Sabato 17 Agosto 2019 - direttore LUIGI CARICATO - redazione@olioofficina.it

accedi - registrati - pubblicità - sostieni

società > incursioni

Ecco l’olio più buono che c’è, il mio preferito

Luigi Caricato

Spesso mi rivolgono le domande più strane, quando mi intervistano i colleghi, come pure quando, nel corso di alcuni incontri, qualcuno pubblicamente (e insistentemente) mi chiede quale sia, per me, l’olio migliore in assoluto, o comunque quello che più preferisco in quanto ritenuto più eccellente tra i tantissimi extra vergini in commercio. Inutile evidenziare il fatto che tutti, nel chiedermelo, manifestano la curiosità di sapere il nome di un’azienda e, in particolare, il riferimento a un territorio specifico.

Chi mi conosce può ben intuire la mia risposta, non amando le classifiche, e nemmeno l'idea stessa di evocare un nome da collocare ai piani più alti, elevandolo a eccellenza assoluta.

In ogni caso, anche se avessi un olio a marchio Dop preferito, non lo direi mai, nemmeno sotto tortura. Non voglio che si creino inutili mode. Tutti gli extra vergini sono per me potenzialmente eccellenti, dipende da come si producono e dagli andamenti stagionali.

Mi piacciono sicuramente gli oli di grande personalità, siano essi fruttati tenui, medi o intensi. Dovendomi soffermare sulle Dop (tante, troppe) posso senza alcun dubbio sostenere che, a parte alcune eccezioni, sono gli oli a marchio Dop del centro nord Italia quelli di gran lunga più efficaci, perché i loro consorzi sono meglio organizzati, riuscendo di conseguenza a imporsi meglio all’attenzione generale.

Al Sud – e lo dico con amarezza, essendo nato in Puglia, nel Salento – noto come purtroppo manchino in capacità organizzativa: non investono in marketing, né, tanto meno, in comunicazione; e così accade per contro che alcune aree come la Liguria o il Garda, o una regione come la Toscana, riescano a spuntare sempre maggiori e continui successi, pur non disponendo di grandi superfici olivicole.

La vera sfida consiste tutta nel riuscire a scuotere il Sud, affinché si liberi dalle maglie di una prigione che in tutti questi anni è riuscita a sottrarre tanta linfa vitale al settore. Sia ben chiaro: non è una demolizione dell’associazionismo che ha gestisto finora il settore. Non sia mai! - ma va pur detto che una buona parte di questo vasto universo di organizzazioni che affolla il mondo agricolo e paragaricolo si è mosso purtroppo in maniera distruggente, alla maniera, per essere più precisi, di un elefante che si agita in una cristalleria.

Non tutto è perduto, perché è solo recuperando il primordiale spirito ispiratore dell’associazionismo, così come era concepito agli albori, che si potrà far risalire la china a tutti quei territori che, a parte le singole aziende modello, non riescono a emergere collettivamente.

Ora, però, anche a distanza di qualche anno, la situazione è diversa, qualcosa sta cambiando. Possiamo sentirci più tranquilli. Tuttavia, nemmeno sotto tortura vi dirò il mio olio preferito. Anche perché sapete bene che il mio olio preferito è, per definizione, l’olio prodotto meglio, indipendentemente dalle origini. Ovunque si fa l’olio buono, laddove esiste un bravo produttore.

Luigi Caricato - 10-05-2016 - Tutti i diritti riservati

ULTIMI
DIXIT
SAGGI ASSAGGI
I migliori Oli di Famiglia

I migliori Oli di Famiglia

In Puglia c'è un concorso speciale, rivolto ai non professionisti, ovvero agli olivicoltori dilettanti. L'idea è partita quasi per caso, ma c'era comunque  tutta una visione dietro e una progettualità. Le recensione di un olio spagnolo e di un olio italiano > Mimmo Lavacca

RICETTE OLIOCENTRICHE
L’olio con gli asparagi

L’olio con gli asparagi

Un gustosissimo risotto, ecco una ricetta che ci porta a Cavaion Veronese, nel Veneto, in un territorio ben curato dove si ottiene il pregiatissimo olio Dop Garda. Così, per anticipare la Festa degli asparagi che si svolgerà dal 16 al 19 maggio, sappiamo ora cosa fare quando non si sa bene cosa inventarsi in cucina. La proposta dei Fratelli Turri a partire dal loro extra vergine dal gusto e dai profumi fini e delicati > Luigi Caricato

EXTRA MOENIA
Il successo di Carapelli for Art 2019 porta nuovo valore

Il successo di Carapelli for Art 2019 porta nuovo valore

Anche la seconda edizione del concorso è andata molto bene. Si è registrato infatti uno straordinario numero di candidature, oltre a un altissimo livello delle opere candidate. C'è grande attesa: i vincitori saranno annunciati nel mese di settembre. Il montepremi complessivo messo in palio dal concorso è di 12 mila euro, suddivisi tra le categorie "Open" e "Accademia"

GIRO WEB
Nuovo sito web per la Cia Agricoltori Italiani

Nuovo sito web per la Cia Agricoltori Italiani

Una veste grafica rinnovata, accessibilità da mobile, integrazione con i social media e contenuti interattivi sempre aggiornati: ecco le principali caratteristiche del nuovo portale che offre news sulla Confederazione, ma anche su agroalimentare, ambiente, consumi e ricette degli Agrichef

OO VIDEO

Le ricette evo. L'olio buono in cucina

OOF 2019. A Olio Officina Festival 2019 grande risalto all'olio extra vergine di oliva come ingrediente. La scelta di una buona materia prima e l'attenzione a utilizzare al meglio l'olio da olive va incentivata sin da subito. La formazione è un buon punto di partenza. Cinzia Boschiero intervista Cristina Santagata

BIBLIOTECA OLEARIA
Il codice sensoriale olio di oliva

Il codice sensoriale olio di oliva

È il libro del tecnologo alimentare William Loria, edito dal Centro Studi Assaggiatori. Un manuale di sole 96 pagine in cui si condensa un sapere essenziale > Maria Carla Squeo