "Io sono un albero". Le emozioni attraverso le immagini di una tre giorni interamente dedicata all'olio da olive e ai condimenti

BIBLIOTECA OLEARIA
L’olivo nell'area mediterranea

L’olivo nell'area mediterranea

Olive Tree in the Mediterranean Area. A Mirror of the Tradition and the Biotechnological Innovation. La tradizione, l'innovazione biotecnologica. È su questi piani che si delinea il volume di cui è autrice principale, e curatrice, Anarita Leva. È un libro che si prospetta davvero interessante per l'industria vivaistica, nonché per quella agrobiotecnologica e cosmetica, oltre che a tutti coloro che sono sempre più legati alla crescente domanda di prodotti naturali e al richiamo dei polifenoli intesi come antiossidanti e stabilizzanti naturali degli alimenti

VISIONI

Non rispondere è sempre una risposta

Cees Nooteboom