Martedì 22 Gennaio 2019 - direttore LUIGI CARICATO - redazione@olioofficina.it

accedi - registrati - pubblicità - sostieni

società > incursioni

La grave stortura della Pac

Alfonso Pascale

L’economista Alan Matthews, attraverso la rielaborazione di dati della Dg Agri della Commissione europea, è riuscito a calcolare che circa il 55% dei pagamenti diretti della PAC è riservato ai 750mila agricoltori con il reddito più alto. L'entità dei pagamenti diretti raggiunge ogni anno una somma pari a 42 miliardi di euro. Mentre il numero complessivo dei beneficiari ammonta a 7,4 milioni di agricoltori.

Il risultato dell'indagine, oltre a mostrare l’elevata disuguaglianza della distribuzione dei pagamenti rispetto al reddito, conferma quanto si poteva intuitivamente supporre: agli agricoltori con il più elevato reddito agricolo vanno gli aiuti diretti di importo maggiore.
C'è, dunque, nell'agricoltura europea, un grave problema di giustizia distributiva che si trascina dagli anni Sessanta, cioè da quando esiste la PAC.

Il Presidente della Commissione europea, Jean-Claude Juncker, ha annunciato la futura presentazione di una comunicazione della Commissione europea al Parlamento europeo e al Consiglio sul futuro della PAC.

La comunicazione che la Commissione europea adotterà entro la fine del 2017, avrà come obiettivo la semplificazione e la modernizzazione della PAC. Al fine di predisporre il testo della comunicazione, la Commissione europea darà avvio, all’inizio del 2017, ad una consultazione pubblica sulla PAC post 2020 così da ricevere i contributi di chiunque abbia interesse a farlo e decidere l’orientamento che tale politica strategica dovrà avere nel futuro.

I social network dovrebbero essere utilizzati dagli agricoltori, soprattutto i piccoli e medi che sono i più penalizzati, per sensibilizzare l'opinione pubblica ed eliminare questa grave stortura della PAC.

La mia opinione è che il modo più semplice per affrontare il problema è l'eliminazione degli aiuti diretti per privilegiare lo sviluppo rurale. Ma discutiamone a fondo. E soprattutto informiamo i contribuenti europei su come vengono spese le risorse pubbliche destinate all'agricoltura.

Alfonso Pascale - 10-01-2017 - Tutti i diritti riservati

ULTIMI
DIXIT
SAGGI ASSAGGI
Riviera Garda Classico Chiaretto

Riviera Garda Classico Chiaretto

Non solo per l’olio, il Garda è altrettanto apprezzato anche per i suoi vini, il chiaretto in particolare fa la sua bella figura. Come per esempio quello prodotto da Il Roccolo, profumi fruttati e floreali, gusto fresco, fine e sapido

RICETTE OLIOCENTRICHE
Felafel con hummus ai tre oli

Felafel con hummus ai tre oli

Un piatto tipico della cucina libanese, egiziana, greca, siriana, turca e israeliana, che unisce i popoli e le tradizioni alimentari del Mediterraneo e del Medio Oriente, riproposto per l’autunno che verrà da Oleificio Zucchi. Cosa ha di speciale questa ricetta oliocentrica? Una perfetta combinazione tra olio di semi di sesamo, olio di semi di arachide e, immancabile, l’olio extra vergine di oliva

EXTRA MOENIA
Traguardi importanti per l'Olio San Giuliano

Traguardi importanti per l'Olio San Giuliano

Ottenuta l'ambita certificazione conosciuta come Sistema per la rintracciabilità nella filiera agroalimentare, la nota azienda sarda di Alghero, molto apprezzata per i suoi oli extra vergini di oliva, festeggia il coronamento di un importante e concreto riconoscimento 

GIRO WEB
Nuovo sito web per la Cia Agricoltori Italiani

Nuovo sito web per la Cia Agricoltori Italiani

Una veste grafica rinnovata, accessibilità da mobile, integrazione con i social media e contenuti interattivi sempre aggiornati: ecco le principali caratteristiche del nuovo portale che offre news sulla Confederazione, ma anche su agroalimentare, ambiente, consumi e ricette degli Agrichef

OO VIDEO

Il racconto di Olio Officina Festival 2018

A Milano, dall'1 al 3 febbraio 2018, con tema portante "Io sono un albero". Le emozioni attraverso le immagini di una tre giorni interamente dedicata all'olio da olive e ai condimenti

BIBLIOTECA OLEARIA
L’olivo nell'area mediterranea

L’olivo nell'area mediterranea

Olive Tree in the Mediterranean Area. A Mirror of the Tradition and the Biotechnological Innovation. La tradizione, l'innovazione biotecnologica. È su questi piani che si delinea il volume di cui è autrice principale, e curatrice, Anarita Leva. È un libro che si prospetta davvero interessante per l'industria vivaistica, nonché per quella agrobiotecnologica e cosmetica, oltre che a tutti coloro che sono sempre più legati alla crescente domanda di prodotti naturali e al richiamo dei polifenoli intesi come antiossidanti e stabilizzanti naturali degli alimenti